16 giugno 2019 - Baumkirchen - 1-1-1

NOMINA A MEMBRO ONORARIO DELL’ASSOCIAZIONE CULTORI DI STORIA SALESIANA DELL’ARCIVESCOVO EMERITO DI SALISBURGO DR. ALOIS KOTHGASSER SDB

  Il 16 giugno 2019, a Baumkirchen (Austria), il segretario dell’Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA) don Stanisław Zimniak ha...

11 maggio 2019 - 1

Seduta della Presidenza Mondiale ACSSA – 11 maggio 2019

  Sabato 11 maggio 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta la riunione della Presidenza mondiale dell’ACSSA. Erano presenti:...

Assemblea - 30 marzo 2019 (002)

L’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano – 30 marzo 2019

Sabato 30 marzo 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta l’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano (ISS). Erano presenti: don Thomas...

provoost

Wim Provoost: Correspondence Belge de don Bosco (1879-1888)

Au XIXe siècle, de nombreux catholiques considéraient Don Bosco comme un saint vivant. En Belgique aussi, son choix radical pour...

gruppo nairobi

2ème SEMINAIRE CONTINENTAL ACSSA-AFRIQUE ET MADAGASCAR (Afrique et Madagascar du 4 au 9 mars 2019 Nairobi)

 SULLE ORME DEI NOSTRI PIONIERI NELLA MISSIONE SALESIANA Don Bosco Youth Educational Services (DBYES) Dagoretti Maarket Road P.O. Box 2...

47090879441_8bacbaff86_z

“Relevant Salesian Figures of the 20th Century in East Asia”

4th ACSSA EAO CONFERENCE ON SALESIAN HISTORY SAMPRAN, THAILAND | 10-15 FEBRUARY 2019 Dates:    10 to 15 February 2019...

Oratorio salesiano 1

L’Oratorio salesiano: un passato da condividere e un futuro da inventare

“L’oratorio salesiano: storia, testimonianze, prospettive” è il titolo del seminario di studio che si è tenuto giovedì 13 dicembre 2018...

riunione iss

Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano – 20 novembre 2018

Martedì 20 novembre 2018 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta l’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), a cui ha partecipato...

equipe acssa brasil e secretarios inspetoriais

VIII ENCONTRO ACSSA BRASIL E SECRETÁRIOS/AS INSPETORIAIS – 04 a 06 de setembro de 2018

No quinto ano de existência da ACSSA Brasil, a Equipe e Secretários/as Inspetoriais reuniram-se em Brasília DF para formação, avaliação...

copertina braido

Pietro Braido: Per una storia dell’educazione giovanile nell’oratorio dell’Italia contemporanea

I saggi di Braido qui proposti rappresentano un’occasione propizia per riportare l’attenzione sull’importanza di un sempre più rigoroso prosieguo degli...

< >

Category: Notizie

Seduta della Presidenza Mondiale ACSSA – 11 maggio 2019

11 maggio 2019 - 1

 

Sabato 11 maggio 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta la riunione della Presidenza mondiale dell’ACSSA. Erano presenti: don Thomas Anchukandam SDB, signor Iván Ariel Fresia SDB, suor Grazia Loparco FMA, don Francesco Motto SDB, Presidente, suor Maria Rohrer FMA, don Joaquín Torres SDB e don Stanisław Zimniak SDB, segretario-tesoriere. Assenti giustificati: don Mathew Kapplikunnel SDB, suor Imaculada da Silva FMA, don Germain Kivungila SDB e don Nestor Impelido SDB.

Dopo la preghiera e i saluti da parte del Presidente, è stato approvato il Verbale della riunione del 28 aprile 2018. È seguita una breve relazione da parte dei rispettivi responsabili dei cinque Seminari Continentali svolti negli anni 2018-2019. Il tema è stato uguale per tutti i cinque seminari, con qualche modifica, dovuta alla sensibilità locale e un bisogno particolare.

A nome degli organizzatori del Seminario per l’Asia Sud (India-Sir Lanka) (don Mathew Kapplikunnel e suor Philomene Dousa) ha riferito con un resoconto don Thomas Anchukandam, Direttore dell’ISS. Questo appuntamento ha avuto come titolo: Incisive and Innovative Salesian Personalities of India; si è svolto dal 22 al 24 giugno 2018 nella casa ispettoriale di Hyderabad (India). Vi hanno partecipato 7 SDB e 9 FMA e sono state presentate le sette relazioni.

Suor Grazia Loparco e don Francesco Motto hanno riferito sul Seminario per l’Europa, svoltosi a Bratislava (Slovacchia) dal 31 ottobre al 4 novembre 2018. Ha avuto il seguente titolo: Figure salesiane rilevanti fra il XIX e XX secolo in Europa”. Sono state presentate 34 relazioni da parte di 17 Salesiani, 12 Figlie di Maria Ausiliatrice, 2 membri di altri gruppi della Famiglia Salesiana e 3 laici. Vi hanno partecipato 47 persone.

Sul terzo Seminario per l’East Asia-Oceania a nome dell’organizzatore don Nestor Impelido, ha riferito don Stanisław Zimniak. Questo evento storico ha avuto per il titolo: Relevant Salesian Figures of the 20th Century in East Asia. Esso è stato realizzato a Sam Phran, Thailandia, dal 10 al 15 febbraio 2019. All’evento, in corso dal 10 al 15 di febbraio 2019 presso la casa per ritiri delle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) a Sampran, hanno partecipato 47 persone, in rappresentanza di otto diversi gruppi della Famiglia Salesiana e di 10 circoscrizioni. In totale sono state esposte 18 relazioni tra cui 14 sulle figure di santità della regione; le rimanenti furono di carattere metodologico ad opera dei responsabili centrali dell’ACSSA.

Sul Seminario per l’Africa e Madagascar, realizzato dal 4 al 9 marzo 2019, presso il centro salesiano “Don Bosco Youth Educational Services” di Nairobi, ha riferito l’organizzatrice suor Maria Rohrer. Il tema di quest’assise è stato: Sulle orme dei nostri pionieri nella missione salesiana. Vi hanno partecipato 21 persone: 10 Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) e 11 Salesiani di Don Bosco (SDB).

Dell’ultimo Seminario per le Americhe ha parlato il sig. Ariel Fresia SDB, che è stato il principale organizzatore di questo evento. Il seminario si è svolto nei giorni 18-22 marzo 2019, nella casa “Domingo Savio” (Ramos Mejía, Buenos Aires, Argentina) e ha trattato il tema: Figuras Salesianas innovadoras y significativas en el siglo XX. Vi hanno partecipato 25 persone e sono state esposte 15 ricerche sui personaggi salesiani (SDB, FMA) e 5 relazioni sulle tematiche generali.

Dei cinque seminari continentali il materiale è consultabile nel sito ISS-ACSSA (www.sdb.org).

Per il seminario europeo si rimanda a: https://acssaeuropa.wixsite.com/acssaeuropa2018;

per quello dell’Asia East a: http://www.fma.or.th/20190211_ACSSAeao/;

e per il seminario americano a: https://donboscosur.wixsite.com/acssa.

Questi seminari sono stati una specie del laboratorio di preparazione del 7° Congresso mondiale ACSSA, programmato per l’autunno 2020. In tutti questi cinque seminari continentali si è notata una crescente corresponsabilità per una elaborazione sempre più valida dal punto di vista scientifico.

Dopo questo resoconto sui seminari continentali si è soffermato concisamente sull’attività delle Sezioni Nazionali dell’ACSSA. Suor Grazia Loparco e don Francesco Motto hanno riferito su ciò che ha fatto l’ACSSA Italia e circa le difficoltà nel campo archivistico, che permane piuttosto preoccupante. Hanno parlato di un nuovo ambizioso progetto, cioè di comporre una specie di schedario di tutte le opere sia della FMA sia dei SDB. Un’impresa che viene vista come un primo passo per una ulteriore indagine sulla storia salesiana in Italia. Don Joaquin Torres ha riferito sull’operato dell’ACSSA Spagna, soffermandosi sulla recente importante opera e cioè Diccionario Biográfico Salesiano de España. Questo prezioso volume è frutto di collaborazione di tutti i membri spagnoli che sono stati coordinati da don Graciliano González. Attualmente questa sezione spagnola sta portando avanti la storia salesiana in Spagna. Il lavoro è assai avanzato. Don Stanisław Zimniak ha presentato l’attività dell’ACSSA Polonia. Il lavoro più impegnativo su cui si concentra l’attenzione è il progetto dell’Enciclopedia Salesiana. Gli studiosi coinvolti hanno cercato di analizzare le voci che sono state proposte ed individuate da don Jarosław Wąsowicz. Ciò è stato uno sforzo metodologico molto delicato, perché si trattava di decidere sulle voci proposte in vista di una fisionomia salesiana ben precisa, contemplata nella futura enciclopedia, e che rispecchiasse e descrivesse, attraverso le voci scelte la realtà della Congregazione salesiana e dell’Istituto di Figlie di Maria Ausiliatrice in Polonia. Ha riferito su altre iniziative in corso, cioè l’organizzazione dei convegni sulle singole opere salesiane o sui singoli personaggi; infine, sono stati presentati vari studi di recente pubblicazione, realizzati dai membri polacchi.

Signor Ariel Fresia ha riferito ciò che sta facendo l’ACSSA Argentina che si incontra una volta all’anno. Il prossimo incontro è programmato per settembre. È attualmente in corso una serie di pubblicazioni minori che faranno parte della collezione “Figure storiche” in Ediciones Don Bosco Argentina. Si tratta di far uscire alcune ricerche realizzate per mezzo di alcuni membri dell’ACSSA-A (Walter Parigi sul Milanesio e Lazara su Vespignani). Due membri stanno completando gli studi di dottorato (Nicolás Moretti) e la laurea (Sergio Gauna). Alcuni membri fanno parte della squadra ispettoriale ARS per i beni storici e culturali (Alejandro León e Pamela Alarcón). Maria Andrea Nicoletti ha raggiunto il più alto grado di ricercatore (ricercatore senior) nel sistema di ricerca nazionale dell’Argentina (Conicet).

Don Thomas Anchukandam ha riferito sulla ACSSA India. Alcuni membri hanno contribuito al seminario continentale svoltosi l’anno scorso; attualmente la presidenza locale sta preparando il suo incontro programmato per il giugno 2020. Ci sono alcune problematiche da affrontare, specie in campo di conservazione della memoria salesiana. L’interesse per lo studio di storia salesiana, a suo avviso, è accresciuto; ne è riprova il fatto che alcuni SDB sono stati mandati a Roma per studiare la storia ecclesiastica alla Pontificia Università Gregoriana.

Per motivi di salute suor Imaculada da Silva non ha potuto fornire i dati inerenti all’attività dell’ACSSA Brasile.

Il Presidente, don Motto, ha parlato dell’aspetto logistico di preparazione del 7° Convegno internazionale ACSSA. Insieme si è riflettuto sulla data più opportuna per i SDB e le FMA, tenendo conto del fatto che le Figlie di Maria Ausiliatrice saranno impegnate nel loro Capitolo generale che finirà nei primi giorni del novembre 2020. La data concordata, anche se non in modo definitivo, è stata indicata nei giorni dal 30 ottobre al 2 novembre 2020. Si tratta di avere tre giorni riservati alla presentazione degli interventi dei convegnisti. Una giornata è stata prevista per la dimensione culturale e religiosa. Don Motto ha proposto come luogo la capitale del Portogallo: Lisbona. In realtà si tratta di studiare attentamente anche una eventualità di svolgimento del convengo a Fatima. Don Torres ha preso anche in considerazione lo svolgimento nella casa salesiana Estoril. Si è studiato la questione dei criteri di redazione definitiva dei contributi e la data di consegna dei contributi alla Presidenza (in tempo per la valutazione, la loro selezione in due o più sezioni) e l’organizzazione delle giornate. Il Presidente è stato incaricato di preparare una specie di lettera circolare da spedire a tutti i relatori, compresi i partecipanti, entro giugno o al più tardi nei primi giorni di luglio 2019.

I presenti hanno scambiato i pareri inerenti il futuro dell’ACSSA, che è cresciuta notevolmente in questi ultimi anni; quindi richiede un ripensamento serio sull’impostazione futura delle attività da pianificare e realizzare. È stata presa in considerazione pure la redazione di un “Pro Memoria” da consegnare ai partecipanti dei prossimi Capitoli generali sia dei SDB (febbraio-aprile 2020) sia delle FMA (settembre-novembre 2020).

Sono state esaminate le domande di ammissione e anche la proposta di nomina a Membro Onorario di monsignor Alois Kothgasser SDB, Arcivescovo emerito di Salzburg (Salisburgo).

Ecco la lista dei nuovi Membri ammessi dalla Presidenza Mondiale ACSSA l’11 maggio 2019:

  1. Mahimai Dass ANTHONY, SDB – India (INK)
  2. Thomas LOUIS, SDB – India (INT)
  3. Molly KANIAMPADY, FMA – India (ING)
  4. Anna THEKKANAL, FMA – India (ING)
  5. Mathew EMPRAYIL, SDB – India (INH)
  6. Sudhakar BELLAMKONDA, SDB – India (INH)
  7. Godugunuru CHINNAPPA, SDB – India (INH)
  8. Jerish KOCHUPARAMBIL, SDB – India (UPS)
  9. John Rozario LOURDUSAMY, SDB – India (INM)
  10. María BENITO MATEO, FMA – Spagna (SPA)
  11. Salvatore CIRILLO laico – Cile
  12. Florita DIMAYUGA, FMA – Filippine (FIL)
  13. Jozef LUSCOŇ, SDB – Slovacchia (SLK)
  14. Milan URBANČOK, SDB – Slovacchia (SLK)
  15. Lucia UEHARA JUNKO, FMA – Giappone (GIA)
  16. João da SILVA MENDONÇA FILHO, SDB – Brasile (BMA)
  17. Hendry Dominic SELVARAJ, SDB – India (INM)
  18. Didace KATELE WA KATELE, SDB – Congo (AFC)

L’Associazione conta attualmente 211 membri (FMA, SDB, CDB e altri Rami della Famiglia Salesiana) oltre ad un buon numero di ricercatori e cultori laici. Questo fatto richiederà tanto impegno e attenzione per assicurare a questo gruppo un ulteriore rinvigorimento e aggiornamento nel campo delle scienze storiche e archivistiche. Si tratta di un “movimento” nato per l’iniziativa dell’ISS e approvato dal Rettore Maggiore dei Salesiani.

Il tesoriere, don Zimniak, ha presentato la situazione economica dell’ACSSA. I soldi in gran parte provengono dalla tassa annuale d’iscrizione dei membri stessi. L’ACSSA ha potuto offrire l’aiuto finanziario in varie occasioni, specie per coprire alcune spese dovute alla realizzazione dei cinque seminari continentali. Per esempio, il tesoriere ha detto che, è stato possibile coprire le spese di soggiorno per tutti i partecipanti al seminario Africa-Madagascar. Per il momento il conto dell’ACSSA è in positivo. Ha detto che in questi anni non si è chiesto l’aiuto al Rettor Maggiore, anche se lui ha dimostrato tale disponibilità.

Brevemente è stato riferito sul funzionamento del sito ISS-ACSSA che risulta aggiornato, però permane ancora la questione di come valorizzarlo ancora meglio e farlo conoscere in vari ambiti di studio e di cultura.

La Presidenza ha valutato due proposte di pubblicazioni. La prima ricerca è di don Marcel Verhulst, « Demain sera plus beau ». Biographie du P. René-Marie Picron (1906-1991). Sulla prima proposta il segretario ha presentato le valutazioni dei recensori, che sono risultati piuttosto positivi. La proposta è stata accettata. La seconda ricerca è di suor Inácia E. Chaquisse, Mãos agraciadas auxiliando vidas: memórias, desafios e perspectivas das Filhas de Maria Auxiliadora em Moçambique de 1952 a 2012. Nel secondo caso, prima di prendere la decisione vincolante, la Presidenza ha chiesto di presentare almeno due pareri di recensori competenti in materia.

Prima dei ringraziamenti e della preghiera da parte del Presidente, è stata fissata la data della prossima seduta della Presidenza, durante la quale si dovrà studiare l’andamento di preparazione del 7° Convegno internazionale e, soprattutto, il programma di attività per gli anni dopo il convegno.

A cura di don Stanisław Zimniak – segretario ACSSA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Assemblea ACSSA Polonia: 27 aprile 2019

Il 27 aprile 2019, nella sede dell’Ispettoria San Stanislao Kostka a Varsavia, si è svolto l’incontro dei membri della Sezione Polacca ACSSA. Erano presenti sei su quattordici membri; le assenze sono state dovute per la maggior parte dei casi ad impegni d’importanza improvvisi o a situazione di salute.

I presenti sono stati salutati dall’Ispettore, don Andrzej Wujek, il quale ha garantito il suo pieno appoggio alle iniziative e specialmente al grande progetto dell’Enciclopedia salesiana e ha ringraziato i membri ACSSA per l’organizzazione dei vari convegni dedicati alle opere o figure salesiane. A suo parere ciò è un lavoro di notevole valore e, senza dubbio, contribuisce alla conoscenza delle attività storiche della Congregazione non solo nei nostri ambienti, ma viene percepito e apprezzato anche in ambienti ecclesiastici e civili.

Quindi ha preso la parola il Presidente don Stanisław Wilk, il quale brevemente ha reso conto della situazione attuale in cui si trova l’attività dell’ACSSA Polonia.

Il segretario generale dell’ACSSA, don Stanisław Zimniak, ha presentato in sintesi i cinque seminari continentali realizzati dalla Presidenza ACSSA. Il tema è stato uguale per tutti i cinque seminari, con qualche modifica, dovuta alla sensibilità locale e a un bisogno particolare. Il primo, per l’Asia Sud (India-Sir Lanka), aveva come titolo: Personalità salesiane incisive e innovative dell’India. Si è svolto dal 22 al 24 giugno 2018, nella casa ispettoriale di Hyderabad (India). Il seminario per l’Europa, svoltosi a Bratislava (Slovacchia), dal 31 ottobre al 4 novembre 2018, ha avuto il seguente titolo: Figure salesiane rilevanti fra il XIX e XX secolo in Europa”. Il terzo seminario per l’East Asia-Oceania era intitolato: Relevant Salesian Figures of the 20th Century in East Asia. Esso è stato realizzato a Sam Phran, Thailandia, dal 10 al 15 febbraio 2019. Invece il seminario per l’Africa e Madagascar, realizzato dal 4 al 9 marzo 2019, a Nairobi, ha avuto per tema: Sulle orme dei nostri pionieri nella missione salesiana. L’ultimo seminario si è svolto nei giorni 18-22 marzo 2019, nella casa “Domingo Savio” (Ramos Mejía, Buenos Aires/Argentina) e ha trattatto il tema: Figuras Salesianas innovadoras y significativas en el siglo XX. Questi seminari sono stati una specie di “laboratorio” di preparazione del 7° Congresso mondiale ACSSA, programmato per l’autunno 2020.

Un’osservazione rilevante su tutti questi cinque seminari continentali è la seguente: si è notata una crescente corresponsabilità per una elaborazione del nostro passato, sempre più valida dal punto di vista scientifico. L’Associazione conta attualmente 197 membri (FMA, SDB, CDB e altri Rami della Famiglia Salesiana), tra cui sono un buon numero di storici professionisti, anche se prevalgono quelli definiti come cultori. Una cosa degna di nota è il fatto che sta crescendo il numero dei ricercatori e cultori laici. Si tratta di un lavoro che richiede tanto impegno e attenzione per dare a questo gruppo un ulteriore rinvigorimento e assicurare l’aggiornamento nel campo delle scienze storiche a questo “movimento”, nato per iniziativa dell’ISS e approvato dal Rettore Maggiore dei Salesiani. Quindi la corresponsabilità viene condivisa con i membri dell’ISS. Si pensa di redigere una specie di “Pro Memoria” da consegnare alle Ispettrici e agli Ispettori, per dimostrare i lavori già realizzati e le problematiche riscontrate nel corso dei cinque seminari continentali, specie quelle relative alla conservazione della documentazione prodotta dagli strumenti moderni elettronici che ormai sembra sia fin troppo trascurata, dato che non ci sono ancora prescrizioni formali al riguardo. Senza dubbio tutto questo richiede interventi concreti dai capi “politici” dei nostri vertici; occorre inoltre che le prescrizioni date siano attuate da loro stessi e periodicamente vengano anche verificate. Infine il segretario generale ha reso conto delle ultime pubblicazioni dell’ISS. Ha invitato i presenti a comunicare le nuove pubblicazioni e usufruire del sito ISS-ACSSA che viene puntualmente aggiornato e costituisce uno strumento credibile di scambio e di comunicazione.

Il lavoro più impegnativo di questo incontro è stata la verifica dell’andamento dello studio per il progetto dell’Enciclopedia Salesiana. I presenti hanno cercato di analizzare le voci che sono state proposte ed individuate da don Jarosław Wąsowicz. Ciò è stato uno sforzo metodologico molto delicato, perchè si trattava di decidere sulle voci proposte in vista di una fisionomia salesiana ben precisa, contemplata nella futura enciclopedia, e che rispecchiasse e descrivesse, attraverso le voci scelte la realtà della Congregazione salesiana e dell’Istituto di Figlie di Maria Ausiliatrice in Polonia. Perciò per questa iniziativa si è visto indispensabile il coinvolgimento altri ricercatori e studiosi salesiani che non fanno parte dell’ACSSA polacca. La decisione di coinvolgere l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, presa nell’anno passato, è stata valutata positivamente, però non priva di una certa preoccupazione. Questa si spiega con il fatto che le FMA dal punto storiografico sono piuttosto deboli e non dispongono di tante persone professionalmente preparate. Per il momento sono coinvolte solo due suore: Bernadete Lewek e Małgorzata Łukawska. Quindi dovranno portare una ricerca assai vasta e impegnativa che dovrebbe essere conclusa in un arco di tempo piuttosto breve. Questa verifica di voci sarà ancora una volta sottoposta alla valutazione nella prossima programmata seduta della Sezione ACSSA in Polonia. Sono state presentate le voci biografiche e le voci sulle opere, già realizzate. La dinamica dei lavori si differenzia da una all’altra Ispettoria. Per quanto riguarda le due Ispettorie del Nord della Polonia, don Jan Pietrzykowski ha riferito che la ricerca è quasi terminata. Invece per l’Ispettoria di San Giovanni Bosco di Wrocław, come ha riferito don Jacek Bielski, si sta per concludere la raccolta delle voci biografiche, per poi passare alle voci sulle opere. Rimane problematica la situazione dell’Ispettoria di San Giacinto di Cracovia; su questo caso un po’ specifico è stato chiesto di chiarire la situazione al presidente prof. don S. Wilk. Il gruppo redazionale ha notificato e richiamato all’osservanza dei criteri proposti, al fine di assicurare una indispensabile serietà scientifica e una certa uniformità nella redazione delle singole voci. Malgrado i numerosi difficoltà si è deciso di portare avanti questo ambizioso e atteso progetto culturale, senza però pronunciarsi sulla data di pubblicazione, anche se si è inclini a non andare oltre il 2021.

I membri presenti hanno informato su ciò che attualmente stanno portando avanti. Don Jan Pietrzykowski sta preparando un convegno sulla parrocchia salesiana di Sacro Cuore di Gesù, situata in quartiere una volta molto periferico di Varsavia. Grazie all’impegno della Congregazione salesiana questa parrocchia divenne un forte e influente centro di azione pastorale ed educativa in favore dei giovani del quartiere. Il convegno si svolgerà il 5 ottobre 2019. Tra i numerosi interventi degli studiosi salesiani sono anche programmati varie relazioni di studiosi di altri centri culturali e universitari. Invece don Jarosław Wąsowicz, tra tanti lavori, sta per concludere una ricerca molto importante sul salesiano Antoni Baraniak SDB (1904-1977), segretario del Primate di Polonia, August Hlond prima, arcivescovo di Poznań dopo. Una figura chiave per la storia della Chiesa Cattolica in Polonia durante il regime comunista. Un altro membro dell’ACSSA in Polonia, don Waldemar Żurek, è riuscito di recente a pubblicare tre volumi di edizione critica inerenti le opere salesiane in Polonia. Eccone l’elenco: Kronika Salezjańskiego Instytutu Filozoficznego w Marszałkach 1935-1939. [Cronaca dell’Istituto Salesiano di Filosofia a Marszałki 1935-1939]. ( = Biblioteka Salezjańskiej Inspektorii św. Jacka w Krakowie, 9). Lublin 2018; Salezjanie na lubelskiej «Kalinie» 1927-1951. Kronika [I Salesiani di Lublin ‘Kalina’ 1927-1951. Cronaca]. ( = Biblioteka Salezjańskiej Inspektorii św. Jacka w Krakowie, 11). Lublin, Drukarnia Gaudium 2018; Salezjańskie szkoły rzemieślnicze w Oświęcimiu 1914-1971 [Scuole salesiane professionali a Oświęcim 1914-1971]. ( = Biblioteka Salezjańskiej Inspektorii św. Jacka w Krakowie, 10). Lublin, Drukarnia Gaudium 2018. La prossima assemblea è fissata per il 23 novembre 2019.

A cura di don Stanisław Zimniak

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Don Mario Leonardo Peresson Tonelli, SDB, Membro ACSSA 27.11.1940 – 30.04.2019

peresson

Nelle prime ore del mattino del 30 aprile la Provincia San Pedro Claver di Bogotá pubblicava: “con dolore e speranza,” vi comunichiamo la morte di Don Mario Tonelli Leonardo Peresson “grande salesiano, padre e amico.”

Ore dopo è stata annunciata la veglia nel Santuario di Nostra Signora del Carmen accanto al Collegio Leone XIII, dove lui è stato rettore, ubicato nel centro di Bogotá –  dalle 08:00 di questo 1 maggio.

Per la scuola cattolica, la vita religiosa e la Chiesa colombiana, in generale, la sua partenza lascia un vuoto di grandi proporzioni, a giudicare dalle tante espressioni di condoglianze e le diverse testimonianze che sono stati pubblicati attraverso le reti sociali e i gruppi di WhatsApp.

Apostolo della pedagogia cristiana

“Padre Mario era un apostolo dell’educazione cristiana, un vero maestro della scuola cattolica in America”, ha detto a Vida Nueva il Segretario Generale della Confederazione Interamericana dell’Educazione Cattolica (CIEC), Oscar Perez Sayago, ricordando il tributo reso a lui con motivo del 25 ° Congresso Interamericano nel mese di gennaio del 2018 a Bogotá, dove li è stato conferito il premio “Gesù Maestro”.

“Con le sue ricerche, opere e scritti ha contribuito all’identità dell’educazione cattolica nel XXI secolo”, ha riconosciuto Pérez Sayago.

Tra le sue numerose pubblicazioni, “AL ASCOLTO DEL MAESTRO” (2012), pubblicato insieme con la CIEC, la CLARC e la PPC, è stato uno dei lavori che fanno sintesi della pedagogia cristiana e di maggior impatto nel continente americano negli ultimi anni

Educatore e accademico

Nei suoi 78 anni di vita, completati il ​​27 novembre, Mario ha trasceso come educatore, teologo e pastore in molteplici scenari.

Con i salesiani è stato ispettore (provinciale) e ha diretto vari progetti educativi e catechistici, oltre a coordinare diverse ricerche per analizzare la realtà giovanile in Colombia.

Ha lavorato come insegnante e ricercatore presso la Facoltà di Teologia dell’Università Pontificia Javeriana di Bogotá, soprattutto nelle aree di patristica e mariologia, dopo i suoi studi a Parigi e Roma, dove è stato testimone del Maggio del 68 Francese e il Concilio Vaticano II.

Alla fine degli anni ’70, con il trionfo della rivoluzione sandinista, fu invitato come assessore della crociata di alfabetizzazione del Nicaragua.

L’educatore popolare

“Mi sono lasciato coinvolgere dalla domanda sulla responsabilità sociale” sono state le sue parole per spiegare come è stato il suo camino per riconoscere e accettare progressivamente l’opzione per i poveri, la teologia della liberazione e l’educazione popolare. Il suo contributo è stato ampiamente riconosciuto in Colombia in queste tre aree.

“A Mario è piaciuto che tutti lo chiamassimo con il suo nome: Mario, suscitava così la vicinanza, la fiducia, l’accettazione, l’accoglienza e l’affetto. Il suo atteggiamento è stato sempre di insegnante e fratello, alla maniera di Gesù con il cuore di Don Bosco “, ricorda il suo amico Fernando Torres Millán, consultato per Vida Nueva. Insieme hanno condiviso ricerche e progetti nella rivista Dimensiòn Educativa, prima e dopo in KairEd.

“Ha amato la vita e l’ha seminata in abbondanza nelle sue molte opere, parole, riflessioni e scritti. La sua vita è stata una testimonianza d’amore attraverso il suo sorriso, la sua grazia, le sue parole, la sua saggezza, la sua generosità “, aggiunge Torres Millán, evocando la sua memoria nel campo dell’istruzione popolare. “La sua vita è stata anzitutto una bella storia di fede impegnata nell’educazione trasformatrice in cui i poveri e i giovani sono protagonisti della costruzione di un mondo migliore”, conclude.

“Vida Nueva” – digital – España: 01.05.2019.

 

Le sue principali pubblicazione:

  • La iniciación cristiana en el pensamiento de San Ambrosio, 1969.
  • La misión educativa de la vida religiosa en América Latina y El Caribe a la luz de la pedagogía de Jesús, 1970.
  • Educación Popular y alfabetización en América Latina, 1983
  • Análisis de estructura, análisis de coyuntura: metodología, 1989.
  • La educación para la Liberación en Colombia: Balance y perspectivas (1960 – 1990), 1991.
  • Haciendo nuevos tejidos: fe – culturas – educación popular: segundo curso Latinoamericano de CELADEC para educadores cristianos y educadores populares, 1997.
  • Misión profética de la Educación Católica en los umbrales del Tercer Milenio, 1998.
  • Educar para la solidaridad planetaria. Enfoque teológico Pastoral, 1999.
  • Ven y Sígueme. Confirmemos nuestra fe. Itinerario catequístico de preparación al sacramento de la confirmación, 2002.
  • Seguir a Jesucristo tras las huellas de Don Bosco. Aproximación a la Espiritualidad Salesiana, 2006.
  • Educar con el corazón de Don Bosco. El proyecto Educativo – Pastoral Salesiano inspirado en el Sistema Preventivo de Don Bosco, 2010.
  • A la escucha del Maestro, 2012.

A cura di don Jaime González SDB.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Assemblea ACSSA Italia – Roma, 30 marzo 2019

Il 30 marzo scorso si è tenuta a Roma, presso la casa ispettoriale delle FMA, l’assemblea ordinaria di ACSSA Italia. Per i numerosi convenuti in cantiere un nutrito ordine del giorno.

Molti hanno manifestato piena soddisfazione per il seminario europeo che si è svolto a Bratislava (31/10 – 04/11-2018): ottime l’accoglienza e l’organizzazione dell’insieme, le visite a luoghi straordinari; curati gli incontri con testimoni significativi; l’excursus storico ha permesso di conoscere la giovane nazione e l’opera salesiana in Slovacchia, ecc. Le giornate sono state impegnative per il consistente numero di relazioni, tanto che alcuni hanno messo in risalto la propria difficoltà a seguirle tutte. Nonostante ciò, gli interventi sono serviti a far apprezzare numerose figure di salesiani/e “minori” e “sconosciuti”, oltre che a far risaltare un sensibile miglioramento nella qualità delle esposizioni e nella metodologia di ricerca. Al ritorno, in varie comunità è stato possibile valorizzare l’esperienza, con buona notte, approfondimenti, ulteriori ricerche, e persino una commemorazione civica di una consorella oggetto di studio.

La maggior parte dei partecipanti al seminario formativo per segretarie/i ispettoriali, realizzato da ACSSA Italia nel febbraio 2017 in collaborazione con esperti della CEI, hanno lasciato il loro incarico. Inoltre, sulla base di informazioni ricevute, solo limitatamente sono avvenuti dei sensibili miglioramenti. La discussione si polarizza attorno a due possibili proposte da perorare presso gli organismi di governo delle due congregazioni: rendere usufruibili ed efficienti gli archivi storici ispettoriali italiani, aderendo al progetto CEI, oppure riordinare tutti gli archivi storici ispettoriali del mondo salesiano secondo un modello unico e collegarli in rete mediante programmi informatici idonei e compatibili. Gli interventi si susseguono a favore ora dell’una ora dell’altra proposta, sulla base di bisogni, esperienze e convinzioni personali. Tutti concordano sul fatto che da troppo tempo si dibatte il problema e qualsiasi proposta avanzata deve trovare riscontro e volontà politica di soluzione negli organismi competenti. Nel frattempo cresce la perdita inesorabile di “memorie” e l’accessibilità problematica di molti di essi per gli studiosi.

Al momento si ritiene molto difficoltoso e poco proficuo proseguire nell’opera di redigere facsimili di regolamenti e titolari per le diverse tipologie di case, come pure per i centri ispettoriali. Si rischia di produrre documenti, fornire procedure e indicazioni che rimarranno purtroppo lettera morta, per una pregiudiziale convinzione della loro inutilità. Il tema in sé presenta molti aspetti problematici e implica vari livelli decisionali, oltre che una condivisa coscienza della sua importanza ed ineludibilità. Pertanto, si ritiene indispensabile in forma provvisoria sulla conservazione del materiale documentale prodotto. Per questo, si è stabilito di presentare ad ispettori ed ispettrici un promemoria che indichi la documentazione che assolutamente va conservata e di conseguenza nei centri ispettoriali e nelle singole case non deve essere gettata al macero, oltre a quanto è già previsto dalle leggi civili, scolastiche ed ecclesiali. Inoltre si chiede di poter visionare tutti i titolari tuttora in uso presso gli archivi storici ispettoriali d’Italia, per un’analisi dei criteri con cui sino al momento i documenti sono stati selezionati e raccolti.

La sezione italiana ha pensato bene di redigere e pubblicare un volume che illustri, in forma ad un tempo sintetica e scrupolosa, tutte le case che nel corso di questi centocinquanta anni sono state fondate nelle diverse regioni d’Italia. Ai singoli referenti ispettoriali sarà fornita una scheda guida, con i campi d’analisi previsti. Duplice è lo scopo che si vuol conseguire: mappare la presenza salesiana in Italia e fornire un primo strumento per una futura storia salesiana nazionale.

L’ultimo lasso di tempo viene impiegato a presentare: (1) le novità bibliografiche (sei volumi); (2) le iniziative messe in atto nei diversi contesti ispettoriali (pomeriggio di studio, ricerche formative, lavoro teatrale, commemorazioni, rievocazioni storiche, pellegrinaggio, libretti divulgativi, dizionario biografico, preparazione di futuri convegni, pubblicazioni divulgative e scientifiche in cantiere, tesi dottorali); (3) le migliorie da apportare sia nel sito ACSSA Italia che in quello mondiale; (4) l’allarme per la conservazione e valorizzazione di alcune preziose biblioteche “storiche” e di una raccolta di libretti teatrali e di partiture musicale estremamente ricca; (5) la preoccupazione e cura nel raccogliere romanzi e racconti composti da 73 scrittori salesiani nell’arco di un cinquantennio.

A cura di don Rodolfo Bogotto

 acssa1

acssa2

ACSSA Italia 30032019

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

[Top]

L’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano – 30 marzo 2019

Assemblea - 30 marzo 2019 (002)

Sabato 30 marzo 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta l’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano (ISS). Erano presenti: don Thomas Anchukandam, don Francesco Casella, don Miguel Canino, don Francesco Motto, don José Manuel Prellezo, don Giorgio Rossi e don Stanisław Zimniak. Erano assenti per motivi giustificati: signor Iván Ariel Fresia e don Aldo Giraudo.

Dopo la preghiera e il saluto da parte del Direttore, don Thomas Anchukandam, è stato approvato il verbale dell’Assemblea, svoltasi il 20 novembre 2018, a cui aveva partecipato il Rettor Maggiore, don Ángel Fernández Artime. Il segretario di coordinamento ha fornito una succinta relazione sui temi trattati dal Consiglio Direttivo, seguito da quello della Redazione delle “Ricerche Storiche Salesiane”, che ha avuto luogo il 20 febbraio 2019 nel campus universitario dell’UPS. Di seguito il Direttore ha presentato la situazione del personale: in concreto, il campo di ricerca del nuovo membro associato dell’ISS, signor Ariel Iván Fresia e la prospettiva di inserimento di don Pedro Ruz Delgado.

È stata presentata la situazione relativa all’organizzazione di due congressi mondiali, il primo dei quali riguarda don Paolo Albera che si svolgerà alla fine dell’anno 2021. Il Direttore ha detto che per il momento non ci sono novità. Prima dell’estate dovrebbe incontrarsi il Comitato Direttivo per esaminare l’andamento di preparazione. Per quanto riguarda la stesura di una biografia da parte di don Joseph Boenzi, è stato detto che don Boenzi porta avanti tale impegno, senza precisare a che punto è il lavoro. Invece in relazione al secondo congresso dedicato a san Francesco di Sales, da compiere entro l’anno 2022, è stata rinnovata la disponibilità dell’ISS; rimane da definire da parte dell’Istituto di Spiritualità della Facoltà di Teologia quale potrebbe essere il tipo di intervento e collaborazione assegnati all’ISS.

Successivamente si è passato all’esame della proposta di una serata di studio, per l’autunno 2019, sul tema: Il valore degli Epistolari: storia, presente e futuro (il titolo non è definitivo). Una serata da organizzare da parte dell’ISS in collaborazione con la Facoltà delle Scienze di Educazione e con l’Istituto di Spiritualità. Un motivo principale per tale evento costituisce la recente pubblicazione dei due epistolari: l’ottavo volume dell’Epistolario di don Bosco, curato da don Francesco Motto e la corrispondenza dei belgi con don Bosco, curato da Wim Provoost.

Poi la relazione sull’andamento della preparazione del secondo volume delle Fonti Salesiane che stanno preparando: don Th. Anchukandam, don J. Prellezo e don A. Giraudo. A dire dei curatori una parte sembra bene avviata. Tuttavia si tratta di un lavoro che richiede ulteriori incontri dei medesimi curatori per adottare una direzione pienamente condivisa. Don F. Motto ha detto che il lavoro per il nono volume dell’Epistolario di don Bosco è giunto a tal punto che la sua pubblicazione è prevista per l’anno 2021. Il lavoro riguardante la corrispondenza dei polacchi con don Bosco, a dire di don Zimniak, uno dei due curatori, ha concluso la fase di trascrizione delle lettere originali (redatte in varie lingue tra cui latino, francese, tedesco, russo) ed è in fase di avanzamento la loro traduzione in lingua polacca. C’è speranza di potere pubblicare entro quest’anno. Il Direttore ha fornito alcune notizie circa la proposta di pubblicazione della ricerca di Silvia Omenetto: Le prime escuelas agrícolas salesiane in Argentina (1875-1910) come sedimenti materiali nel processo di territorializzazione. Ha ricevuto valutazioni piuttosto positive che permettono di procedere con la ricercatrice, cioè una pubblicazione nella collana studi dell’ISS.

Brevemente è stata analizzata la programmazione dei lavori previsti dai membri per gli anni: 2019-2020. È stato accennato anche al rifacimento del sito ISS-ACSSA: si attendono le mosse da parte dei responsabili per il nuovo rilancio del sito della nostra Congregazione.

Delle norme editoriali per l’edizione critica delle fonti salesiane non si è parlato, a causa dell’assenza di don Aldo Giraudo, che ne è il principale curatore. Per la lista di recensori/revisori sono stati proposti altri nomi; occorre ora parlare con le rispettive persone per verificare se accettano tale compito e responsabilità.

Il presidente dell’ACSSA, don F. Motto, ha reso un sintetico rendiconto sui cinque seminari continentali realizzati dalla Presidenza ACSSA. Il tema è stato uguale per tutti i cinque seminari, con qualche modifica, dovuta alla sensibilità locale e un bisogno particolare. Il primo, per l’Asia Sud (India-Sri Lanka), ha avuto il titolo: Incisive and Innovative Salesian Personalities of India. Si è svolto dal 22 al 24 giugno 2018, nella casa ispettoriale di Hyderabad (India). Il seminario per l’Europa, svoltosi a Bratislava (Slovacchia), dal 31 ottobre al 4 novembre 2018, ha avuto il seguente titolo: Figure salesiane rilevanti fra il XIX e XX secolo in Europa. Il terzo seminario per l’East Asia-Oceania ha avuto per titolo: Relevant Salesian Figures of the 20th Century in East Asia. Esso è stato realizzato a Sam Phran, Thailandia, dal 10 al 15 febbraio 2019. Invece il seminario per l’Africa e Madagascar, realizzato dal 4 al 9 marzo 2019, a Nairobi, ha avuto per tema: Sulle orme dei nostri pionieri nella missione salesiana. L’ultimo seminario si è svolto nei giorni 18-22 marzo 2019, nella casa “Domingo Savio” (Ramos Mejía, Buenos Aires, Argentina) e ha trattato il tema: Figuras Salesianas innovadoras y significativas en el siglo XX. Questi seminari sono stati una specie di “laboratorio” di preparazione del 7° Congresso mondiale ACSSA, programmato per l’autunno 2020. In tutti questi cinque seminari continentali si è notata una crescente corresponsabilità per una elaborazione sempre più valida dal punto di vista scientifico. L’Associazione conta attualmente 197 membri (FMA, SDB, CDB e altri Rami della Famiglia Salesiana) e un buon numero dei ricercatori e cultori laici. Un lavoro che richiede tanto impegno e attenzione per assicurare a questo gruppo un ulteriore rinvigorimento e aggiornamento nel campo delle scienze storiche. Si tratta di un’iniziativa, un “movimento”, nato per l’iniziativa dell’ISS e approvato dal Rettore Maggiore dei Salesiani.

Il caporedattore ha informato che il materiale per il primo numero della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” 2019 è stato presentato al Consiglio di Redazione, il 20 febbraio 2019. È composto da tre contributi nella sezione studi, seguito dal testo dell’edizione critica nella sezione fonti, da due contributi per quella dei profili e due apporti per la sezione delle note. A ciò si aggiungono le proposte di otto recensioni e due segnalazioni. Ha riferito sul materiale che gli è stato consegnato dai membri e dai altri (sempre tramite membri ISS) per il secondo numero del medesimo anno. Dunque per il primo numero il materiale sembra sufficiente, invece per il secondo le sezioni sono ancora scarsamente coperte. È stata presentata la risposta dei Membri ISS alla scheda 2020, la quale è stata spedita a tutti i membri ISS. Purtroppo, eccetto un membro, gli altri non hanno risposto. I presenti hanno riconfermato l’idea che i due numeri della rivista dell’anno 2021 sarà riservata agli studi sulla figura di don Paolo Albera. Però rimane ancora da chiarire l’impostazione tematica e cronologica di questa proposta. Il caporedattore ha ringraziato coloro che hanno collaborato. Il responsabile ha chiesto ai presenti di rendersi disponibili per le recensioni di studi. Attraverso di tale disponibilità si manifesta anche la corresponsabilità per la nostra rivista. È stato chiesto di dare informazione circa le nuove pubblicazioni inerenti la storia salesiana, per inserirle nel repertorio bibliografico, in modo che possa risultare più completo.

            Dopo aver fissato la data della prossima riunione dell’ISS, il Direttore ha ringraziato per l’impegno mantenuto e ha augurato di poter portare avanti il lavoro di studi sulla memoria storica del nostro Fondatore, don Bosco e sulla nostra Famiglia Salesiana.

A cura di don Stanisław Zimniak – segretario di coordinamento ISS

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Invito alla conferenza sul cardinal August Hlond, martedì 26 marzo 2019


0001
 0001

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

2ème SEMINAIRE CONTINENTAL ACSSA-AFRIQUE ET MADAGASCAR (Afrique et Madagascar du 4 au 9 mars 2019 Nairobi)

gruppo nairobi

 SULLE ORME DEI NOSTRI PIONIERI NELLA MISSIONE SALESIANA

Don Bosco Youth Educational Services
(DBYES)
Dagoretti Maarket Road P.O. Box 2
Daren – 00502 NAIROBI Kenya

 

LUNDI 05 MARS 2019

 21 participants dont 10 Fma et 11 Sdb.

Le lundi, quatrième jour du mois de mois s’est ouvert le deuxième séminaire ACSSA de la région Afrique et Madagascar à DBYES-Nairobi.

Après la prière des Laudes et la lecture de différents messages du Recteur Majeur Don Fernandez, de la Mère Générale Yvonne, de la Sœur Gisèle, Provinciale de l’AFE et du Père Francesco Motto, Président de l’ACSSA à l’intention des participants du 2ème séminaire de l’ACSSA, ce fut les interventions de la matinée. La Père Germain Kivungila, sdb a exposé la biographie du Père René Picron, l’un des provinciaux de l’AFC sous le thème : « Biographie du Père Picron. La problématique de la lutte scolaire et essais de la pastorale vocationnelle ». Un bref échange fructueux entre participants et intervenant, sous la modération de Don Stanislaw Zimniak, a enrichi le thème de l’intervenant.

La sœur Maria Teresa Ananos a fait part aux participants de l’ACSSA, après l’intervention du Père Germain, de son témoignage sur le Père César Fernandez, Sdb de la Province de l’Afo qui a été assassiné le 15 février de l’année en cours à la frontière du Togo et de Burkina Faso. La mémoire étant encore fraiche de la disparition du Père César, quelques aspects de sa personnalité et de sa consécration ont été soulignés en vue de garder en mémoire le fils de Don Bosco qui a donné de sa vie bien que de façon tragique.

Après l’exposé et le partage sur le témoignage du Père César, ce fut la célébration eucharistique, sous l’invocation du Saint Esprit sur le Séminaire de l’ACSSA Afrique et Madagascar, présidée par le Père Provincial de l’AFE, Père Asira Lipula Simon. Juste après la messe, un repas fraternel a été partagé entre participants dans un climat fraternel.

seminario kenya

Les activités de l’après-midi ont été modérées par la Sœur Maria Rohrer. Soulignons en premier l’intervention du Père Francesco Moto sous le thème : « Memoria 2011 » : Laboratori, Presentazione breve degli Atti 2011. Don Francesco Moto a mis l’accent sur les trois parties des Actes de 2011 : 1ère partie : Production, conservation, utilisation et diffusion de documents de l’histoire ; 2ème Partie : Cadre de l’historiographie et la 3ème Partie comprend les Critères de l’historiographie. Au terme de son intervention, les rencontres, en carrefour selon les langues parlées par les participants, ont permis aux participants d’approfondir l’exposé tout en se confrontant chacun aux réalités respectives de sa province.

La seconde intervention qui a suivi celle de Don Francesco Motto est celle de la sœur Inacia Chaquisse, Fma. La sœur Inacia a exposé la biographie de la sœur Gertrude De Rocha, Fma missionnaire au Mozambique ayant vécue de 1962-2012. Le thème de l’exposé : « A paixao educativa : o ser e viver da Ir Maria Gertrudes de Rocha FMA, 1962-2012. » Dans l’échange de l’exposé de la biographie de la sœur Marie Gertrudes, tout en remerciant la sœur Inacia de son intervention, Don Francesca a invité les participants à faire de même avec objectivité et esprit critique.

Après la prière des Vêpres et le repas du soir, ce fut, l’auto-présentation des participants. Au terme de l’auto-présentation des membres de l’ACSSA-Afrique et Madagascar, une prière faite dans un esprit de recueillement concluait la première journée du séminaire ACSSA-Afrique et Madagascar.

MARDI 05 MARS 2019

 20 participants dont 10 Fma et 10 Sdb.

Le mardi, cinquième jour du mois de mars s’est tenu le troisième jour de la 2ème séminaire ACSSA de la région Afrique et Madagascar à DBYES-Nairobi. Après la messe dite en langue française présidée par Don Stanisław Zimniak, ce fut le petit déjeuner qui s’en est suivi des activités de la matinée. La modération de la matinée a été confiée à la Sœur Bickford Virgina, Fma.

Monsieur Richard Wato est intervenu à 9h15 sous le thème : Archivio. Catalogazione. Digitalizzazione. Qu’il a reformulé comme suit : Archives ; Arragement et Description ; and Digitalizzazione.

nairobi 2

Après l’exposé de monsieur Richard Wato qui nous a rappelés l’importance de l’archivage, de la catalogation et de la digitalisation des documents, ce fut le temps de la sœur Virginia de faire part aux participants de l’ACSSA de la figure pionnière du Kenya, la Sœur Rosa Farina, Fma (1932-2016) qui a travaillé dans plusieurs missions dont la dernière fut celle du Centre Bahkita à Tonj, au Soudan avant de rentrer dans province d’origine de Orta San Giulio (Norvara). L’intervention de la sœur Virginia, Fma a été formulée ainsi : « Suor Rosa Farina, Fma ; pioniera in Kenya e Sudan ».

La biographie de la Sœur Céline MC Mahon, Fma (1949-2002) missionnaire en Afrique du Sud et Lesotho, de la Province de Afm, a été rédigée par la Sœur Charmaine de la Chaumette, Fma mais présentée et exposée par la Sœur Virginia, Fma. Signalons que le la Sœur Charmaine n’a pas su être de la partie suite à quelques soucis de transport.

La première exposée de l’après-midi, à 15h00 est celle du confrère Ramadan Albert Sébastien. Son exposé porte sur « Le Profil du Père Yvon, Réaudin, Sdb (1940-2018) ». D’origine française, le Père Yvon a senti l’appel du Seigneur et est devenu Salésien de Don Bosco. Par la suite, il a été envoyé au Gabon, un de ses premiers pays de mission dans la Province de l’ATE où il a œuvré en vrai pionnier du charisme salésien dans l’effort de l’inculturation du charisme salésien.

Ensuite, c’est la Sœur Alice Lucia, Fma qui a présenté la biographie de la Sœur Saveria Azzolina (1940-2012), missionnaire Fille de Marie Auxiliatrice qui a inculturé le charisme salésien au Madagascar. Le titre de l’exposé de la Sœur Alice Lucia, Fma est : « Suor Saveria Azzolina una missionaria FMA chi ha inculturato il carisma in Madagascar ».

Après l’intervention de la Sœur Alice Lucia, Fma ce fut l’exposé de Don Waldemar Zbigniew Westerling-Molenda, Sdb sur le thème de vingt-cinq premières années avec les personnalités salésiennes en Zambie comme le Père J. Ojczyk, Père P. Malec, le Sem. Clement Mwamba Mutamba ; in english : « Salesian Character and Personalities in ZMB – Fr. Józef Edward Ojczyk SDB,12.05.37 †26.10.2004. Fr. Piotr Malec SDB,18.08.65 †06.05.2015. Sem. Clement Mwamba Mutamba SDB,19.11.82 †07.12. ».

nairobi 3

 

L’intervention de la Sœur Affognon Pascaline, Fma : « La contribution des jeunes africains à la croissance du charisme salésien en Afrique de l’Ouest » a marqué la fin des interventions de l’après-midi du mardi 05 mars 2019. Bien que n’ayant pas su être physiquement présente au Séminaire, elle a envoyé sa contribution en fichiers Microsoft Word et audio qui ont permis aux participants de s’imprégner de son apport.

Dans les différents échanges par rapport aux exposés, l’aspect important qui a été souligné est le fait qu’en outre de l’aspect de la spiritualité (c’est-à-dire la foi) qui constitue le leitmitiv de l’action missionnaire de différentes figures salésiennes exposées, l’aspect critique dans la collecte des sources diversifiées, leur confrontation et leur présentation éviteraient à nos écrits le simple fait de récit de louange ou tout simplement des lettres mortuaires, ce qui n’est pas la seule et unique visée de notre Séminaire.

Après la prière de vêpres et le souper, les participants de l’ACSSA-Afrique et Madagascar du Kenya ont partagé aux autres participants la présentation de la situation et de leur présence au Kenya.

MERCREDI 07 MARS 2019

 L’imposition de cendres lors d’une célébration eucharistique présidée par le Père Germain Kivungila ce matin du 07 mars 2019 a permis aux participants d’entrée de pied ferme dans le temps de carême par la prière, la pénitence et le partage.

La première intervention de la matinée est de la Sœur Ekengbi Marie Marthe, Fma sur le thème : « Jeanne des petits ». Sœur Jeanne Vincent, Fma (1915-1997). La biographie présentée par la Sœur Marie Marthe a voulu mettre en exergue le cœur tout entier de la Sœur Jeanne voué au service salvifique des petits ; d’où le surnom de « Jeanne des petits ».

La deuxième intervention est celle de Don Mwenda Dietrich, Sdb qui a présenté la biographie du Père Georges Padinjarampil (1937-2012). De nationalité indienne, le Père Georges naquit le 31 mars 1937 dans la province de Gauhat. Il devient salésien et part en mission en Afrique en 1980 dans le contexte du projet Afrique. Il a travaillé dans la Province de l’Afrique salésienne de l’Est. Une vie toute vouée aux jeunes, aux pauvres à l’instar du bon berger qui donne sa vie pour ses brebis. Il mourut en Inde le 19 avril 2012.

nairobi 4

La Sœur Rohrer Maria est intervenue en troisième position avec comme titre de sa contribution : « La Tunisie entre indépendance 1956 et « Modus vivendi » 1964 ». Années difficiles, incertaines, commentées par Sœur Blandine Roche FMA dans ses lettres à Sœur Marie Thérèse Warnault FMA ».

Après l’exposé de la Sœur Rohrer Maria, ce fut Don Francesco Motto qui a présenté la contribution de Don Thomas Achukandam SDB, empêché. Le titre de la contribution de Don Thomas est « Preserving and Passing on the ‘Memory’ in the Salesian Tradition.

La modératrice de la matinée, la Sœur Bickford Virginia, Fma a remercié les participants pour l’attention soutenue et les a invités à prendre part au repas de midi dans l’esprit du carême.

Les interventions de l’après-midi ont en tête celle de Don Francesco Motto qui a pour titre : « Different Literary Genres – Critical Approach to Salesian Sources » (metodologia storica delle fonti salesiane più comuni). A la suite de l’intervention de Don Francesco Motto, il a été programmé l’intervention de la Sœur Loparco Grazia. Du fait de son empêchement à être au Séminaire, Don Francesco Motto a présenté la contribution de la Sœur Loparco dont le titre est : « Figure salesiane : introduzione alla ricerca storica ».

Après le temps d’échange sur les exposés de Don Francesco et la pause, ce fut le temps de l’intervention de Don Stanisław Zimniak SDB : « Associazione Cultori di Storia Salesiana al servizio della promozione della ricerca storica sula realtà salesiana nel mondo ». En partant de l’UPS, en passant par l’ISS jusqu’à l’ACSSA, Don Zimniak a mis en exergue la valeur de l’histoire et plus particulièrement l’histoire salésienne qui doit être élaborée en tenant compte de normes scientifiques pour qu’elle soit crédible et serve à la postérité.

Il a parlé aussi de l’organisation de l’ACSSA comme Association ayant un statut propre, un comité mondial dont la présidence est assumée par Don Francesco Motto ; d’autres comités continentaux et locaux, des rencontres mondiales, continentales et des publications diverses.

La contribution de la Sœur Rohrer Maria après l’intervention de Don Zimniak a porté sur « La cronaca ». Tout en élucidant les différents aspects à prendre en compte pour écrire la monographie, la Sœur Maria Rohrer a rappelé aux participants la responsabilité inéluctable que tous avons face aux documents produits aujourd’hui, en vue du travail des historiens de demain ; face aussi au passé qui n’a pas été détruit.

nairobi 5

Le mot du soir a été dit par le Père Asira Lipuku Simon, Provncial de l’Afrique de l’Est.  Il a fait part aux participants, dans un bref survol, de l’histoire de l’arrivée des confrères dans cette contrée (1986), leur constitution en tant que délégation (1994) jusqu’à l’érection de la Province Africa Eastern (1994). De même, les participants ont pris connaissance de l’effectif des jeunes en formation et des confrères profès perpétuels ainsi que les différentes œuvres telles qu’elles sont reparties dans les quatre pays : Tanzania, Kenya, Sud-soudan et Soudan. Dans le souci de répondre aux signes du temps, il y a une œuvre qui s’occupe, à Juba, des réfugiés et, une autre à Khartoum, des prisonniers. Il a énuméré les points forts, les opportunités ainsi que les points faibles auxquels la Province de l’Africa Eastern est confrontée. Il a recommandé sa Province aux prières des participants. La prière finale et la bénédiction du Père Provincial ont conclu la journée du mercredi 06 mars 2019.

JEUDI 08 MARS 2019

 La journée du Jeudi a été consacrée à la visite. Nous avons visité les Archives nationales du Kenya et la Basilique de Marie Auxiliatrice qui abrite l’urne de Don Bosco. Une messe avait été dite pour les participants dans la Basilique. Après la messe, la visite de la maison Provinciale de l’AFE et un rafraîchissement partagé, ce fut le temps de retour à DBYES.

 gruppo nairobi

VENDREDI 09 MARS 2019

Débutée par une messe dite en portugais par le Père Laurenço Gonçalves, ce fut le petit déjeuner et la suite des activités de la matinée modérée par Don Kivungila Germain.

La première intervention de 9h00 est celle de Don Cesare Bullo, Sdb : Bisho Sebhat – Leab Worku 1919-1991. Du fait de son empêchement, c’est le confrère Mwenda Dietrich qui nous a exposé cette contribution. Don Stanisław Zimniak, Sdb a exposé sa contribution dont le titre est « Presentazione del sito ISS-ACSSA. Après la contribution de Don Stanisław, c’est Don Francesco Motto qui est intervenu sous le titre : « Conférence internationale ACSSA 2020 ». Dans son intervention, non seulement Don Francesco Motto a parlé de la conférence internationale qui aura lieu en 2020, mais bien plus des critères auxquels doivent tenir compte les contributions ayant la valeur historique scientifique.

Juste après l’intervention de Don Francesco, Don Stanisław Zimniak a pris la parole pour ses contributions : « Relazione sui tre seminari continentali realizzati – India, Europa, Asia East-Oceania » et « Procedura e requisti necessari per essere ammesso all’ACSSA ». L’essentiel de ses contributions a porté sur le fait que les participants doivent se familiariser du site www.sdb.org dans l’onglet de l’ISS qui contient en son sein l’ACSSA. De ce fait, dans la liberté de la recherche, le membre de l’ACSSA pourra s’imprégner de toutes les documentations et contributions relatives à l’histoire salésienne. Aux chercheurs de s’aventurer sans oublier de citer les sources a renchéri  Don Francesco Motto.

Après le repas de midi, les activités de l’après-midi ont repris à 15h00, sous la modération de la Sœur Maria Rohrer, avec l’intervention du Frère Reginald Cruz sur le thème : « Redazione di una biografia ». Il  y a plusieurs façons d’écrire la biographie. Quelles que soient les différences dans la façon d’écrire, il est souhaitable que la narration tienne compte de la vérité, de la réalité et se méfie ou s’abstienne de toute exagération ou la fiction. Tout en tenant compte de la dimension éducative dans la narration, la biographie doit puiser dans les sources crédibles, les archives et non dans l’imagination. De ce fait, elle doit être fouillée et contenir les notes de bas de page, les citations.

Après l’exposé et l’échange entre conférencier et membres de l’ACSSA, ce fut la petite pause-café avant l’évaluation du séminaire en groupes, selon les langues : italien ; français et anglais.

Tout en soulignant les aspects positifs comme le fait que le contenu du Séminaire ont répondu aux attentes des participants qui en majeur partie ont appris plusieurs choses quant à la conservation des archives (archivage, digitalisation), à la dimension critique de l’histoire que doit comporter les différentes biographies sans oublier les normes scientifiques de rédaction. Dans les limites, le nom respect du temps assigné aux interventions. Il serait souhaitable d’envisager la traduction simultanée pour permettre aux participants de bénéficier au maximum du contenu des interventions. Améliorer la question de la logistique quant au cadre qui nous accueille (coupures intempestives, quelques soucis de sonorisation) ; pour ce qui est de la liturgie, il serait souhaitable, malgré la diversité des langues, qu’on s’en tienne au cours d’une célébration d’une seule langue. La difficulté soulignée par Don Francesco Motto, c’est que certaines Provinces n’ont répondu favorablement.

nairobi 7

Au terme des évaluations, Don Francesco a conclu le Séminaire en donnant quelques recommandations écrites aux participants du 2ème Séminaire intercontinentale de l’ACSSA-Afrique et Madagascar (cf. le papier de la Conférence internationale ACSSA 2020 de Don Francesco Motto à la page n°2 donné aux participants de l’ACSSA-Afrique et Madagascar du 04 au 09 mars 2019).

La remise de brevet aux participants par le Président de l’ACSSA, Don Francesco Motto en compagnie de Don Stanisław Zimniak, de la Sœur Maria Rohrer, du Père Germain Kivungila a mis fin au deuxième séminaire de l’ACSSA-Afrique et Madagascar.

Pour conclure la journée, la prière des vêpres et la soirée récréative ont mis fin à la journée avant que chacun ne dise : « Maintenant, ô Maître souverain, tu peux laisser ton serviteur s’en aller en paix, selon ta parole » (Luc 2, 29).

Antoine Père KABENGELE, Sdb – ACC.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Intervista con il capo redattore del Dizionario Biografico Salesiano spagnolo

Spagna – Dizionario Biografico Salesiano: “La biografia dei Salesiani ci mostra dove risieda l’efficacia del nostro carisma”

 

graciliano

 

(ANS – Madrid) – È appena uscito il Dizionario Biografico Salesiano di Spagna, un volume curato dalla “Editorial Salesiana di Madrid” (CCS). Ne abbiamo parlato con il Presidente dell’Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA) della Spagna e principale curatore dell’opera, don Jesús-Graciliano González, che ci ha spiegato le ragioni e l’importanza di questa pubblicazione.

Da dove è venuta l’idea di questo libro?

Esso risponde semplicemente a un desiderio espresso dallo stesso Don Bosco: “[Una cosa che si deve fare] è la biografia di quei fratelli che sono già stati chiamati dal Signore all’eternità. Pochi ricordi saranno sufficienti per alcuni, ma per altri sarà necessario trattarli ex profeso…”. Quindi, abbiamo solo esaudito il desiderio di Don Bosco.

Ci dia alcune informazioni: l’arco temporale, il contenuto delle biografie, le fotografie…

L’arco cronologico si estende dal 1892, anno in cui morì il primo salesiano in Spagna, fino al 30 giugno 2018, giorno in cui il testo definitivo del dizionario è stato consegnato alla casa editrice CCS di Madrid. Le biografie dei defunti includono l’essenza della loro biografia.

Quali sono state le maggiori difficoltà incontrate?

Fondamentalmente, la mancanza di notizie per molti dei salesiani deceduti. Da un lato, per centinaia di loro non è stata fatta la lettera mortuaria; dall’altro, molti archivi sono scomparsi, sia durante la guerra civile spagnola, sia per la chiusura di alcune case, sia per la negligenza e l’abbandono in cui si trovano non pochi archivi delle case.

Cosa rappresenta quest’opera per i Salesiani?

La biografia dei salesiani ci mostra dove risieda la vera efficacia del nostro carisma. Se si leggono attentamente i profili di coloro che ci hanno preceduto, si percepisce che dietro la loro vicenda storica c’è una vita, uno spirito che anima e ispira la loro creatività, e un carisma che dà orientamento e significato. Alla loro base non c’è solo la memoria, ma la vita, che va oltre la memoria. I frammenti di vita che si trovano in questo dizionario non sono solo la storia di un gruppo di salesiani che hanno offerto il meglio della loro vita nel loro tempo e a modo loro, ma molto di più: perché al di là di ciò che hanno fatto – che non cessa di essere sorprendente – ci sono esempi ammirevoli di virtù e di autenticità evangelica, che li rendono modelli di salesianità.

Quando ci avviciniamo ai protagonisti della nostra storia, non possiamo non ammirare la loro audacia apostolica, la loro generosa dedizione e il loro lavoro disinteressato a favore dei giovani del loro tempo. E la loro storia genera un impegno. La vita di questi salesiani risveglia in noi una nuova chiamata a cercare di scoprire delle vie per l’evangelizzazione dei giovani attraverso la presenza salesiana nelle nuove sfide che ci vengono presentate.

Essi hanno fatto la storia del passato, noi dobbiamo fare la storia del futuro.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

“Relevant Salesian Figures of the 20th Century in East Asia”

47090879441_8bacbaff86_z

4th ACSSA EAO CONFERENCE ON SALESIAN HISTORY
SAMPRAN, THAILAND | 10-15 FEBRUARY 2019

Dates:    10 to 15 February 2019
Host:      Daughters of Mary Help of Christians (Salesian Sisters)
St. Mary Mazzarello Province, Thailand
Venue:   Ban Than Phraphon, Sampran

Day 1     Sunday, 10 February 2019 (Saint Scholastica)
Opening

16.00      Greetings:
Fr. Angel Artime Fernandez SDB – Rector Major
Sr. Yvonne Reungoat FMA – Mother General
Fr. Dheparat Pittisant SDB – Provincial Thailand
Sr. Nipha Agnese Rangabpit FMA – Provincial Thailand
Sr. Wirinthip Rosa Inyaem FMA – Councilor: Social Communications / In-Charge: Ban Than Phraphon Retreat House
Fr. Francesco Motto SDB – President ACSSA
17.30      Vespers (Fr. Haedong Lee SDB) / Holy Eucharist (Fr. Klement Vaclav SDB – EAO Regional Councillor)
Introduction before the Mass: FMA Thailand – Historical Symbols (participating nations)
18:30     Dinner
20:00     Brief Introduction by Participant Groups / Goodnight Talk            (Sr. Anna Grassi FMA)

Day 2     Monday, 11 February 2019 (Memorial of Our Lady of Lourdes)

06.30      Lauds (Sr. Jacinta Gusmao FMA) / Holy Eucharist (Fr. Aaron Alcoseba SDB – Vice-Provincial, Thailand)
07.30     Breakfast

Session 1 (Moderator – Sr. Anna Tran Thi Sang FMA)

09.00      *[Fr. Thomas Anchukandam SDB]: “Situating the Salesian Missionary Activities in the Historical Context of the EAO Region”
09.40      Fr. Lanfranco Fedrigotti SDB: “Ignazio Canazei: From Tyrolean-Naz to Missionary Bishop (1883-19[46])”
10:20     Break
10.40      Sr. Sompong Thabping SIHM: “The Life and Mission of Bishop Gaetano Pasotti SDB”
11.20      Sr. Marisa Gambato FMA: “La Figura di Sr. Carmela Solari FMA nel Contesto Socio-Religioso del Giappone (1930-1957)”
12.00     Lunch / Rest

Session 2 (Moderator – Sr. Maria Hoan Ngoc Yen FMA)

14.20      Fr. Joachim Ye Maung SDB: “Fr. Fortunato Giacomin SDB – Everything to Us”
15.00      Sr. Maria Immacolata Taniguchi Nobuko SCG / Sr. Ma. Letizia Ono SCG: “Don Antonio Cavoli e la Fondazione delle Suore della Carità”
15.40     Break
16.00      Fr. Manuel Fraile SDB “Fr. Alfonso Nacher SDB”
16:40      Sr. Monica Kim FMA: “Sr. Mirta Mondin FMA (1922-1977)“
17:20     Open Forum
18.00     Vespers (Fr. Peter Tukan SDB)
18.30     Dinner
19.30      Holy Rosary (Rheena May Lim and Maria Junifer Maliglig ADMA)
20.00      Compline / Good Night Talk (Sr. Ma. Letizia Ono SCG)

Day 3     Tuesday, 12 February 2019

06.30      Lauds (Sr. Panarat Phengpinit SIHM) / Holy Eucharist (Fr. Francesco Motto SDB)
07.30     Breakfast
Session 3 (Moderator – Fr. Ilidio Correia SDB)
09.00      Professor Puttipong Puttansri: “A History of the Church in Thailand”
09:40     Sr. Anna Maria Grassi FMA
– “Sr. Anna Payong Lattanan – FMA Educator ‘Thai Style’”
– “Sr. Rose Moore – FMA Pioneer of the Blind”
10:20     Break
10.40      Dr. Wiriya Namsiripongpun: “Yimsoo – Smile to Fight for Empowerment and Barrier Free”
11:20     Fr. Joseph Banchong Santisukniran SDB: “The Servant of God Fr. Carlo Della Torre SDB: Salesian Missionary and Founder (1900-1982)”
12.00     Lunch / Rest
Session 4 (Moderator – Fr. Dominic Pham Xuan Uyen SDB)

14.20      Fr. Haedong Lee SDB: “Fr. Archimede Martelli SDB”
15.00      Fr. Stanislaw Zimniak SDB: “Fr. Mario Marega SDB”
15.40     Break
16.00      Fr. Nestor Impelido SDB: “Fr. Jose Luis Carreno SDB”
16.40      *Sr. Elena Miravalle FMA: “Sr. Itala Romano FMA & Sr. Ligia Borges FMA: che il mondo conosca le loro opere”
17.20     Open Forum
17.45      Sr. Nitaya Yawasang FMA / Ms. Wantami: An Overview of the Visit of Thai Salesian Historical Sites
18.00     Vespers (Sr. Meena Phengphornphra SIHM)
18.30     Dinner
20.00      Compline / Good Night Talk (Sr. Maliwan Paramathawirote SIHM)
Day 4     Wednesday, 13 February 2019

06.00      Lauds (Sr. Florita Dimayuga FMA)
06.20     Breakfast

Visit of Historical Salesian Sites

                (Facilitator: Sr. Maria Yawasang FMA)
06.45      Departure for Ban-Nok-Khuek
08:30     Holy Eucharist (Cathedral Nativity of the Virgin Mary – Fr. Dheparat Pittisant SDB)
09:30     Break
09.45      Visit to the first SDB, FMA and SIHM Places – Brief visit to the cemetery of Bishop Pasotti
11:00     Visit to the Cathedral of San Giovanni Bosco (Ratchaburi) / Mary Help of Christians Church (Tawa)
12.00     Lunch at Narivithaya School (Ratchaburi)
13:30     Departure for Banpong
14.30      Visit to St. Joseph Parish, Sarasit (first Salesian school), Narivooth (SDB aspirantate) and Hua-pong, Banpong (SDB professional school), Cemetery
16.30      Departure for Sampran
18.00     Vespers (Deacon Joseph Trinh Quoc Khanh SDB)
18.30     Dinner
20.00      Compline / Good Night Talk (Sr. Anna Mayuree DQM)
Day 5     Thursday, 14 February 2019 (Saints Cyril and Methodius)

06.30      Lauds (Sr. Maria Morishita Ayumi FMA) / Holy Eucharist      (Fr. Lanfranco Fedrigotti SDB)
07.30     Breakfast
Session 5 (Moderator – Agnes Paulino)
09.00      Fr. Francesco Motto SDB: “Different Literary Genres – Critical Approach to Salesian Sources”
09:40     Sr. Grazia Loparco FMA: “Figure Salesiane: Introduzione alla Ricerca Storica”
10:20     Break
10.40      *Fr. Thomas Anchukandam SDB: “Preserving and Passing on the ‘Memory’ in the Salesian Tradition”
11.20      Open Forum
12.00     Lunch / Rest

Session 6 (Moderator – Fr. Joachim Ye Maung SDB)
14.20      Fr. Stanislaw Zimniak SDB: “ACSSA al Servizio della Ricerca Storica sulla Realtà Salesiana nel Mondo”
15:00     Fr. Klement Vaclav: On the Conservation of Documents for the EAO’s History
15.30     Open Forum
16.00      Break
16.20     Free Time
18.00     Vespers (Sr. Malai Petronilla Visitsin FMA)
18.30     Dinner
19.30     Academia Salesiana
FMA Presentations (Narivooth School / Rehabilitation Center for the Blind)
Salesian Family (Presentations / Sharing of Gifts)
20.30      Compline / Good Night Talk (Fr. Donato Ofina SDB)
Day 6     Friday, 15 February 2019

06.30      Lauds (Agnes Paulino) / Holy Eucharist (Fr. Nestor Impelido SDB)
07.30     Breakfast
Conclusion
08.30      Fr. Francesco Motto SDB: On the ACSSA and the ACSSA Conference (2021)
09.00      Fr. Stanislaw Zimniak SDB: On the ISS and ACSSA Publications on Salesian History
09.30      Sr. Grazia Loparco FMA: On the ACSSA Seminar (Europe 2018)
10.00     Break
10:30     Evaluation (Sr. Grazia Loparco FMA / Fr. Nestor Impelido SDB)
12.00     Lunch / Departure

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Joseph Thekkedath (1928-2019)

 thekkedath

Eminent Salesian historian, Fr. Joseph Thekkedath SDB, passed away on Tuesday, 15th January 2019 at the age of 91. Following a fall he had sustained a few days earlier he was confined to his room and the end came quite unexpectedly yet serenely at 21.15 hrs. The funeral services were conducted at Kristu Jyoti College, the Salesian studentate of theology, Bangalore, at 14.00 hrs. on Thursday, 17th January and his mortal remains laid to rest in the cemetery adjacent to the College Chapel.

Fr. Joseph Thekkedath, a former President of the Church History Association of India (CHAI) and indisputably the pre-eminent Church historian in the country was also a member of the Associazione Cultori Storia Salesiana (ACSSA). His contribution to the history of the Church in India is History of Christianity in India, Vol.II – From the Middle of the Sixteenth Century to the End of the Seventeenth Century (Theological Publications of India, Bangalore 1982). His monumental two-volume work, A History of the Salesians of Don Bosco in India from the Beginning up to 1951-52 (Kristu Jyoti Publications, Bangalore 2005) is arguably the only scientifically pursued historical writitng of any region/country in the entire Congregation.

Besides being a scholar of great merit Fr. Thekkedath served also as the Rector of Sacred Heart Seminary, Poonamallee, Chennai (1970-’74) founded in 1936 by Archbishop Louis Mathias sdb;  Rector of Kristu Jyoti College, Bangalore (1981-’85) and Provincial of the Sacred Heart Province of Bangalore (1985-1991). After his term as Provincial, Fr. Thekkedath returned to Kristu Jyoti College as Professor of Church History and Patrology and remained on there till his death.

The Istituto Storico Salesiano (ISS) and the Associazione Cultori Storia Salesiana (ACSSA) deeply mourn his death and pray for the eternal repose of his soul.

Fr. Thomas Anchukandam sdb

Direttore – ISS

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano – 20 novembre 2018

riunione iss

Martedì 20 novembre 2018 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta l’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), a cui ha partecipato il Rettor Maggiore, don Ángel Fernández Artime. I membri presenti sono stati: don Thomas Anchukandam, don Francesco Casella, don Miguel Canino, don Aldo Giraudo, don Francesco Motto, don José Manuel Prellezo, don Giorgio Rossi e don Stanisław Zimniak. Era assente: signor Iván Ariel Fresia.

Dopo la preghiera il Direttore dell’ISS, don Thomas Anchukandam, ha salutato tutti i presenti, rivolgendosi con una parola di riconoscenza per la molto gradita presenza del Rettor Maggiore, don Ángel Fernández Artime. Il Rettor Maggiore ha risposto all’appello dei Membri dell’ISS al fine di parlare della situazione attuale dell’ISS e delle prospettive per il suo futuro. Un incontro d’importanza perché ha permesso di scambiare i pareri dopo il trasferimento dell’ISS nel campo universitario dell’UPS (nell’autunno 2017) e dopo la decisione, presa dal Rettor Maggiore, con il suo Consiglio generale, di inserirvi l’ISS in modo stabile, pur rimanendo alla sua dipendenza (veda la lettera del suo Vicario, don Francesco Cereda, del 16 febbraio 2018). Quindi è stata conclusa una epoca e incominciata una nuova fase d’attività in ambiente che pone non solo nuove sfide per l’ISS, ma crea anche le nuove opportunità.

Alla presenza del Rettor Maggiore, compreso dei suoi opportuni interventi di chiarimento o di precisazione, i Membri dell’ISS hanno trattato i seguenti temi: la relazione del Direttore, don Anchukandam, sull’attuale situazione della biblioteca dell’ISS, la cui sistemazione definitiva richiederà ancora tempo. Il segretario in termini sintetici ha riferito sulla riunione del Consiglio Direttivo, seguito da quello della Redazione delle “Ricerche Storiche Salesiane”, svoltosi il 19 ottobre 2018. Il Direttore ha raccontato sulla recente nomina del signor Iván Ariel Fresia, salesiano argentino, come Membro Associato. Ora permane la questione di concordare con lui le modalità di cooperazione con l’ISS, cioè circoscrivere i campi di indagine storica. Ha analizzato la situazione del personale, evidenziato che sulla lista siamo addirittura nove, ma in verità sono quattro che si impegnano per portare avanti la ricerca e da sottolineare che tre di questi sono coinvolti nell’intensa attività dell’ACSSA; il Rettor Maggiore ha assicurato di interessarsene e ha proposto di una soluzione di aggregare all’ISS i docenti di storia, attivi in vari centri salesiani, però non a tempo pieno, ma concordando il piano della ricerca con il Consiglio Direttivo dell’ISS. Si è concordi che si dovrà rinforzare il numero stabile dei membri.

Al centro dell’attenzione dei membri, dal punto di vista strategico, rimane l’impegno per la pubblicazione della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” che costituisce una “finestra” insostituibile dell’ISS verso il mondo salesiano e quello ad esso esterno. Tuttavia questo non è sufficiente per una istanza culturale a carattere internazionale che dovrebbe portare avanti altri progetti di ricerca a raggio mondiale.

È stata chiarita la responsabilità per l’organizzazione di due congressi mondiali: 1. su don Paolo Albera da realizzare alla fine dell’anno 2021; 2. su san Francesco di Sales da compiere entro l’anno 2022. Il primo è di competenza dell’ISS e il secondo dell’Istituto di Spiritualità della Facoltà di Teologia. Si è esaminato lo stato di preparazione della serata di studio sul tema: “Oratorio salesiano” la cui data è stata fissata al 13 dicembre 2018. Si tratta di una serata di studio organizzata dall’ISS in collaborazione con il Centro Studi di Don Bosco e l’Istituto di Teoria e Storia dell’Educazione dell’Università Pontificia Salesiana per presentare due volumi inerenti a don Pietro Braido. L’organizzazione è affidata a: don Michail Vojtaš, don Carlo Nanni e don Francesco Motto. Successivamente è stata presentata la bozza del bilancio preventivo per l’anno 2019. Poi la relazione sulle pubblicazioni in corso: 1. Il secondo volume delle FONTI SALESIANE (curatori: don Th. Anchukandam, don A. Giraudo e don J. Prellezo). 2. L’ottavo volume dell’Epistolario di don Bosco curato da don F.  Motto. 2. Il volume della corrispondenza dei belgi con don Bosco a cura di Wim Provoost. È stata revisionata la programmazione di ricerche per gli anni 2016-2020. Brevemente si è parlato delle riviste in abbonamento o di scambio che assicurano l’aggiornamento in vari campi della ricerca storica. Si è ritornato sulla questione della visibilità sito ISS-ACSSA all’interno del sito ufficiale della Congregazione: www.sdb.org. Don Aldo Giraudo, membro del Comitato, ha riferito sullo stato di elaborazione delle norme editoriali per l’edizione critica delle fonti salesiane. Il segretario ha rinnovato l’appello a pensare ai nuovi studiosi da mettere sulla lista di recensori/revisori.

Il caporedattore ha informato che il materiale per il secondo numero della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” è stato presentato al Consiglio di Redazione, il 19 ottobre 2018. Dopodiché è stato consegnato alla stampa. È composto da tre contributi nella sezione studi, seguito da testo dell’edizione critica nella sezione fonti; è mancato il contributo per quella dei profili. Nella sezione delle note ci sono due contributi; a ciò si aggiungono sei recensioni e una segnalazione. Ha riferito sul materiale che gli è stato consegnato dai membri e dai altri (sempre tramite dei membri ISS) per i due numeri dell’anno 2019. Per il primo numero il materiale sembra sufficiente, invece per il secondo sono le sezioni ancora scarsamente coperte. È stata presentata la risposta dei Membri ISS alla scheda: 2019-2020, la quale è stata spedita a tutti i membri ISS. Purtroppo nemmeno un terzo ha fornito una risposta. I presenti hanno approvato che i due numeri della rivista: l’anno 2021 – sarà riservata agli studi sulla figura di don Paolo Albera. Il caporedattore ha ringraziato coloro che hanno collaborato, specie poi sollevato l’importanza dei recensori che hanno aiutato in modo efficace di evitare a far passare i contributi di discutibile consistenza scientifica. È stato rinnovato l’appello di rendersi disponibili per le recensioni di studi che sono arrivati in sede dell’ISS. Un lavoro molto prezioso. Naturalmente è stato chiesto di fornire le informazioni circa le nuove pubblicazioni inerenti la storia salesiana al fine di inserirli nel repertorio bibliografico.

I lavori dell’Assemblea sono stati non solo assistiti, ma anche condivisi dal Rettor Maggiore. La sua attiva presenza è una espressione luminosa che conferma l’interesse della nostra Congregazione per la coltivazione della memoria storica: è un atteggiamento che si pone in piena sintonia con l’attenzione per la cura della memoria storica del nostro Fondatore, don Bosco.

A cura di don Stanisław Zimniak – segretario di coordinamento ISS

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

L’Oratorio Salesiano: storia, testimonianze, prospettive


Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

“FIGURE SALESIANE RILEVANTI TRA IL XIX E XX SECOLO”. Seminario Europeo. Bratislava – Slovacchia, dal 31 ottobre al 4 novembre 2018

bratislava 3
 Vojnary: il paese nativo del beato Titus Zeman, SDB.  Il gruppo dei Cultori di Storia Salesiana intorno alla sua statua, collocata di fronte alla chiesa in cui fu battezzato

 

Si è concluso Il 4 novembre scorso, presso il “Centrum Salvator” di Bratislava si è concluso il Seminario europeo dell’Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA), organizzato con la collaborazione dell’Istituto Storico Salesiano (ISS). Sono state presentate le “Figure salesiane rilevanti fra il XIX e XX secolo in Europa” – vale a dire quei Salesiani (SDB) e quelle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) che, pur diversi per formazione, cultura, abitudini e contesti di azione, in un tratto breve o lungo della loro vita, hanno rappresentato e vissuto, in modo significativo, originale, o comunque particolare, l’unica missione salesiana.

I lavori si sono aperti il pomeriggio del 31 ottobre con la lettura dei messaggi del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, della Superiora Generale FMA, Madre Yvonne Reungoat, e i saluti degli Ispettori SDB-FMA della Slovacchia, don Jozef Ižold e suor Monika Skalová e della Responsabile Maggiore delle Volontarie di Don Bosco (VDB), Oľga Krížová.

Con la prima conferenza della prof.ssa Emilia Hrabovec sul “Contesto storico-ecclesiale della Slovacchia dal primo dopoguerra al 1990” e la presentazione dei gruppi della Famiglia Salesiana presenti in Slovacchia, i 50 partecipanti al seminario sono stati introdotti a conoscere in modo efficace il territorio sede del seminario, soprattutto grazie a testimoni della consacrazione religiosa vissuta in clandestinità. L’avvio vero e proprio dei lavori si è poi avuto con la relazione introduttiva del Presidente ACSSA, don Francesco Motto, che ha illustrato gli obiettivi del seminario, la metodologia che si sarebbe seguita e i criteri dati per la scelta dei personaggi (fra cui l’esclusione delle figure dei santi, beati, venerabili e servi di Dio, che godono già di una certa letteratura e quelle dei Rettori Maggiori e delle Madri Generali e loro Consiglieri, già oggetto di studi precedenti).

Le 34 relazioni esposte nei giorni seguenti – da parte di 17 Salesiani, 12 Figlie di Maria Ausiliatrice, 2 membri di altri gruppi della Famiglia Salesiana e 3 laici – presentate secondo la direzione geografica Est-Ovest, e hanno permesso di evidenziare come la missione salesiana lungo la sua storia si sia manifestata in modo “originale”, “tipico”, “peculiare” nella vita di determinati religiosi e religiose. Tutti costoro, in risposta ai vari contesti politici ed educativi, hanno saputo dare il meglio di se stessi nei diversi ruoli ricoperti in Congregazione: come Ispettori, Direttori, animatori di oratorio, animatori vocazionali, scrittori di teatro, di musica, artisti, editori, insegnanti, assistenti, missionari, vescovi…

Geograficamente, i personaggi rappresentati appartenevano a diverse nazionalità: 16 all’Italia, 5 alla Polonia, 4 alla Spagna, 2 alla Slovacchia, 1 alla Germania, 1 Austria-Germania, 2 a Gran Bretagna/Sud Africa e 1 rispettivamente a Slovenia, Belgio/Congo Belga, e Portogallo.

Se “nel passato c’è il seme del presente, che tutti conosciamo, ma anche del futuro che invece dobbiamo consapevolmente costruire con fedeltà e creatività” – come ha scritto il Rettor Maggiore nel suo saluto augurale al Seminario – è evidente che il profilo di alcuni personaggi “rilevanti” del passato illustrati nel corso del Seminario possa tornare utile, per ispirare il “profilo del salesiano per i giovani di oggi”, come chiede il prossimo Capitolo Generale 28.

Trattandosi di un Seminario di indole metodologica, ogni relatore ha potuto rendersi conto, personalmente e nel dialogo, delle diverse modalità per individuare le fonti di studio in vari archivi, interrogarle con intelligenza, analizzarle in profondità e di interpretarle senza anacronismo e alterazioni deformanti. Affinato così nel confronto il metodo di lavoro, ognuno potrà migliorare l’esito della propria ricerca, in vista del Convegno Internazionale, già fissato per il novembre 2020.

Nella giornata “libera” di metà seminario, i partecipanti hanno potuto visitare Šaštin, Devin e Vajnory (paese nativo del Beato Titus Zeman), luoghi significativi della storia e spiritualità slovacca e della vita salesiana nei tempi difficili del XX secolo; e, di nuovo a Bratislava, l’Archivio Nazionale della Memoria, la cui visita è stata completata dalla presentazione del DVD sulle testimonianze delle religiose in campo di concentramento. Queste esperienze hanno contribuito a raggiungere la stessa finalità del seminario: mettere le persone a diretto contatto con luoghi, situazioni, documenti, eventi del passato: tutti elementi che costituiscono “fonti” di ogni seria ricerca storica.

Al termine dei quattro giorni, è stata espressa da parte di tutti soddisfazione per il lavoro svolto, per le prospettive di immediato futuro (2020), per il clima di collaborazione che si è avuto, e per l’accoglienza e il costante accompagnamento da parte delle FMA e dei SDB di Bratislava. Per maggiori informazioni – e per i testi delle relazioni – è disponibile il sito di ACSSA Europa: https://acssaeuropa.wixsite.com/acssaeuropa2018

Bratislava 1

Divín – I convegnisti davanti al monumento collocato presso la confluenza del fiume Morava con il Danubio.
È stato eretto per ricordare le numerose vittime del regime comunista,
fucilate mentre stavano attraversando il fiume verso l’Europa dell’ovest.
bratislava 2
Cultori di Storia Salesiana nell’aula durante la presentazione delle ricerche.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Seminario europeo: Figure salesiane rilevanti tra XIX e XX secolo. Centrum Salvator Bratislava, 31 ottobre – 4 novembre 2018


0001

 


0002

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

La seduta del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano e del Consiglio di Redazione della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” 19 ottobre 2018 –

Venerdì scorso 19 ottobre 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta la riunione del Consiglio Direttivo dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), a cui hanno preso parte don Thomas Anchukandam, don Francesco Casella, don Aldo Giraudo e don Stanisław Zimniak. Subito dopo questa si è svolto l’incontro del Consiglio di Redazione della rivista “Ricerche Storiche Salesiane”; oltre ai membri del Consiglio Direttivo, vi ha partecipato anche don Francesco Motto.

Nel corso della seduta del Consiglio Direttivo sono stati trattati i seguenti temi: la relazione del Direttore, don Anchukandam sull’attuale situazione dell’ISS all’UPS; l’informazione sulla nomina del signor Iván Ariel Fresia come Membro Associato e su suoi possibili ambiti di ricerca; la reale situazione del personale che sulla lista risulta piuttosto numeroso. In verità, anche se per motivi giustificati, meno di metà sta contribuendo sia alla rivista sia alle varie collane dell’ISS. È stata presa in considerazione l’organizzazione di due congressi mondiali: 1. su don Paolo Albera da realizzare alla fine dell’anno 2021; 2. su san Francesco di Sales da compiere entro l’anno 2022. Si è analizzato lo stato di preparazione della serata di studio sul tema: “Oratorio salesiano” la cui data è stata fissata al 13 dicembre 2018; si tratta di una serata di studio organizzata dall’ISS in collaborazione con la Facoltà delle Scienze di Educazione, per presentare due volumi inerenti a don Pietro Braido. L’organizzazione è affidata a: don Michail Vojtaš, don Carlo Nanni e don Francesco Motto. È stata presentata la bozza del bilancio preventivo per l’anno 2019. Poi la relazione sulle pubblicazioni in corso: 1. L’ottavo volume dell’Epistolario di don Bosco curato da don F.  Motto. 2. Il volume della corrispondenza dei belgi con don Bosco a cura di Wim Provoost; è stata revisionata la programmazione per gli anni 2016-2020; si è trattato della revisione dello Statuto dell’ISS che, però, per il momento il Consiglio Direttivo ha giudicato inopportuna; è stata fornita l’informazione circa il funzionamento del Sito ISS-ACSSA, il quale funziona bene e viene di continuo aggiornato; tuttavia rimane da migliorare la sua complicata visibilità all’interno del sito ufficiale della Congregazione: www.sdb.org. È stato presentato da don Aldo Giraudo, membro del Comitato, lo stato di revisione delle norme editoriali per l’edizione critica delle fonti salesiane; è stato chiesto di pensare ai nuovi studiosi da mettere sulla lista di recensori/revisori; infine si è pensato agli argomenti che si vorrebbe esporre nel corso dell’incontro con il Rettor Maggiore, il 20 novembre 2018 e le questioni da presentare all’Assemblea dell’ISS; dopo aver fissato la data del prossimo incontro del Consiglio Direttivo, si è passato al raduno del Consiglio di Redazione della rivista RSS.

Incontro del Consiglio di Redazione delle RSS

Ai presenti è stato presentato il materiale del secondo volume della rivista “Ricerche Storiche Salesiane” (RSS) di quest’anno; nella sezione STUDI usciranno tre contributi; in quella FONTI una edizione critica; non ci sarà alcun contributo per quella dei PROFILI; invece per quella delle NOTE ci sono due contributi; nella sezione RECENSIONE ci sono sei recensioni, tra cui anche quelle realizzate da studiosi non salesiani; e nella sezione SEGNALAZIONE si trova un testo. Il caporedattore, don Zimniak, ha ringraziato per la collaborazione, specie ha ringraziato per la disponibilità di alcuni membri ISS a compiere un lavoro d’importanza: quello di recensire sia i testi da pubblicare sulla rivista RSS, sia dei libri. È stato poi presentato il materiale per il primo e secondo volume delle RSS dell’anno 2019; è stata presentata la risposta dei Membri ISS alla scheda: 2019-2020; si è riconfermato che la rivista – RSS dell’anno 2021 – sarà riservata agli studi sulla figura di don Paolo Albera; infine sono state presentate alcune nuove pubblicazioni  che meritano di essere recensite, o segnalate sulla nostra rivista.

                                                                                                                                                                                                 A cura di don Stanisław Zimniak – segretario di coordinamento ISS

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]