TEMÁTICAS ENCUENTRO MHS 2022_page-0001

Encuentro Virtual de Memoria Histórica Salesiana

https://www.youtube.com/watch?v=7EWIfjeQo9k https://www.youtube.com/watch?v=C4IMPvP1uUI&t=557s  

locandinabisbis

Convegno internazionale di studio su don Alberto Maria De Agostini: Università Pontificia Salesiana, 25-27 aprile 2022

      L’evento è trasmesso online sul canale youtube al seguente indirizzo: https://www.youtube.com/results?search_query=universit%C3%A0+salesiana Programma http://iss.sdb.org/?p=3072&preview=true Alberto M. De Agostini, Don Bosco geografo,...

tomasetti2

Francesco Tomasetti, Ordinamento scolastico e professionale… (= ISS – Fonti, Serie seconda, 17)

Francesco Tomasetti, Ordinamento scolastico e professionale. Programmi didattici – Programmi professionali degli alunni artigiani dell’Ospizio del S. Cuore di Gesù in...

iss gruppo

Concluso con successo il Convegno Internazionale su Don Paolo Albera

La diretta streaming ha potuto godere della traduzione in inglese di tutti gli interventi. Tutti i lavori, già visibili su YouTube (prima...

Copertina volume 2020 definitiva - 2 marzo 2020_page-0001

Marcel Verhulst: “Demain sera plus beau”. Biographie du Père René-Marie Picron (1906-1991). (= ACSSA – Studi, 9).

Presentazione – volume Ce nouvel ouvrage de M. Verhulst présente un personnage marquant de l’histoire salésienne de Belgique et d’Afrique...

29 febbraio 2020 - Assemblea ACSSA Spagna

RESUMEN de la REUNIÓN de ACSSA-España 29 de febrero de 2020

El sábado 29 de febrero de 2020, a las 10:30 de la mañana, en la Casa Don Bosco de Madrid,...

Polonia 2

ASSEMBLEA ACSSA POLONIA: 23 NOVEMBRE 2019

Il 23 novembre 2019, nella sede dell’Ispettoria San Stanislao Kostka a Varsavia, si è svolto l’incontro dei membri della Sezione...

acssa italia

ASSEMBLEA ACSSA ITALIA – 16 NOVEMBRE 2019

Sabato 16 novembre 2019 si è tenuta per l’intera giornata, presso l’Istituto Maria Ausiliatrice di Via Marghera in Roma, l’assemblea...

BRASILIA

ENCONTRO ANUAL ACSSA BRASIL – Brasília, 10 e 11 de setembro de 2019

  Nos dias 10 e 11 de setembro 2019, alguns membros da ACSSA Brasil e Secretários Inspetoriais – SDB FMA,...

< >

Category: Senza categoria

Jesús-Graciliano González: Viajes de don Pablo Albera a España (1883-1913)

graciliano albera

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Bogdan Kolar: In memoriam IV. Rajni slovenski salezijanci, umrli v letih od 2002 do 2021

libro kolar

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Giulio Barberis, Cronichetta (1875-1879). Introduzione, testi critici e note a cura di Massimo Schwarzel. (= ISS – Fonti, Serie seconda, 18)

COP Fonti - Serie seconda 18_page-0001prova

COP Fonti - Serie seconda 18_page-0002

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Francesco Tomasetti, Ordinamento scolastico e professionale… (= ISS – Fonti, Serie seconda, 17)

tomasetti2

Francesco Tomasetti, Ordinamento scolastico e professionale. Programmi didattici – Programmi professionali degli alunni artigiani dell’Ospizio del S. Cuore di Gesù in Roma. Edizione anastatica. Prefazione di Patrizia Buccino. Studio introduttivo di Giorgio Rossi. (= ISS – Fonti, Serie seconda, 17). Roma, LAS 2022, [151] p.

 È stata edita in questi ultimi tempi, nella serie “Fonti” dell’Istituto Storico Salesiano, edizioni della LAS, la ristampa anastatica dell’opera Ordinamento scolastico e professionale di Francesco Tomasetti del 1910, con prefazione di Patrizia Buccino e studio introduttivo di Giorgio Rossi.

L’autore, Francesco Tomasetti, è stato per 14 anni (1903-1917) direttore dell’Ospizio Sacro Cuore in Roma al Castro Pretorio, Procuratore Generale della Congregazione Salesiana per 29 anni (1924-1953) e anche Postulatore della Causa di canonizzazione di don Bosco.

Il titolo completo fa riferimento anche al contenuto: Ordinamento scolastico e professionale. Programmi didattici, Programmi professionali degli alunni artigiani dell’Ospizio del S. Cuore di Gesù in Roma.

Il motivo della “opportuna ristampa” è stato egregiamente illustrato nella Prefazione da Patrizia Buccino, la quale, oltre a richiamare l’interesse intorno alla formazione professionale e la sua funzione in chiave educativa e sociale, si sofferma particolarmente sull’attualità del rapporto scuola-lavoro, a causa soprattutto del suo impegno nel testimoniare la tradizione salesiana con dedizione e nel praticarla nell’attualità dell’oggi, in particolare nell’ambito della  formazione professionale nel settore della ristorazione dei giovani del Borgo Don Bosco.

L’autore e il contenuto sono stati analizzati nell’accurato Studio introduttivo di Giorgio Rossi, dell’Università Roma Tre. Il lavoro del Tomasetti ebbe un immediato e riconosciuto successo nella stampa, sebbene ne fossero state tirate non molte copie per i maggiorenti salesiani, politici, persone influenti della stampa. Il motivo del successo era costituito dal fatto che si trattava di una pubblicazione agile, di utile uso a carattere teorico-pratico. Si presentavano programmi dettagliati, esempi di registri, tabella per la “mancia” agli artigiani, fogli informativi, l’organizzazione per le esposizioni, con richiami di ordine pedagogico e religioso.

L’Osservatore Romano del 3 giugno 1910 scriveva: “In Italia nessuno fin’oggi aveva pensato a organizzare l’insegnamento professionale in modo che ne risultasse un tutto armonico. Primo tentativo che meritava di essere segnalato, perché esso avvia l’insegnamento professionale su una nuova strada e gli apre più ampi orizzonti”. Il giornale Perseveranza di Milano del 26 maggio 1910 intitolava addirittura il pezzo: “Un primo riuscito tentativo di università professionale in Italia”.

Vogliamo inoltre segnalare che nei programmi di insegnamento era inserita anche la materia “sociologia”, ben presente nelle direttive della Congregazione. Si proponeva la conoscenza delle “varie scuole e dottrine sociali”, come il liberismo, il socialismo, la democrazia cristiana, l’azione sociale della Chiesa, la soluzione della questione sociale, le varie forme della organizzazione sociale, il contratto di lavoro, le varie forme di salario, la legislazione sociale.

                                                                                              Prof. don Giorgio Rossi sdb

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Ricerche Storiche Salesiane

Copertina 77

ANNO XL – N. 2 (77) – LUGLIO-DICEMBRE 2021

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Incontro dei nuovi Ispettori con la direzione dell’ISS e dell’ACSSA

17 XII 2021 bis

Università Pontificia Salesiana – Roma, 17 dicembre 2021

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Riunione della Presidenza Mondiale ACSSA: Roma, 4 dicembre 2021

PUNTI TRATTATI

La presidenza ACSSA si è riunita “online” il 4 dicembre 2021, dalle ore 14.00 alle 16.25, presso l’Università Pontificia Salesiana, Piazza dell’Ateneo Salesiano, 1 – 00139 Roma, in collegamento Skype. Presenti – dalla Tunisia: suor Maria Rohrer FMA, dal Brasile: suor Imaculada da Silva FMA, dall’Argentina: signor Iván Ariel Fresia SDB, dalle Filippine: don Nestor Impelido SDB, dall’India: don Mathew Kapplikunnel SDB, e da Roma: suor Grazia Loparco FMA, don Francesco Motto SDB (presidente), don Thomas Anchukandam SDB e don Stanisław Zimniak SDB (segretario-tesoriere); assenti per impegni o impediti: don Joaquín Torres SDB (Spagna) e don Germain Kivungila SDB (Repubblica Democratica del Congo).

Sono stati trattati i seguenti temi: 1) La modalità dell’elezione della nuova Presidenza, perché l’attuale è stata prolungata solo per gli anni 2021-2022. Quindi prima del Natale 2022 si dovrà eleggere la nuova Presidenza mondiale. 2) Gli argomenti da proporre per i prossimi seminari continentali e il convegno internazionale ACSSA 2025. Tra i temi emersi si favorisce il tema missionario per commemorare i 150 anni dalla prima spedizione missionaria salesiana. 3) Come far funzionare meglio la circolazione delle informazioni riguardanti l’attività dell’ACCSA, specie quelle realizzate per conto dei rami nazionali dell’ACSSA, perché è importante che tutti i membri siano al corrente delle attività che svolgono i soci in campo della ricerca storica salesiana e della cura circa il patrimonio culturale della Famiglia Salesiana. Quindi valorizzare ancora meglio per tale circolazione il sito ISS-ACSSA. 4) La relazione sulla situazione economica dell’ACSSA: il pagamento della tassa annuale dei membri. 5) L’esame delle domande di ammissione e varie.

Durante questa riunione la Presidenza ha ammesso all’ACSSA il sig. David Emmanuel FRANCO CÓRDOVA, Storico dell’Ispettoria Peruviana “Santa Rosa De Lima” e Direttore dell’Archivio Storico Salesiano del Perú.

Prima dei ringraziamenti e della preghiera, è stata proposta la data del prossimo collegamento – via ZOOM – dell’Assemblea ACSSA: se tutto va bene, dovremmo incontrarci il 15 gennaio 2022.

Il raduno si è concluso alle ore 16.25 con la preghiera di ringraziamento e lode al Signore.

A cura di don Stanisław Zimniak
(segretario dell’ACCSA)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

RIUNIONI – 5 novembre 2021: Consiglio Direttivo e Consiglio di Redazione “Ricerche Storiche Salesiane”; 6 novembre 2021: Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano

Venerdì, 5 novembre 2021, si è svolta la seduta del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), seguita da quella del Consiglio di Redazione della rivista semestrale “Ricerche Storiche Salesiane”. Il giorno seguente si è svolta l’Assemblea dell’ISS nella quale sono stati esaminati i temi che il Consiglio Direttivo ha ritenuto importanti per lo svolgimento regolare della ricerca e del funzionamento logistico dell’Istituto.

Sono stati trattati i seguenti temi: informazione sulla seduta del Consiglio Direttivo e su quella della Redazione delle “RSS” che si è svolta il 5 novembre 2021; informazione sull’incontro della direzione dell’ISS e su quello dell’ACSSA con i neonominati Ispettori, svoltosi l’11 ottobre 2021 nella Sede Centrale Salesiana. I membri dell’ISS presenti hanno reso conto dei loro lavori in cantiere; informazione sul movimento del personale all’interno dell’ISS: si tratta in particolare della fine del lavoro di don Germain Kivungila, rientrato nella sua ispettoria d’origine e della proposta di nominare membro associato il sig. Paolo Vaschetto. Un tempo considerevole è stato dedicato alla verifica del convegno internazionale su don Paolo Albera: una valutazione abbastanza positiva, anche se la partecipazione a tale incontro poteva essere più numerosa. È stata fatta qualche osservazione in riferimento alla qualità di alcuni interventi. Un altro punto è stato la formulazione dei temi da proporre per il convegno internazionale sulle Missioni Salesiane, da realizzare nella primavera 2025, con cui si vuole ricordare la prima spedizione missionaria del 1875. L’ISS ha da coprire una intera giornata. L’evento viene organizzato dalla Direzione generale dei SDB. Sono stati esaminati i lavori in corso dei singoli membri ISS: 1. Fonti Salesiane – Volume Secondo (Prellezo, Giraudo, Anchukandam); 2. Theological Formation of Salesians in India with special reference to Kristu Jyoti College, Bangalore (Anchukandam); 3. The Government of Don Rua, the First Successor and Continuator of Don Bosco (1888-1910) –  A Historical Study (Anchukandam); 4. Epistolario volume decimo – Motto; 5. Corrispondenza dei polacchi con don Bosco: Wąsowicz-Zimniak; 6. Repertorio Bibliografico: 1983-2019, a cura di Cinzia Angelucci e Stanisław Zimniak (collana: Bibliografia ISS); 7. [Francesco Tomasetti], Ordinamento scolastico e professionale. Programmi didattici. Programmi professionali degli alunni artigiani dell’Ospizio del S. Cuore di Gesù in Roma. Roma, Scuola Tipografica Salesiana 1910 (Giorgio Rossi). Si è pure esaminato l’andamento delle ricerche degli esterni all’ISS, che sono le seguenti: 1. Giulio Barberis, Cronachette. Edizione critica a cura di Massimo Schwarzel; 2. Paolo Pieraccini: Salesiani in Terra Santa: dall’“Opera Don Belloni” al Mandato Britannico (1863-1920): attività educativa, questioni politico-diplomatiche, problemi d’identità nazionale; 3. Marcel Verhulst: Vie, action, et pensée de Don Francesco Scaloni, provincial en Belgique et en Angleterre (1861-1926). È stata revisionata la programmazione per gli anni 2021-2026. Sono stati presentati i prossimi appuntamenti che stanno mettendo in atto i membri ISS. Questi sono: presentazione del volume ACSSA: Volti di uno stesso carisma: SDB e FMA nel secolo XX, fissata per il 26 gennaio 2022; invece nei giorni 26-27 aprile 2022 si avrà il convegno su don Alberto Maria De Agostini (1883-1960) che sarà accompagnato dall’apertura, il 25 aprile, da una mostra su di lui nell’atrio dell’UPS. Il responsabile per la biblioteca dell’ISS ha riferito sull’andamento di sistemazione dei libri, portati dalla Pisana (ex Casa generalizia) di cui un buon numero attende il posto nella regolare biblioteca. I presenti hanno esaminato la bozza del bilancio preventivo per l’anno 2022. Si è accennato alla collaborazione tra l’ISS e l’ACSSA, resa complicata a causa della pandemia. È una questione che richiede una riflessione sulle reali possibilità del personale a disposizione, per portare avanti l’attività di questa importante associazione per la promozione di ricerche storiche e per la custodia del patrimonio culturale. Della redazione del “Manuale per l’edizione critica delle fonti salesiane” ha parlato il redattore, notando che il ritardo di pubblicazione è dovuto alla mancanza di tempo, ma si spera di concluderlo nel prossimo anno. Il caporedattore ha presentato il materiale per la rivista “Ricerche Storiche Salesiane” per i seguenti numeri: 2-2021; 1-2022 e 2-2022; 1-2023 e 2-2023. Circa il numero secondo di quest’anno, ha precisato che si è data la precedenza ai contributi dedicati a don Albera. Sono stati presentati all’Assemblea i nomi dei due nuovi recensori, ammessi dal Consiglio Direttivo. Si tratta della studiosa sig.ra Silvia Omenetto – Sapienza Università di Roma e don Kamil Pozorski – dottorante all’UPS. Il caporedattore ha rinnovato l’appello a fornire i dati bibliografici sulle nuove pubblicazioni riguardanti la storia della Famiglia Salesiana, e ha ringraziato per l’accresciuta disponibilità a recensire sia gli articoli per la rivista che quelli per le collane. Gli incontri sono stati conclusi dopo aver fissato le date delle prossime riunioni.

A cura di don Stanisław Zimniak (segretario di coordinamento – ISS)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

CONVEGNO INTERNAZIONALE DON PAOLO ALBERA, Rettor Maggiore della Società salesiana: 30-31 ottobre 2021, ore 14-18 (CET ora italiana)

Quanti desiderassero partecipare al già annunciato Convegno internazionale “Don Paolo Albera” sono pregati di  registrarsi attraverso il link qui sotto indicato:

https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZcudemuqzoqG9WK86HZNdORF5NRcGtsR7Fj

In seguito alla registrazione riceveranno una mai con il link delle videoconferenze.
Le relazioni saranno in lingua italiana (una in lingua spagnola),  ma sarà possibile seguirle anche in lingua inglese.
Chi intendesse partecipare in presenza, presso la facoltà delle Scienze della Comunicazione Sociale, è invitato a comunicarlo entro venerdì sera, 29 ottobre, alla segretaria del Convegno: fmotto@sdb.org

La Segreteria

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Programma definitivo del Convegno Internazionale: Don Paolo Albera Rettor Maggiore della società salesiana (1910-1921) Roma-UPS, 30-31 ottobre 2021

albera bis bis
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Incontro dei nuovi Ispettori con la direzione dell’ISS e dell’ACSSA: Università Pontificia Salesiana – Roma, 18 giugno 2021

Ispettori 1 Ispettori 2 Ispettori 3

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Patagonia: misiones, poder y territorio (1879-1930)

nicoletti

0001

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

21 maggio 2021: Consiglio Direttivo e Consiglio di Redazione “Ricerche Storiche Salesiane” – 22 maggio 2021: Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano

Venerdì, 21 maggio 2021, si è svolta la seduta del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), seguita da quella del Consiglio di Redazione della rivista semestrale “Ricerche Storiche Salesiane”. Il giorno seguente si è svolta l’Assemblea dell’ISS nella quale sono stati esaminati i temi che il Consiglio Direttivo ha ritenuto importanti per lo svolgimento regolare della ricerca e del funzionamento logistico dell’istituto.

Sono stati trattati, dunque, i seguenti argomenti: relazione sulla seduta del Consiglio Direttivo e su quella della Redazione delle “RSS”, svoltosi il 21 maggio 2021. Rapporto dei singoli membri sull’andamento dei propri lavori in corso e delle difficoltà che riscontrano lungo la ricerca, specie a causa della pandemia. Si è valutata la possibilità della presentazione del nono volume dell’Epistolario di don Bosco, curato da don Francesco Motto; sono stati giudicati interessanti e positivi gli interventi dei tre relatori: del signor Giancarlo Cursi, di don Carlo Maria Zanotti SDB e del signor Andrea Farina, tutti docenti all’Università Pontificia Salesiana, per la loro capacità d’esposizione e dell’ottima puntualizzazione dei temi a loro affidati (mondo laico, formazione-guida spirituale, relazioni pubbliche); è stata notata una piuttosto, visti i tempi difficili, rilevata partecipazione diretta, nonché quella a distanza grazie ai moderni mezzi di comunicazione. Il responsabile per la biblioteca dell’ISS ha riferito sul procedimento dei lavori di ordinamento e ha accennato all’acquisto dei nuovi libri. È stata fornita una breve notizia sull’andamento della preparazione del Congresso su don Paolo Albera in programmazione dal 29 al 31 ottobre 2021. In seguito è stata presentata la relazione sull’incontro con il Consigliere generale per le Missioni, don Alfred Maravilla, con i Membri stabili dell’ISS, avuto il luogo il 7 aprile 2021, in vista dell’impostazione del congresso per i 150 anni dalla prima spedizione missionaria (1875-2025). Poi si è riferito sullo stato dell’organizzazione di una serata di studio sul volume di: Marcel Verhulst, «Demain sera plus beau». Biographie du P. René-Marie Picron (1906-1991), uscito l’anno scorso nella “Collana Studi” dell’ACSSA, da inserire nel corso di formazione dei missionari, programmato nell’autunno 2021; per l’organizzazione di quest’evento si è voluto coinvolgere don Samuel Amaglo SDB, studioso della missiologia e, inoltre, responsabile per tale corso. Sono riesaminati i lavori in corso di alcuni membri: 1. Fonti Salesiane: Volume Secondo (J. Prellezo, A. Giraudo, Th. Anchukandam); 2. Il volume di: Th. Anchukandam, Theological Formation of Salesians in India with special reference to Kristu Jyoti College, Bangalore; 3. L’Epistolario di Don Bosco, volume decimo – a cura di don F. Motto; 4. Corrispondenza dei polacchi con don Bosco a cura di J. Wąsowicz-S. Zimniak; 5. Repertorio Bibliografico: 1983-2019, a cura di Cinzia Angelucci e S. Zimniak (collana PiB ISS oppure quella della Bibliografie). Si è parlato dello stato di attuazione delle ricerche degli studiosi esterni, cioè di: Paolo Pieraccini: Salesiani in Terra Santa: dall’“Opera Don Belloni” al Mandato Britannico (1863-1920): attività educativa, questioni politico-diplomatiche, problemi d’identità nazionale e di don Marcel Verhulst: Vie, action, et pensée de Don Francesco Scaloni, provincial en Belgique et en Angleterre (1861-1926). Successivamente si è discusso sulla revisione della programmazione dei Membri ISS per gli anni 2021-2026. È stata brevemente analizzata l’impostazione della continuazione di collaborazione tra l’ISS e l’ACSSA, richiesta dagli rispettivi statuti. Il redattore del manuale per l’edizione critica delle fonti ha riferito sulla sua stesura, ancora non definitiva. Il caporedattore della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” ha presentato alcuni strumenti metodologici da aggiornare, quindi si tratta di comporre una raccolta delle “Esemplificazioni” dell’applicazione delle norme editoriali dell’ISS, tenendo come punto di partenza quelle approvate nel 2009 e della esperienza corrente dei membri stessi; inoltre sono stati esposti i testi: il “Glossario salesiano”, l’elenco delle “Sigle” e i criteri per realizzare una recensione. È stato notificato sull’aggiornamento del sito “ISS-ACSSA”, invitando i membri di fornire le notizie nuove relative sempre all’attività sia dell’ISS sia dell’ACSSA. I presenti sono stati informati dell’ammissione del nuovo recensore del prof. Gianpaolo Fassino (membro dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale) e, inoltre, della proposta di ammettere il salesiano sig. Paolo Vaschetti tra i membri associati del nostro istituto. Il caporedattore ha presentato il materiale per la nostra rivista “Ricerche Storiche Salesiane” per i seguenti numeri: 2-2021; 1-2022 e 2- 2022; 1-2023 e 2-2023. Infine ha rinnovato l’appello di fornire i dati bibliografici sulle nuove pubblicazioni riguardanti la storia della Famiglia Salesiana e ha chiesto di rendersi più disponibili per la realizzazione delle recensioni sia degli articoli per la rivista che quelli per le collane. Gli incontri sono stati conclusi dopo aver fissato le date delle prossime riunioni.

A cura di don Stanisław Zimniak (segretario di coordinamento)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Incontro dei nuovi Ispettori dell’Europa con la direzione dell’ISS e dell’ACSSA: Sede Centrale Salesiana – Roma, 29 marzo 2021

P1020552

P1020547

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Bosco GIOVANNI, Epistolario. Introduzione, testi critici e note a cura di Francesco Motto. Volume nono (1884-1886), lett. 3956-4424. (= ISS – Fonti, Serie prima, 16). Roma, LAS 2021, 605 p.

copertina epistolario

MOLTE LE NOVITÀ DEL NUOVO VOLUME DELL’EPISTOLARIO DI DON BOSCO

Da giorni è ormai in libreria edito dall’Editrice LAS dell’Università Pontificia Salesiana di Roma il nono volume dell’Epistolario di don Bosco, curato come i precedenti, da don Francesco Motto, già direttore dell’Istituto Storico Salesiano (ISS) e attuale presidente dell’ACSSA (Associazione Cultori di Storia Salesiana). Un volume di 605 pagine, di formato superiore allo standard, contenente 469 lettere, scritte e talora solo firmate, da don Bosco nel triennio 1884-1886 (lett. 3956-4424). Un complesso di testi che si può dire riscrivano in qualche modo la storia di don Bosco sul finire della vita.

In effetti il 40% delle lettere è inedito, per cui vengono alla luce molti corrispondenti ignoti alla storia salesiana: italiani, francesi, spagnoli, portoghesi, belgi, polacchi, inglesi, tedeschi, austriaci, ungheresi, cileni, argentini, uruguaiani, brasiliani… Pagina dopo pagina si apre davanti al lettore un caleidoscopio di personaggi della società civile e di quella ecclesiastica in stretto contatto con don Bosco per i più diversi motivi. Ne ha fatta di strada il ragazzo di campagna di Castelnuovo, lo studentello-lavoratore e povero seminarista di Chieri, il semplice prete-studente del Convitto di Torino che attirava a sé i ragazzi semiabbandonati della città con i quali poteva comunicare solo in dialetto! Il nome “don Bosco” negli anni ottanta del secolo XIX risuonava in Italia e all’estero, ivi comprese le gelide terre magellaniche e qualche torrida città dell’India: in corti imperiali e in regge, in castelli e in ville patrizie, in palazzi episcopali e in ministeri, in redazioni dei giornali e in consigli comunali, ma anche in semplici canoniche, in umili case di contadini, in conventi di religiosi e religiose, in seminari e per le strade, sulla bocca di giovani di varie parti d’Europa e d’America Latina.

I lettori poi si accorgeranno subito che molte lettere (circa un terzo) sono scritte in francese, una lingua che don Bosco conosceva a mala pena e che scriveva un po’ a modo suo. Il fatto non è irrilevante e la lettura della corrispondenza ne offre la spiegazione. I vari viaggi di don Bosco sulla costa azzurra, fino a Marsiglia, nei primi anni ottanta, il trionfale viaggio a Parigi nel 1883, l’edizione di “biografie” in lingua francese, la stampa cattolica lo avevano fatto conoscere oltralpe come il San Vincenzo de Paoli del XIX secolo, il possente taumaturgo dell’Ausiliatrice, perfino l’uomo in grado di risolvere la questione sociale. E dunque andava aiutato, finanziato da quanti avevano a cuore il problema dei ragazzi a rischio. È soprattutto una cerchia di benefattori francesi, alcuni generosissimi, che in questi anni sostiene economicamente l’opera salesiana, mentre la stessa Francia paradossalmente sta conducendo una dura lotta contro la Chiesa, le sue istituzioni, soprattutto le opere dei religiosi.

Inoltre nel triennio considerato ci troviamo di fronte ad un don Bosco settantenne (dell’epoca!), seriamente ammalato, sia pure con pause di relativo benessere, ma di giorno in giorno sempre più “ombra di se stesso”. In moltissime lettere è costretto a giustificare per motivi di salute il ritardo nella risposta, la loro brevità, la pessima grafia, la necessità di servirsi di un segretario anche solo per concludere la lettera. Eppure, con prevedibile fatica fisica e psichica, non cessa di scrivere personalmente a particolari autorità civili e religiose, ad alcuni confratelli, a determinati benefattori, a illustri personaggi mai conosciuti di persona. Tutto ciò ha un suo significato.

Infine come tutti gli altri otto volumi precedenti, anche questo nono volume di lettere consente di distinguere fra quelle autografe di don Bosco, quelle di cui ha steso la minuta (poi ricopiata dal segretario e da lui sottoscritte), le lettere redatte da altri e da lui semplicemente firmate, le circolari a stampa preparate dai collaboratori ma portanti sempre la sua firma. In evidenza sono don Rua e due redattori del “Bollettino Salesiano”, don Bonetti e don Lemoyne, quest’ultimo in particolare diventato in quegli anni segretario di concetto di don Bosco e segretario del Capitolo superiore. A lui si devono commoventi lettere a singoli salesiani, alcune circolari, la circolare di nomina di don Rua a Vicario di don Bosco con pieni poteri (1885) e soprattutto le due lettere da Roma del 1884, tanto commentate nel loro contenuto, quanto non prive di problemi di ecdotica e di critica testuale.

Se l’infanzia di don Bosco, la sua giovinezza, le primissime esperienze di Valdocco sono conosciutissime, grazie all’affascinante narrazione aneddotica delle Memorie dell’Oratorio e alle fantasiose fiction televisive, attente all’audience più che al dato storico, per don Bosco adulto e per don Bosco anziano, instancabile nel lavorare per i giovani “fino all’ultimo respiro” (lett. 4192), la fonte principale ed ineludibile sono le sue lettere: una sorta di autobiografia quotidiana, scritta a sua insaputa, esente dai limiti intrinseci al genere letterario delle Memorie e storicamente molto più attendibile di altre fonti continuamente citate.

Ora non rimane che attendere l’ultimo volume dell’epistolario, il decimo, che raccoglierà le lettere dell’anno 1887, del gennaio 1888 e quelle rinvenute dopo la pubblicazione dei singoli volumi. Quello finale offrirà anche gli indici complessivi dell’intero corpus epistolare del santo di Valdocco, ricco di poco meno di 5.000 lettere.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]