Foto don P. Albera-2

Anno 2021 dedicato a: Don Paolo Albera (1845-1921) secondo successore di don Giovanni Bosco. Cenno biografico

Paolo Albera, nato il 6 giugno 1845 a None (Italia) in una famiglia contadina, ultimo di sette figli, di cui...

iss gruppo

Concluso con successo il Convegno Internazionale su Don Paolo Albera

La diretta streaming ha potuto godere della traduzione in inglese di tutti gli interventi. Tutti i lavori, già visibili su YouTube (prima...

Copertina volume 2020 definitiva - 2 marzo 2020_page-0001

Marcel Verhulst: “Demain sera plus beau”. Biographie du Père René-Marie Picron (1906-1991). (= ACSSA – Studi, 9).

Presentazione – volume Ce nouvel ouvrage de M. Verhulst présente un personnage marquant de l’histoire salésienne de Belgique et d’Afrique...

29 febbraio 2020 - Assemblea ACSSA Spagna

RESUMEN de la REUNIÓN de ACSSA-España 29 de febrero de 2020

El sábado 29 de febrero de 2020, a las 10:30 de la mañana, en la Casa Don Bosco de Madrid,...

Polonia 2

ASSEMBLEA ACSSA POLONIA: 23 NOVEMBRE 2019

Il 23 novembre 2019, nella sede dell’Ispettoria San Stanislao Kostka a Varsavia, si è svolto l’incontro dei membri della Sezione...

acssa italia

ASSEMBLEA ACSSA ITALIA – 16 NOVEMBRE 2019

Sabato 16 novembre 2019 si è tenuta per l’intera giornata, presso l’Istituto Maria Ausiliatrice di Via Marghera in Roma, l’assemblea...

BRASILIA

ENCONTRO ANUAL ACSSA BRASIL – Brasília, 10 e 11 de setembro de 2019

  Nos dias 10 e 11 de setembro 2019, alguns membros da ACSSA Brasil e Secretários Inspetoriais – SDB FMA,...

ispettori

Incontro tra Ispettori, ISS e ACSSA

Giovedì, 20 giugno 2019 – L’incontro dei nuovi Ispettori con il Direttore dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), don Thomas Anchukandam, e...

16 giugno 2019 - Baumkirchen - 1-1-1

NOMINA A MEMBRO ONORARIO DELL’ASSOCIAZIONE CULTORI DI STORIA SALESIANA DELL’ARCIVESCOVO EMERITO DI SALISBURGO DR. ALOIS KOTHGASSER SDB

  Il 16 giugno 2019, a Baumkirchen (Austria), il segretario dell’Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA) don Stanisław Zimniak ha...

11 maggio 2019 - 1

Seduta della Presidenza Mondiale ACSSA – 11 maggio 2019

  Sabato 11 maggio 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta la riunione della Presidenza mondiale dell’ACSSA. Erano presenti:...

Assemblea - 30 marzo 2019 (002)

L’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano – 30 marzo 2019

Sabato 30 marzo 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta l’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano (ISS). Erano presenti: don Thomas...

< >

Category: Senza categoria

RIUNIONI – 5 novembre 2021: Consiglio Direttivo e Consiglio di Redazione “Ricerche Storiche Salesiane”; 6 novembre 2021: Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano

Venerdì, 5 novembre 2021, si è svolta la seduta del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), seguita da quella del Consiglio di Redazione della rivista semestrale “Ricerche Storiche Salesiane”. Il giorno seguente si è svolta l’Assemblea dell’ISS nella quale sono stati esaminati i temi che il Consiglio Direttivo ha ritenuto importanti per lo svolgimento regolare della ricerca e del funzionamento logistico dell’Istituto.

Sono stati trattati i seguenti temi: informazione sulla seduta del Consiglio Direttivo e su quella della Redazione delle “RSS” che si è svolta il 5 novembre 2021; informazione sull’incontro della direzione dell’ISS e su quello dell’ACSSA con i neonominati Ispettori, svoltosi l’11 ottobre 2021 nella Sede Centrale Salesiana. I membri dell’ISS presenti hanno reso conto dei loro lavori in cantiere; informazione sul movimento del personale all’interno dell’ISS: si tratta in particolare della fine del lavoro di don Germain Kivungila, rientrato nella sua ispettoria d’origine e della proposta di nominare membro associato il sig. Paolo Vaschetto. Un tempo considerevole è stato dedicato alla verifica del convegno internazionale su don Paolo Albera: una valutazione abbastanza positiva, anche se la partecipazione a tale incontro poteva essere più numerosa. È stata fatta qualche osservazione in riferimento alla qualità di alcuni interventi. Un altro punto è stato la formulazione dei temi da proporre per il convegno internazionale sulle Missioni Salesiane, da realizzare nella primavera 2025, con cui si vuole ricordare la prima spedizione missionaria del 1875. L’ISS ha da coprire una intera giornata. L’evento viene organizzato dalla Direzione generale dei SDB. Sono stati esaminati i lavori in corso dei singoli membri ISS: 1. Fonti Salesiane – Volume Secondo (Prellezo, Giraudo, Anchukandam); 2. Theological Formation of Salesians in India with special reference to Kristu Jyoti College, Bangalore (Anchukandam); 3. The Government of Don Rua, the First Successor and Continuator of Don Bosco (1888-1910) –  A Historical Study (Anchukandam); 4. Epistolario volume decimo – Motto; 5. Corrispondenza dei polacchi con don Bosco: Wąsowicz-Zimniak; 6. Repertorio Bibliografico: 1983-2019, a cura di Cinzia Angelucci e Stanisław Zimniak (collana: Bibliografia ISS); 7. [Francesco Tomasetti], Ordinamento scolastico e professionale. Programmi didattici. Programmi professionali degli alunni artigiani dell’Ospizio del S. Cuore di Gesù in Roma. Roma, Scuola Tipografica Salesiana 1910 (Giorgio Rossi). Si è pure esaminato l’andamento delle ricerche degli esterni all’ISS, che sono le seguenti: 1. Giulio Barberis, Cronachette. Edizione critica a cura di Massimo Schwarzel; 2. Paolo Pieraccini: Salesiani in Terra Santa: dall’“Opera Don Belloni” al Mandato Britannico (1863-1920): attività educativa, questioni politico-diplomatiche, problemi d’identità nazionale; 3. Marcel Verhulst: Vie, action, et pensée de Don Francesco Scaloni, provincial en Belgique et en Angleterre (1861-1926). È stata revisionata la programmazione per gli anni 2021-2026. Sono stati presentati i prossimi appuntamenti che stanno mettendo in atto i membri ISS. Questi sono: presentazione del volume ACSSA: Volti di uno stesso carisma: SDB e FMA nel secolo XX, fissata per il 26 gennaio 2022; invece nei giorni 26-27 aprile 2022 si avrà il convegno su don Alberto Maria De Agostini (1883-1960) che sarà accompagnato dall’apertura, il 25 aprile, da una mostra su di lui nell’atrio dell’UPS. Il responsabile per la biblioteca dell’ISS ha riferito sull’andamento di sistemazione dei libri, portati dalla Pisana (ex Casa generalizia) di cui un buon numero attende il posto nella regolare biblioteca. I presenti hanno esaminato la bozza del bilancio preventivo per l’anno 2022. Si è accennato alla collaborazione tra l’ISS e l’ACSSA, resa complicata a causa della pandemia. È una questione che richiede una riflessione sulle reali possibilità del personale a disposizione, per portare avanti l’attività di questa importante associazione per la promozione di ricerche storiche e per la custodia del patrimonio culturale. Della redazione del “Manuale per l’edizione critica delle fonti salesiane” ha parlato il redattore, notando che il ritardo di pubblicazione è dovuto alla mancanza di tempo, ma si spera di concluderlo nel prossimo anno. Il caporedattore ha presentato il materiale per la rivista “Ricerche Storiche Salesiane” per i seguenti numeri: 2-2021; 1-2022 e 2-2022; 1-2023 e 2-2023. Circa il numero secondo di quest’anno, ha precisato che si è data la precedenza ai contributi dedicati a don Albera. Sono stati presentati all’Assemblea i nomi dei due nuovi recensori, ammessi dal Consiglio Direttivo. Si tratta della studiosa sig.ra Silvia Omenetto – Sapienza Università di Roma e don Kamil Pozorski – dottorante all’UPS. Il caporedattore ha rinnovato l’appello a fornire i dati bibliografici sulle nuove pubblicazioni riguardanti la storia della Famiglia Salesiana, e ha ringraziato per l’accresciuta disponibilità a recensire sia gli articoli per la rivista che quelli per le collane. Gli incontri sono stati conclusi dopo aver fissato le date delle prossime riunioni.

A cura di don Stanisław Zimniak (segretario di coordinamento – ISS)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

CONVEGNO INTERNAZIONALE DON PAOLO ALBERA, Rettor Maggiore della Società salesiana: 30-31 ottobre 2021, ore 14-18 (CET ora italiana)

Quanti desiderassero partecipare al già annunciato Convegno internazionale “Don Paolo Albera” sono pregati di  registrarsi attraverso il link qui sotto indicato:

https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZcudemuqzoqG9WK86HZNdORF5NRcGtsR7Fj

In seguito alla registrazione riceveranno una mai con il link delle videoconferenze.
Le relazioni saranno in lingua italiana (una in lingua spagnola),  ma sarà possibile seguirle anche in lingua inglese.
Chi intendesse partecipare in presenza, presso la facoltà delle Scienze della Comunicazione Sociale, è invitato a comunicarlo entro venerdì sera, 29 ottobre, alla segretaria del Convegno: fmotto@sdb.org

La Segreteria

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Programma definitivo del Convegno Internazionale: Don Paolo Albera Rettor Maggiore della società salesiana (1910-1921) Roma-UPS, 30-31 ottobre 2021

albera bis bis
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Incontro dei nuovi Ispettori con la direzione dell’ISS e dell’ACSSA: Università Pontificia Salesiana – Roma, 18 giugno 2021

Ispettori 1 Ispettori 2 Ispettori 3

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Patagonia: misiones, poder y territorio (1879-1930)

nicoletti

0001

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

21 maggio 2021: Consiglio Direttivo e Consiglio di Redazione “Ricerche Storiche Salesiane” – 22 maggio 2021: Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano

Venerdì, 21 maggio 2021, si è svolta la seduta del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), seguita da quella del Consiglio di Redazione della rivista semestrale “Ricerche Storiche Salesiane”. Il giorno seguente si è svolta l’Assemblea dell’ISS nella quale sono stati esaminati i temi che il Consiglio Direttivo ha ritenuto importanti per lo svolgimento regolare della ricerca e del funzionamento logistico dell’istituto.

Sono stati trattati, dunque, i seguenti argomenti: relazione sulla seduta del Consiglio Direttivo e su quella della Redazione delle “RSS”, svoltosi il 21 maggio 2021. Rapporto dei singoli membri sull’andamento dei propri lavori in corso e delle difficoltà che riscontrano lungo la ricerca, specie a causa della pandemia. Si è valutata la possibilità della presentazione del nono volume dell’Epistolario di don Bosco, curato da don Francesco Motto; sono stati giudicati interessanti e positivi gli interventi dei tre relatori: del signor Giancarlo Cursi, di don Carlo Maria Zanotti SDB e del signor Andrea Farina, tutti docenti all’Università Pontificia Salesiana, per la loro capacità d’esposizione e dell’ottima puntualizzazione dei temi a loro affidati (mondo laico, formazione-guida spirituale, relazioni pubbliche); è stata notata una piuttosto, visti i tempi difficili, rilevata partecipazione diretta, nonché quella a distanza grazie ai moderni mezzi di comunicazione. Il responsabile per la biblioteca dell’ISS ha riferito sul procedimento dei lavori di ordinamento e ha accennato all’acquisto dei nuovi libri. È stata fornita una breve notizia sull’andamento della preparazione del Congresso su don Paolo Albera in programmazione dal 29 al 31 ottobre 2021. In seguito è stata presentata la relazione sull’incontro con il Consigliere generale per le Missioni, don Alfred Maravilla, con i Membri stabili dell’ISS, avuto il luogo il 7 aprile 2021, in vista dell’impostazione del congresso per i 150 anni dalla prima spedizione missionaria (1875-2025). Poi si è riferito sullo stato dell’organizzazione di una serata di studio sul volume di: Marcel Verhulst, «Demain sera plus beau». Biographie du P. René-Marie Picron (1906-1991), uscito l’anno scorso nella “Collana Studi” dell’ACSSA, da inserire nel corso di formazione dei missionari, programmato nell’autunno 2021; per l’organizzazione di quest’evento si è voluto coinvolgere don Samuel Amaglo SDB, studioso della missiologia e, inoltre, responsabile per tale corso. Sono riesaminati i lavori in corso di alcuni membri: 1. Fonti Salesiane: Volume Secondo (J. Prellezo, A. Giraudo, Th. Anchukandam); 2. Il volume di: Th. Anchukandam, Theological Formation of Salesians in India with special reference to Kristu Jyoti College, Bangalore; 3. L’Epistolario di Don Bosco, volume decimo – a cura di don F. Motto; 4. Corrispondenza dei polacchi con don Bosco a cura di J. Wąsowicz-S. Zimniak; 5. Repertorio Bibliografico: 1983-2019, a cura di Cinzia Angelucci e S. Zimniak (collana PiB ISS oppure quella della Bibliografie). Si è parlato dello stato di attuazione delle ricerche degli studiosi esterni, cioè di: Paolo Pieraccini: Salesiani in Terra Santa: dall’“Opera Don Belloni” al Mandato Britannico (1863-1920): attività educativa, questioni politico-diplomatiche, problemi d’identità nazionale e di don Marcel Verhulst: Vie, action, et pensée de Don Francesco Scaloni, provincial en Belgique et en Angleterre (1861-1926). Successivamente si è discusso sulla revisione della programmazione dei Membri ISS per gli anni 2021-2026. È stata brevemente analizzata l’impostazione della continuazione di collaborazione tra l’ISS e l’ACSSA, richiesta dagli rispettivi statuti. Il redattore del manuale per l’edizione critica delle fonti ha riferito sulla sua stesura, ancora non definitiva. Il caporedattore della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” ha presentato alcuni strumenti metodologici da aggiornare, quindi si tratta di comporre una raccolta delle “Esemplificazioni” dell’applicazione delle norme editoriali dell’ISS, tenendo come punto di partenza quelle approvate nel 2009 e della esperienza corrente dei membri stessi; inoltre sono stati esposti i testi: il “Glossario salesiano”, l’elenco delle “Sigle” e i criteri per realizzare una recensione. È stato notificato sull’aggiornamento del sito “ISS-ACSSA”, invitando i membri di fornire le notizie nuove relative sempre all’attività sia dell’ISS sia dell’ACSSA. I presenti sono stati informati dell’ammissione del nuovo recensore del prof. Gianpaolo Fassino (membro dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale) e, inoltre, della proposta di ammettere il salesiano sig. Paolo Vaschetti tra i membri associati del nostro istituto. Il caporedattore ha presentato il materiale per la nostra rivista “Ricerche Storiche Salesiane” per i seguenti numeri: 2-2021; 1-2022 e 2- 2022; 1-2023 e 2-2023. Infine ha rinnovato l’appello di fornire i dati bibliografici sulle nuove pubblicazioni riguardanti la storia della Famiglia Salesiana e ha chiesto di rendersi più disponibili per la realizzazione delle recensioni sia degli articoli per la rivista che quelli per le collane. Gli incontri sono stati conclusi dopo aver fissato le date delle prossime riunioni.

A cura di don Stanisław Zimniak (segretario di coordinamento)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Incontro dei nuovi Ispettori dell’Europa con la direzione dell’ISS e dell’ACSSA: Sede Centrale Salesiana – Roma, 29 marzo 2021

P1020552

P1020547

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Bosco GIOVANNI, Epistolario. Introduzione, testi critici e note a cura di Francesco Motto. Volume nono (1884-1886), lett. 3956-4424. (= ISS – Fonti, Serie prima, 16). Roma, LAS 2021, 605 p.

copertina epistolario

MOLTE LE NOVITÀ DEL NUOVO VOLUME DELL’EPISTOLARIO DI DON BOSCO

Da giorni è ormai in libreria edito dall’Editrice LAS dell’Università Pontificia Salesiana di Roma il nono volume dell’Epistolario di don Bosco, curato come i precedenti, da don Francesco Motto, già direttore dell’Istituto Storico Salesiano (ISS) e attuale presidente dell’ACSSA (Associazione Cultori di Storia Salesiana). Un volume di 605 pagine, di formato superiore allo standard, contenente 469 lettere, scritte e talora solo firmate, da don Bosco nel triennio 1884-1886 (lett. 3956-4424). Un complesso di testi che si può dire riscrivano in qualche modo la storia di don Bosco sul finire della vita.

In effetti il 40% delle lettere è inedito, per cui vengono alla luce molti corrispondenti ignoti alla storia salesiana: italiani, francesi, spagnoli, portoghesi, belgi, polacchi, inglesi, tedeschi, austriaci, ungheresi, cileni, argentini, uruguaiani, brasiliani… Pagina dopo pagina si apre davanti al lettore un caleidoscopio di personaggi della società civile e di quella ecclesiastica in stretto contatto con don Bosco per i più diversi motivi. Ne ha fatta di strada il ragazzo di campagna di Castelnuovo, lo studentello-lavoratore e povero seminarista di Chieri, il semplice prete-studente del Convitto di Torino che attirava a sé i ragazzi semiabbandonati della città con i quali poteva comunicare solo in dialetto! Il nome “don Bosco” negli anni ottanta del secolo XIX risuonava in Italia e all’estero, ivi comprese le gelide terre magellaniche e qualche torrida città dell’India: in corti imperiali e in regge, in castelli e in ville patrizie, in palazzi episcopali e in ministeri, in redazioni dei giornali e in consigli comunali, ma anche in semplici canoniche, in umili case di contadini, in conventi di religiosi e religiose, in seminari e per le strade, sulla bocca di giovani di varie parti d’Europa e d’America Latina.

I lettori poi si accorgeranno subito che molte lettere (circa un terzo) sono scritte in francese, una lingua che don Bosco conosceva a mala pena e che scriveva un po’ a modo suo. Il fatto non è irrilevante e la lettura della corrispondenza ne offre la spiegazione. I vari viaggi di don Bosco sulla costa azzurra, fino a Marsiglia, nei primi anni ottanta, il trionfale viaggio a Parigi nel 1883, l’edizione di “biografie” in lingua francese, la stampa cattolica lo avevano fatto conoscere oltralpe come il San Vincenzo de Paoli del XIX secolo, il possente taumaturgo dell’Ausiliatrice, perfino l’uomo in grado di risolvere la questione sociale. E dunque andava aiutato, finanziato da quanti avevano a cuore il problema dei ragazzi a rischio. È soprattutto una cerchia di benefattori francesi, alcuni generosissimi, che in questi anni sostiene economicamente l’opera salesiana, mentre la stessa Francia paradossalmente sta conducendo una dura lotta contro la Chiesa, le sue istituzioni, soprattutto le opere dei religiosi.

Inoltre nel triennio considerato ci troviamo di fronte ad un don Bosco settantenne (dell’epoca!), seriamente ammalato, sia pure con pause di relativo benessere, ma di giorno in giorno sempre più “ombra di se stesso”. In moltissime lettere è costretto a giustificare per motivi di salute il ritardo nella risposta, la loro brevità, la pessima grafia, la necessità di servirsi di un segretario anche solo per concludere la lettera. Eppure, con prevedibile fatica fisica e psichica, non cessa di scrivere personalmente a particolari autorità civili e religiose, ad alcuni confratelli, a determinati benefattori, a illustri personaggi mai conosciuti di persona. Tutto ciò ha un suo significato.

Infine come tutti gli altri otto volumi precedenti, anche questo nono volume di lettere consente di distinguere fra quelle autografe di don Bosco, quelle di cui ha steso la minuta (poi ricopiata dal segretario e da lui sottoscritte), le lettere redatte da altri e da lui semplicemente firmate, le circolari a stampa preparate dai collaboratori ma portanti sempre la sua firma. In evidenza sono don Rua e due redattori del “Bollettino Salesiano”, don Bonetti e don Lemoyne, quest’ultimo in particolare diventato in quegli anni segretario di concetto di don Bosco e segretario del Capitolo superiore. A lui si devono commoventi lettere a singoli salesiani, alcune circolari, la circolare di nomina di don Rua a Vicario di don Bosco con pieni poteri (1885) e soprattutto le due lettere da Roma del 1884, tanto commentate nel loro contenuto, quanto non prive di problemi di ecdotica e di critica testuale.

Se l’infanzia di don Bosco, la sua giovinezza, le primissime esperienze di Valdocco sono conosciutissime, grazie all’affascinante narrazione aneddotica delle Memorie dell’Oratorio e alle fantasiose fiction televisive, attente all’audience più che al dato storico, per don Bosco adulto e per don Bosco anziano, instancabile nel lavorare per i giovani “fino all’ultimo respiro” (lett. 4192), la fonte principale ed ineludibile sono le sue lettere: una sorta di autobiografia quotidiana, scritta a sua insaputa, esente dai limiti intrinseci al genere letterario delle Memorie e storicamente molto più attendibile di altre fonti continuamente citate.

Ora non rimane che attendere l’ultimo volume dell’epistolario, il decimo, che raccoglierà le lettere dell’anno 1887, del gennaio 1888 e quelle rinvenute dopo la pubblicazione dei singoli volumi. Quello finale offrirà anche gli indici complessivi dell’intero corpus epistolare del santo di Valdocco, ricco di poco meno di 5.000 lettere.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

RIUNIONI

 23 ottobre 2020: Consiglio Direttivo e Consiglio di Redazione “Ricerche Storiche Salesiane”

24 ottobre 2020: Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano

Venerdì, 23 ottobre 2020, si è svolta la seduta del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), seguita da quella del Consiglio di Redazione della rivista semestrale “Ricerche Storiche Salesiane”. Invece il giorno seguente si è svolta l’Assemblea dell’ISS nella quale sono stati esaminati i temi che il Consiglio Direttivo ha ritenuto importanti per lo svolgimento regolare della ricerca e del funzionamento logistico dell’istituto. Sono stati trattati, dunque, vari argomenti:

L’importanza di fornire i dati inerenti l’attività scientifica salesiana, con particolare attenzione alla dimensione storica, attraverso le tecnologie moderne avanzate. Perciò è stato don Michal Vojtàš, Direttore del Centro Studi Don Bosco, il quale è anche ideatore della proposta, a presentare il sito Salesian OnLine Resources. Uno strumento moderno di rilevante importanza per la realizzazione delle ricerche scientifiche sui temi salesiani, pensato per gli studenti universitari, nonché per i ricercatori professionali.

Poi si è valutato lo stato di preparazione del congresso internazionale dedicato a don Paolo Albera, secondo successore di don Bosco, per commemorare i 100 anni dalla sua morte. Il comitato organizzativo ha proposto il cambiamento della data e del luogo e, inoltre, ha parlato delle varie modalità per la realizzazione di questo evento. Quindi è stata fissata di nuovo la data dello svolgimento: dal 29 al 31 ottobre 2021; il luogo del congresso sarà la sede dell’Università Pontificia Salesiana e non più a Torino, come era stato stabilito. Questo cambiamento è dovuto alla pandemia, cioè al “coronavirus”. Inoltre sono state valutate le tematiche che dovrebbero concentrarsi su temi universali che interroghino l’intera Famiglia Salesiana, evitando argomenti legati a una tematica locale.

Sempre in tema di don Albera, si è parlato del progetto – in verità già in corso – per la produzione di una nuova biografia, scientificamente valida, riguardante questo poco valorizzato personaggio della storia salesiana ed ecclesiale. Questo lavoro è stato affidato a don Germain Kivungila, membro dell’ISS.

Un’altra proposta presa in considerazione riguardava il missionario ed esploratore salesiano don Alberto De Agostini. Si sarebbe dovuto realizzare un convengo in questo autunno, ma ciò è stato reso impossibile a motivo del “coranavirus”.  Don Francesco Motto, che è stato incaricato di tale lavoro, ha espresso la speranza di potere realizzarlo nell’anno 2022.

Siccome si avvicina un anniversario molto importante per la storia salesiana, cioè i 150 anni dalla prima spedizione missionaria, avvenuta il 14 novembre 1875, l’ISS si è proposto di organizzare un convegno internazionale al riguardo. I membri si sono interrogati sulla sua impostazione tematica: studiare vari temi legati alla dimensione missionaria salesiana oppure concentrarsi sui personaggi che hanno lasciato un’impronta significativa in vari ambienti ecclesiali, sociali e culturali? Tutti i membri ritengono che rimane imprescindibile l’esigenza metodica, cioè fare le ricerche nettamente a carattere scientifico, applicando il metodo storico, e lasciare ad altre istanze la dimensione celebrativa. Quest’anno è stata pubblicata la ricerca di Marcel Verhulst « Demain sera plus beau ». Biographie du P. René-Marie Picron (1906-1991); questa è giudicata importante per il discorso missionario salesiano; per cui una sua presentazione. Infatti è uno studio che merita di essere reso noto, perché riguarda l’Africa e l’Europa: due continenti, studiati attraverso una figura missionaria di rilievo della Congregazione salesiana. Sono state avanzate tre proposte per realizzare questo evento.

È stato esaminato l’andamento dei lavori in corso: 1. Secondo volume delle Fonti Salesiane ad opera di: di don José M. Prellezo, don Aldo Giraudo e don Thomas Anchukandam; 2. Il volume di: don Thomas Anchukandam, Theological Formation of Salesians in India with special reference to Kristu Jyoti College (il titolo potrà subire una modifica); 3. Il nono volume: Epistolario di don Bosco a cura di don Francesco Motto; 4. Corrispondenza dei polacchi con don Bosco per opera di don Jarosław Wąsowicz e don Stanisław Zimniak; 5. Repertorio Bibliografico: 2008-2019 a cura di Cinzia Angelucci e Stanisław Zimniak (per la piccola collana dell’ISS).

Subito sono state presentate due proposte di pubblicazione delle ricerche degli studiosi esterni all’ISS. La prima è di Paolo Pieraccini: Salesiani in Terra Santa: dall’“Opera Don Belloni” al Mandato Britannico (1863-1920): attività educativa, questioni politico-diplomatiche, problemi d’identità nazionale. La seconda è di don Marcel Verhulst: Vie, action, et pensée de Don Francesco Scaloni, provincial en Belgique et en Angleterre (1861-1926). L’Assemblea si è espressa favorevole, però ponendo la condizione di avere la recensione di due esperti, prima di procedere alla stampa.

Un punto importante è stato l’esame della programmazione dei lavori dei Membri ISS (stabili e associati) per il periodo 2021-2026. Dopo questo i presenti sono passati a indagare sulle nuove modalità di collaborazione tra l’ISS e l’ACSSA, cioè rendere l’Associazione meno vincolata ai membri ISS, specie nell’ambito di gestione (vari uffici sin dall’inizio erano a carico dei membri dell’ISS). Certamente sarà un passaggio delicato, perché una efficace autogestione richiede persone di una certa qualità scientifica e idoneità logistica; inoltre queste persone dovranno avere il tempo assicurato per tale attività dalle nostre autorità e non fungere da “volontari” senza alcun concreto appoggio governativo. Comunque questa piattaforma di una certa valenza, che costituisce l’ACSSA per l’ISS, dovrà essere riorganizzata nel suo governo interno con tanta attenzione. Dovrà godere, come affermano i rispettivi Statuti, una cooperazione per assicurare la dimensione scientifica di questo movimento culturale. Brevemente si è ritornato all’antica questione di produrre una specie di manuale in cui dovrebbero essere raccolte le norme editoriali per l’edizione critica delle fonti salesiane. Di seguito si è preso la nota di alcuni strumenti metodologici, cioè del glossario, delle sigle che sono da tenere presenti nella stesura delle nostre ricerche.

Il segretario ha riferito sull’aggiornamento del sito ISS-ACSSA: sono rimaste ancora alcune opere da inserire, ma comunque c’è speranza che in poco tempo sarà messo a disposizione tutto il materiale prodotto dall’ISS e dall’ACSSA. Di nuovo è stata ripresa la questione di avere recensori più numerosi, però sempre specializzati nelle materie storiche salesiane. Perché questo solo potrà garantire la qualità delle nostre ricerche. Il caporedattore ha presentato il materiale per la rivista “Ricerche Storiche Salesiane” per il secondo numero del 2020, per il primo numero del 2021 e per il secondo numero 2021. Ha rinnovato l’appello a rendersi ancora più disponibili per compiere le recensioni. Infine ha chiesto di informarlo delle nuove pubblicazioni relative alla storia salesiana per inserire nel “Repertorio bibliografico”.

A cura di don Stanisław Zimniak (segretario di coordinamento)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Padre Georg Lachnitt (1939-2020)

Lachnitt Georg

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

RESUMEN de la REUNIÓN de ACSSA-España 29 de febrero de 2020

29 febbraio 2020 - Assemblea ACSSA Spagna

El sábado 29 de febrero de 2020, a las 10:30 de la mañana, en la Casa Don Bosco de Madrid, se celebró la reunión de ACSSA-E, convocada y presidida por Jesús-Graciliano González. Estuvieron presentes 12 miembros, 10 excusaron su ausencia y 3 estaban en el Capítulo General.

Comenzó con una oración en la que se recordó a los dos hermanos recientemente fallecidos: Juan José Gutiérrez Galeote, miembro de ACSSA-E, y José Luis Mena que siempre colaboró con esta Asociación. Se aprueba el acta de la reunión anterior. El presidente en funciones, saluda y se revisan los acuerdos adoptados en la sesión anterior: admisión del nuevo miembro; informe a los Consejos Inspectoriales sobre la situación y actividad de la Asociación; se ha organizado eficazmente el trabajo sobre la historia de las casas y se han celebrado dos reuniones con los responsables con el fin fijar mejor los criterios y distribuir el trabajo; se envió al vicario de Madrid el modelo de Carta Mortuoria había pedido.

 Como el mandato de presidente y secretario había terminado, se debía proceder a una nueva elección, pero la asamblea, por unanimidad, propuso dejar la elección para la próxima sesión de septiembre.

 Cada uno comparte lo que está realizando como miembro del ACSSA-E. El proyecto de historia de todas las presencias salesianas en España va a buen ritmo, dependiendo de cada zona, aunque se ve necesario que se realice una nueva reunión de responsables de zona. Se presenta el nº2 de la revista REASSA repasando su contenido. Se da información del Congreso Internacional de ACSSA en Portugal (Turcifal) del 29 de octubre a 3 de noviembre de 2020. Se anima a contribuir con nuevos trabajos históricos al Centenario de la muerte del Rector Mayor don Albera en 1921, sabiendo que tenemos a disposición (el Boletín Salesiano, los Cuadernos de Formación Permanente, las revistas Forum.com y REACSSA); ya hay algunas propuestas en marcha. Miguel Ángel Fernández comenta que se ha inaugurado ya el centro histórico en Carabanchel. La intención es que no sea un mero depósito de documentos, sino que tenga también actividades de difusión, sensibilización, etc. Se ha comenzado con una exposición sobre Modesto Bellido. Se recuerda que está determinado que Carabanchel sea también la sede de ACSSA-E y donde se custodiará el fondo bibliográfico de los salesianos escritores.

 En ruegos y preguntas, se pide, en primer lugar, que se haga copia de la revista y se ponga en lugar de fácil acceso; se sugiere incluir en los perfiles salesianos de REACCSA también miembros de la Familia Salesiana destacados; se sugiere que se haga una sesión formativa sobre metodología histórica para cualificar a los miembros; se da a conocer la iniciativa de Fernando Ría de poner a disposición los libros duplicados de salesianidad de las bibliotecas locales.

Se fija la próxima sesión el 19 de septiembre 2020. Se concluye la sesión a las 14:00.

 Pedro Ruz Delgado

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

La seduta del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano e del Consiglio di Redazione della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” – Roma, 22 febbraio 2020: punti salienti

Sabato scorso, 22 febbraio 2020, dalle ore 9.30 alle ore 12.25, all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta la riunione del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), a cui hanno preso parte don Thomas Anchukandam, don Francesco Casella, don Aldo Giraudo e don Stanisław Zimniak. Subito dopo si è svolto l’incontro del Consiglio di Redazione della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” a cui hanno partecipato i soci sopra nominati; per motivi giustificati non era presente don Francesco Motto.

Nella seduta del Consiglio Direttivo sono stati trattati vari argomenti. Anzitutto la verifica della serata di studio dal titolo: Un’altra storia. Quale don Bosco negli epistolari? Tale evento, svoltosi il 25 novembre 2019 nella sede dell’UPS, è stato organizzato dall’Istituto Storico Salesiano in collaborazione con l’Istituto di Teoria e Storia dell’Educazione FSE e con il Centro Studi Don Bosco. Incaricati erano don Michal Vojtaš e don Stanisław Zimniak. La valutazione è stata positiva, soprattutto per il fatto di aver avuto come relatori i massimi esperti in questo campo di studi e di ricerca salesiana in questo momento storico. Invece è stata notata la scarsa partecipazione da parte dei giovani studenti salesiani di teologia, presenti a Roma. Il Direttore, don Thomas Anchukandam, ha poi informato sui campi di ricerca in cui sono impegnati alcuni membri recentemente nominati: il signor Ariel Fresia, don Germain Kivungila, don Pedro Ruz Delgado e don Hendry Selvaraj Dominic. Ha ricordato che due di loro sono ancora alle prese con il loro dottorato di ricerca che sperano di concludere entro quest’anno. I consiglieri concordano nell’auspicare che sarebbe un bene per l’ISS poter indirizzare qualcuno di loro ai settori di capitale importanza per la missione salesiana: ad esempio nella ricerca sulle istituzioni scolastiche, sull’oratorio, sulle missioni, sulla stampa ecc. Le recenti nomine di nuovi membri hanno offerto pure un’occasione per ripensare l’attuale composizione di responsabilità all’interno dell’ISS. I nuovi membri dovrebbero essere man mano inseriti negli organismi di governo dell’ISS: il Consiglio Direttivo, il Consiglio di Redazione delle RSS e le responsabilità di vari settori: Don Bosco, la Congregazione e le missioni. In fine si è parlato della necessità di un maggior coinvolgimento nella redazione della rivista “Ricerche Storiche Salesiane”. È stato fatto pure un breve cenno all’andamento del cammino per la realizzazione del Congresso su don Paolo Albera, previsto per l’autunno 2021. Per realizzare questo evento è stato costituito il “Comitato Direttivo”, che si è radunato di recente il 12 dicembre 2019. Il presidente del Comitato Direttivo, don Anchukandam, ha informato che non ci sarà la desiderata biografia scientifica su don Albera ad opera di don Joseph Boenzi. Attualmente si sta studiando di individuare un’altra persona, perché scriva la biografia su don Albera. Anche se non sarà possibile realizzarla a carattere scientifico, almeno se ne produrrà una a carattere divulgativo. I presenti hanno esaminato la proposta avanzata da don F. Motto di organizzare una giornata di studio su don Alberto Maria De Agostini (1883-1960) da realizzare nell’autunno 2020 all’UPS. La proposta è stata accettata. L’organizzazione è stata affidata a don Francesco Motto. È stata esaminata un’altra proposta: dedicare una serata di studio a un altro eroico missionario salesiano che operò in Brasile: don Antonio Colbacchini (1881-1960). Al riguardo si è notata una precarietà di ricerche da parte salesiana, quindi sarebbe complicato organizzare un valido appuntamento da parte dell’ISS. A ciò si aggiunge il problema delle forze a disposizione; perciò si è del parere di dilazionare a tempi migliori tale evento. Permane invece la questione circa l’opportunità di esporre all’UPS la mostra dell’artista signora Maria Sánchez Puyade (già esposta a Trieste dal 20 luglio al 4 agosto 2019), dedicata a don Colbacchini. Don Anchukandam e don Giraudo hanno informato sul punto in cui si trovano i lavori per il secondo volume Fonti Salesiane. Don Anchukandam ha anche parlato della ricerca inerente l’argomento Kristu Jyoti College, Bangalore: The History of the Opening of the First Salesian Institution in the Archdiocese of Bangalore. È un lavoro che viene pubblicato a puntate sulla nostra rivista “Ricerche Storiche

Salesiane”. Pubblicata la quarta parte, egli procederà a raccogliere questo materiale in un unico volume della nostra “Collana Studi”, dopo aver esaminato ancora i rispettivi archivi in India; ciò al fine di ottenere la maggiore certezza scientifica possibile al riguardo. Per quanto riguarda il nono volume dell’Epistolario di don Bosco, curato da don Motto, a dire del curatore viene portato avanti e, addirittura, potrebbe uscire entro quest’anno. L’edizione critica della “Corrispondenza dei Polacchi con don Bosco”, a cura di don Jarosław Wąsowicz e don Stanisław Zimniak, purtroppo ha subito un arresto per motivi del tempo a disposizione del secondo curatore. Si pensa di riprendere il lavoro prima dell’estate. C’è il proposito di accogliere in un unico volume il Repertorio Bibliografico degli anni 2005-2019, curato dalla signora Cinzia Angelucci e da don Stanisław Zimniak. Tale volume sarebbe pubblicato nella collana “Piccola Biblioteca dell’Istituto Storico Salesiano”. Sono state esaminate altre due proposte di pubblicazione nelle nostre collane da parte di studiosi esterni all’ISS. La prima è di Paolo Pieraccini: Salesiani in Terra Santa: dall’“Opera Don Belloni” al Mandato Britannico (1863-1920): attività educativa, questioni politico-diplomatiche, problemi d’identità nazionale. Il segretario ha presentato il piano di questa ricerca, che è stata approvata. Invece la seconda è del salesiano don Gianni Caputa, docente a Gerusalemme nello studentato salesiano. La ricerca è dedicata a: Simone Srugì (1877-1943) nella storia di Betgemàl. Questa dovrà essere ancora esaminata. Don Juan Bottasso, prima dell’inattesa sua morte, ha inoltrato al segretario il LINK che contiene le pubblicazioni a carattere storico dell’Archivo Histórico Salesiano di Quito. Si tratta del “Catálogo de las obras digitalizada”, che custodisce questa istituzione culturale. La proposta ha suscitato interesse, anche se potrebbe interessare piuttosto il nostro Archivio Salesiano Centrale. Tuttavia, prima di prendere una decisione si dovranno valutare i costi di tale impresa. Il segretario ha presentato la programmazione recentemente aggiornata dei lavori dell’ISS per gli anni 2020-2021. Sono stati compiuti alcuni ritocchi in riferimento alla data di pubblicazione che era stata proposta e alcuni sono stati soppressi, dopo aver consultato gli studiosi interessati. A seconda degli statuti dell’ISS e dell’ACSSA queste due distinte istituzioni culturali sono chiamate a programmare i lavori di comune accordo, specie in questo periodo in cui si avvicina il 7° Convegno internazionale dal 28 ottobre al 3 novembre 2020. Al riguardo è stata compiuta una breve riflessione, senza però giungere a decisioni concrete. A dire di don Aldo Giraudo, non si sono riscontrati progressi in relazione all’elaborazione delle norme per l’edizione critica delle fonti salesiane (incaricati sono: don Giraudo, don Motto e don Prellezo). Don Zimniak ha riferito sulla stesura del glossario che raccoglie la terminologia salesiana nel suo sviluppo storico. È uno strumento di lavoro di una valenza importante, specie per gli studiosi che provengono dall’esterno. Egli ha chiesto a tutti i Membri, dopo l’assemblea ISS svoltasi il 25 ottobre 2019, di fargli arrivare le osservazioni, i suggerimenti al testo che egli stesso ha preparato e consegnato a tutti quanti. Purtroppo la risposta è stata molto scarsa, per cui è stato rinnovato l’appello. Invece si è deciso di consegnare a tutti i Membri dell’ISS e, a chi occorrerà, la lista con le sigle, perché se ne tenesse conto e non se ne inventassero altre nuove per i medesimi soggetti di ricerca e di studio. Sono stati ringraziati coloro che hanno risposto alla domanda del caporedattore di valutare i testi di ricerche da pubblicare sulla rivista “Ricerche Storiche Salesiani”: è stata una operazione indispensabile per garantire la qualità delle pubblicazioni. Tuttavia, per continuare questo servizio ci vogliono altri recensori qualificati; perciò è stato chiesto di individuare altri nuovi collaboratori da mettere in lista. I presenti non hanno avanzato proposte concrete per la prossima Assemblea ISS, da tenere il 20 marzo 2020, se non ciò che è stato esaminato in questa sede del Consiglio Direttivo. La decisione per un eventuale completamento è stata lasciata al giudizio del Direttore e del Segretario di Coordinamento. Prima di passare al punto “Varia”, è stata valutata la domanda da parte di mons. Enrico dal Covolo SDB di essere ammesso come Membro Associato dell’ISS. Nel punto “Varia” il Direttore ha riferito sul colloquio avuto con l’Economo generale sig. Jean Paul Muller in relazione al patrimonio specifico come sono i “Filmati”. Don Giraudo ha parlato in relazione al numero della nostra rivista dedicata a don Paolo Albera, l’anno 2021, di pubblicare le lettere di lui ai salesiani soldati, tuttora inedite. Questa proposta è stata valutata positivamente. Don

Zimniak ha informato che in questi giorni, dopo un periodo molto lungo di elaborazione (incominciato nel aprile 2019), verrà pubblicata la ricerca di don Marcel Verhulst, « Demain sera plus beau ». Biographie du P. René-Marie Picron (1906-1991) nella “Collana Studi” dell’ACSSA. Permane ancora in elaborazione la seconda ricerca, cioè quella per la “Collana Varia” di suor Inácia E. Chaquisse: Mãos agraciadas auxiliando vidas:  memórias, desafios e perspectivas das Filhas de Maria Auxiliadora em Moçambique de 1952 a 2012. Egli ha accennato allo stato dell’andamento di lavori per il 7° Congresso mondiale dell’ACSSA che avrà per il tema: Figure salesiane rilevanti tra XIX e XX secolo. Tale evento sarà svolto dal 28 ottobre al 3 novembre 2020 a Turcifal, una località nelle prossimità di Lisbona (Portogallo).

Prima di passare al lavoro del Consiglio di Redazione i presenti hanno fissato la data della prossima riunione per il 19 giugno 2020, dalle ore 15.30 alle 18.00. Come è consuetudine, tale riunione sarà seguita da quella del Consiglio di Redazione delle RSS.

INCONTRO DEL CONSIGLIO DI REDAZIONE DELLE RSS

Il caporedattore ha riferito sul materiale che gli è stato consegnato per gli anni 2020 e 2021 della rivista “Ricerche Storiche Salesiane”. Per il primo numero delle RSS 2020 nella sezione STUDI saranno pubblicati quattro contributi di: Germain Kivungila, Thomas Anchukandam, Johannes Wielgoß e Paolo Pieraccini. Nella sezione FONTI sono previsti due lavori di: Aldo Giraudo e Rodolfo Bogotto. Nella PROFILI una ricerca ad opera di Stanisław Zimniak. Nella sezione NOTA di seguenti

studiosi: Francesco Motto, Giovenale Dotta e Martha Séïde. Sarà pubblicato anche il repertorio bibliografico a cura di Cinzia Angelucci e Stanisław Zimniak. Per la sezione RECENSIONI sono state accolte cinque testi. Nella SEGNALAZIONI per il momento c’è un testo.

Per il secondo numero del medesimo anno nella sezione STUDI sono accolti quattro studi di: Germain Kivungila, Impelido Nestor, Paolo Pieraccini e Joachim Bürkle. Nella sezione FONTI è stata proposta per il momento solo l’edizione critica di un testo a cura di Aldo Giraudo. Nella sezione PROFILI c’è il lavoro di Thomas Anchukandam. In NOTE c’è la ricerca di Pedro Ruz Delgado. Nella sezione RECENSIONI sono proposte cinque libri da recensire. Invece in quella SEGNALAZIONI per il momento niente.

Per l’anno 2021, dedicato a don Paolo Albera: nel primo numero della sezione STUDI ci sono solo due proposte di: Aldo Giraudo, Pedro Ruz Delgado e Vito Maurizio. In FONTI per il momento niente, come pure in quella dei PROFILI.  In NOTA ci sono ricerche di: Thomas Anchukandam, Pedro Ruz Delgado e Fernando Ría García. Per le due successive, cioè RECENSIONI e SEGNALAZIONI per il momento non è stato proposto niente di concreto.

Per il secondo numero dell’anno 2021: nella sezione STUDI è notata la proposta di: Aldo Giraudo. In quella delle FONTI per il momento niente, come pure in quella dei PROFILI.  In NOTA c’è un lavoro di Pedro Ruz Delgado. Nelle due successive, cioè RECENSIONI e SEGNALAZIONI per il momento non sono notificare proposte.

Dal Direttore è stata presentata la nuova proposta per la copertina della nostra rivista. Si trattava di quattro “vesti nuove” da studiare e valutare e nella prossima riunione dell’Assemblea ISS da decidere. L’incontro è stato concluso con un grazie e la preghiera alle ore 12.25.

      don Stanisław Zimniak
(segretario di coordinamento – ISS)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

[Top]

SEMINARIO DI STUDIO UN’ALTRA STORIA. QUALE DON BOSCO NEGLI EPISTOLARI?

Lunedì, 25 novembre 2019, l’Istituto Storico Salesiano, l’Istituto di Pedagogia della Facoltà delle Scienze d’Educazione dell’Università Pontificia Salesiana e il Centro Studi Don Bosco hanno organizzato presso l’Università Pontificia Salesiana Roma il seminario di studio in occasione della presentazione di due Epistolari:

Epistolario Don Bosco_7-min

Giovanni Bosco, Epistolario. Introduzione, testi critici e note a cura di Francesco Motto. Volume ottavo (1882-1883), lett. 3562-3955. (= ISS – Fonti, Serie prima, 15). Roma, LAS 2019.

– Correspondance belge de don Bosco (1879-1888). Introduction, textes critiques et notes de Wim Provoost.  (= ISS – Fonti, Serie terza, 2). Roma, LAS 2019.

Dopo il saluto del prof. don Thomas Anchukandam, Direttore dell’Istituto Storico Salesiano e del prof. don Michal Vojtáš, Direttore del Centro Studi Don Bosco, sono intervenuti alcuni esperti in tematiche salesiane per evidenziare a grandi tratti l’importanza e la validità storiografica di questa particolare produzione scientifica. Il primo relatore prof. don Giovenale Dotta, murialdino, ha trattato del Contesto politico-ecclesiastico europeo (Italia, Francia e Belgio) e dell’agire di don Bosco. Sono stati i tempi in cui la realtà ecclesiastica, e non solo in questi Paesi, dovette affrontare e, talvolta, vivere un aspro scontro con le nuove correnti politiche, sociali e culturali. Il secondo relatore prof. don Francesco Motto ha parlato della Corrispondenza dell’ottavo volume dell’Epistolario, mettendo in rilievo le novità, le quali permettono di conoscere don Bosco da una ottica ancora non sufficientemente apprezzata dalla storiografia. Si tratta, come ha dimostrato il relatore, di dati che rilevano forse in modo più profondo di quanto è già noto la sua mente e il suo cuore, nel tentativo di formare “buoni cittadini e onesti cristiani” fra i giovani più a rischio in società. Il terzo relatore prof. don Wim Collin ha presentato La corrispondenza belga con don Bosco facendo comprendere l’attualità della proposta educativa salesiana per i tempi estremamente travagliati in cui si trovava Paese, attraversato da correnti liberali e socialiste. Invece prof. Martha Séïde ha presentato il tema: Originalità del rapporto di don Bosco con le donne? Un aspetto scarsamente studiato malgrado di un considerevole coinvolgimento in varie misure di donne nella attività educativa salesiana. A concludere è stato il prof. Aldo Giraudo che ha esposto La valenza storiografica degli epistolari. Egli è collocato il suo intervento sul vasto contesto storico la valenza degli epistolari, dei carteggi, risalendo ai periodi storici di antichità egiziana, babilonese, greca, romana e ai tempi dopo di Gesù Cristo, specie quelli relativi ai grandi della storia civile e cristiana. E in questo quadro generale ha inserito i due epistolari presentati, sottolineando il loro importante contributo per la conoscenza del mens di don Bosco e l’ulteriore conferma dell’attualità della sua Opera, valutata come uno “strumento cristiano” capace ad affrontare le sfide educative del momento storico, ispirato ai valori evangelici. A moderare l’evento scientifico è stato il prof. don Stanisław Zimniak.

Epistolario Don Bosco_5-min            Epistolario Don Bosco_1-min

Epistolario Don Bosco_4-min     Epistolario Don Bosco

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

ASSEMBLEA ACSSA ITALIA – 16 NOVEMBRE 2019

acssa italia

Sabato 16 novembre 2019 si è tenuta per l’intera giornata, presso l’Istituto Maria Ausiliatrice di Via Marghera in Roma, l’assemblea ordinaria dell’ACSSA Italia. Erano presenti 17 associati (8 FMA, 8 SDB, 1 CDB). Ha inaugurato la sessione suor Gabriella Garofoli, vicaria dell’IRO. Facendo eco alle parole della lettera enciclica Laudato si’ di papa Francesco (n. 143: «Insieme al patrimonio naturale, vi è un patrimonio storico, artistico e culturale, ugualmente minacciato…»), sottolineava la preziosità del lavoro della ricerca storica. Esso ci aiuta ad immergerci e approfondire le radici della nostra storia, in quanto mentre “ci ricorda il passato, ci fa riflettere sul presente e ci interroga sul futuro”.

1. Anzitutto si comunica che il VII Convegno mondiale ACSSA avrà luogo in Portogallo, presso la casa di spiritualità del Patriarcato lusitano, in località Turcifal, a ca. 30 km da Lisbona, dal 28 ottobre al 3 novembre 2020. Un pullman (affiancato in qualche momento da un secondo pullman), ci viene messo a disposizione dai confratelli portoghesi; ci preleverà all’aeroporto e rimarrà a nostra disposizione per ulteriori spostamenti. Infatti, accanto alla presentazione delle diverse relazioni, sono previsti una visita culturale e salesiana alla capitale e il pellegrinaggio al santuario di Fatima. Il programma ci verrà trasmesso a primavera inoltrata, dopo aver raccolto le definitive adesioni. Il costo dell’ospitalità è contenuto. Per risparmiare sul viaggio, è opportuno prenotare il volo con largo anticipo. Le relazioni saranno visionate dalla Presidenza.

2. Subito dopo vengono presentati alcuni volumi di recente pubblicazione.

3. Si passa quindi ad affrontare il tema cruciale del giorno: il progetto Case salesiane in Italia dal 1861 ad oggi. Vice presidente (FMA) e presidente (SDB) presentano le due schede tipo che guideranno associate/i nella raccolta dati relativi a ciascuna Casa. Man mano che vengono letti e commentati indicatori e descrittori, i soci intervengono con osservazioni e domande.

a. La scheda tipo SDB si suddivide in tre aree di analisi. La 1a area comprende i “dati generali”: località (città o paese), provincia, regione; diocesi di appartenenza; nr componenti della prima comunità SDB; denominazione originaria (e successive) della Casa; anni di apertura e di erezione canonica, di chiusura temporanea e di eventuale riapertura, anno soppressione; proprietà della casa, sviluppo edilizio. La 2a area prende in considerazione “Attività e servizi” che sono stati e tuttora sono espletati dalla comunità educativa. Essi sono raggruppabili in 13 “settori”, ossia: Istruzione (scuole di ogni ordine e grado); Formazione al lavoro; servizi scolastici e parascolastici; convittualità e ospitalità; servizio pastorale parrocchiale; servizi di animazione culturale ed a. del tempo libero; associazionismo; servizi socio-assistenziali; stampa e mass-media; servizi pastorali alla Chiesa locale; casa di formazione alla vita religiosa e/o sacerdotale SDB; servizi interni alla Congregazione SDB; altro. La 3a area, la più semplice e forse la più facile da compilare, chiede di segnalare il giornalino della casa, gli eventi altamente significativi (ad es. se l’Opera ha subito gravi danni, e quindi ha sospeso o rallentato le proprie attività, a causa di incendio, alluvione, terremoto, conflitti bellici), due fotografie (una “antica” ed una recente), una essenziale bibliografia.

b. La scheda tipo FMA comprende, oltre ai “dati generali”, le seguenti macrocategorie: Istruzione, Formazione Lavoro, Oratorio-Gruppi, Formazione religiosa, Assistenza, Ospitalità, Associazioni, Prestazioni domestiche, Casa e servizi di cura, Casa Formazione VC, Altro.

Entrambi i relatori presentano gli ulteriori strumenti di lavoro e le tecniche da loro utilizzate, come pure due esempi di schede compilate. L’assemblea stabilisce di procedere e di attuare nei prossimi mesi la semplice raccolta dati. La fase di controllo e sistematizzazione dei dati sarà l’oggetto di analisi e discussione in un successivo incontro. La presidenza ACSSA fungerà da supporto e accompagnamento. Si auspica di poter pubblicare i volumi entro il 2022.

4. Infatti, in quell’anno ricorre il 150° anniversario della fondazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Si ricorda che in breve tempo si susseguiranno altri anniversari: i centenari della morte di don Paolo Albera (1921) e madre Caterina Daghero (1924); il 150° della prima spedizione missionaria SDB (1875); ecc. Vengono suggerite alcune piste di ricerca. Si auspica che i componenti dell’ACSSA possano svolgere un ruolo significativo di animazione nei propri contesti ispettoriali. Vista la problematicità delle altre proposte emerse, si ritiene opportuno riprendere l’argomento nel prossimo incontro di primavera. Occorre tenere in considerazione le forze disponibili e valutare se e come far convogliare i diversi filoni in un’unica grande tematica che raccolga tutti gli anniversari.

5. L’assemblea viene informata dell’incontro che la presidenza ACSSA Italia ha avuto con la Conferenza italiana delle ispettrici a maggio 2019 e ad essa si segnala il futuro incontro con l’analoga istituzione SDB in gennaio 2020.

6. L’incontro si conclude con brevi comunicazioni. La prossima assemblea viene fissata a sabato 21 marzo 2020, ore 15.00-18.00, presso la sede ispettoriale FMA di Via Marghera, Roma.

A cura di don Rodolfo Bogotto.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

[Top]

Seminario Continental Americano: Figuras Salesianas innovadoras y significativas en el siglo XX



Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]