Polonia 2

ASSEMBLEA ACSSA POLONIA: 23 NOVEMBRE 2019

Il 23 novembre 2019, nella sede dell’Ispettoria San Stanislao Kostka a Varsavia, si è svolto l’incontro dei membri della Sezione...

acssa italia

ASSEMBLEA ACSSA ITALIA – 16 NOVEMBRE 2019

Sabato 16 novembre 2019 si è tenuta per l’intera giornata, presso l’Istituto Maria Ausiliatrice di Via Marghera in Roma, l’assemblea...

BRASILIA

ENCONTRO ANUAL ACSSA BRASIL – Brasília, 10 e 11 de setembro de 2019

  Nos dias 10 e 11 de setembro 2019, alguns membros da ACSSA Brasil e Secretários Inspetoriais – SDB FMA,...

ispettori

Incontro tra Ispettori, ISS e ACSSA

Giovedì, 20 giugno 2019 – L’incontro dei nuovi Ispettori con il Direttore dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), don Thomas Anchukandam, e...

16 giugno 2019 - Baumkirchen - 1-1-1

NOMINA A MEMBRO ONORARIO DELL’ASSOCIAZIONE CULTORI DI STORIA SALESIANA DELL’ARCIVESCOVO EMERITO DI SALISBURGO DR. ALOIS KOTHGASSER SDB

  Il 16 giugno 2019, a Baumkirchen (Austria), il segretario dell’Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA) don Stanisław Zimniak ha...

11 maggio 2019 - 1

Seduta della Presidenza Mondiale ACSSA – 11 maggio 2019

  Sabato 11 maggio 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta la riunione della Presidenza mondiale dell’ACSSA. Erano presenti:...

Assemblea - 30 marzo 2019 (002)

L’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano – 30 marzo 2019

Sabato 30 marzo 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta l’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano (ISS). Erano presenti: don Thomas...

provoost

Wim Provoost: Correspondence Belge de don Bosco (1879-1888)

Au XIXe siècle, de nombreux catholiques considéraient Don Bosco comme un saint vivant. En Belgique aussi, son choix radical pour...

gruppo nairobi

2ème SEMINAIRE CONTINENTAL ACSSA-AFRIQUE ET MADAGASCAR (Afrique et Madagascar du 4 au 9 mars 2019 Nairobi)

 SULLE ORME DEI NOSTRI PIONIERI NELLA MISSIONE SALESIANA Don Bosco Youth Educational Services (DBYES) Dagoretti Maarket Road P.O. Box 2...

47090879441_8bacbaff86_z

“Relevant Salesian Figures of the 20th Century in East Asia”

4th ACSSA EAO CONFERENCE ON SALESIAN HISTORY SAMPRAN, THAILAND | 10-15 FEBRUARY 2019 Dates:    10 to 15 February 2019...

Oratorio salesiano 1

L’Oratorio salesiano: un passato da condividere e un futuro da inventare

“L’oratorio salesiano: storia, testimonianze, prospettive” è il titolo del seminario di studio che si è tenuto giovedì 13 dicembre 2018...

riunione iss

Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano – 20 novembre 2018

Martedì 20 novembre 2018 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta l’Assemblea dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), a cui ha partecipato...

< >

Category: ACSSA

Slovenia – Apertura del nuovo Archivio ispettoriale

Slovenia 1slovenia 3

Ljubljana, Slovenia – gennaio 2020 – Il 31 gennaio, festa di San Giovanni Bosco, a Ljubljana Rakovnik, Casa Madre dell’Ispettoria salesiana della Slovenia (SLO), si sono radunati i salesiani per il loro ritiro spirituale. Nell’occasione sono stati aperti i nuovi spazi dell’archivio ispettoriale. Prima della benedizione don Marko Košnik, Ispettore SLO, ha detto: “Dopo anni di sforzi apriamo i nuovi, ampliati e moderni spazi per l’archivio e così vogliamo rendere onore al patrimonio salesiano e ai salesiani che hanno gettato le fondamenta della nostra Ispettoria attuale. Siamo orgogliosi della coscienziosità, perseveranza e conoscenza del prof. Bogdan Kolar, SDB, membro dell’ACSSA, il quale in quanto responsabile da anni veglia sull’archivio, prendendosene cura in maniera tale da essere divenuto un modello esemplare per gli altri ordini religiosi e istituti ecclesiali in Slovenia”. Don Kolar ha poi presentato le necessità e la sistemazione dell’Archivio ispettoriale, con brani storici nascosti nei documenti e interessanti materiali nelle scatole archivistiche. A cura dell’ANS, 5 febbraio 2020.

Slovenia 2

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Memoria dei luoghi e della storia: Giovedì 30 gennaio 2020

http://iss.sdb.org/wp-content/uploads/2020/01/Memoria-dei-luoghi-e-della-storia2.jpg"

20200130_163641 20200130_163803 20200130_163856 20200130_163906 20200130_173702 20200130_173720

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Don Juan BOTTASSO – missionario – docente universitario – membro dell’ACSSA è deceduto il 24 dicembre 2019

bottasso

Don Juan Bottasso, missionario salesiano in Amazzonia e nella Sierra dell’Ecuador, è morto martedì 24 dicembre scorso nella città di Quito. Aveva 83 anni.

Don Bottasso è stato un grande missionario salesiano, uno dei pionieri nella difesa delle popolazioni indigene dell’Ecuador. L’Ispettoria salesiana “Sacro Cuore di Gesù” ha annunciato la sua morte intorno alla mezzanotte del 24 dicembre, attraverso i suoi social network, affermando “che la sua Pasqua di Risurrezione possa essere annuncio di fecondità di nuovi grandi missionari per la Chiesa e la Famiglia Salesiana”.

Don Bottasso è nato a Peveragno (Piemonte), il 27 settembre 1936. Ha studiato dal 1947 nell’Istituto Salesiano di Valdocco, Casa madre dei Salesiani a Torino. Nel 1952 entra nel Noviziato di Monte Oliveto, a Pinerolo, per poi proseguire gli studi a Foglizzo, dove frequenta liceo e filosofia. Fa il tirocinio come insegnante a Chieri e a Cuneo, tra il 1957 e il 1959.

Chiede di partire missionario e si imbarca per l’Ecuador, quando ha meno di 25 anni. Studia teologia a Bogotá, ma il suo cuore è sempre con le missioni salesiane a Sucúa, dove viene inviato dopo l’ordinazione sacerdotale, nel 1963.

Trascorre sei decenni vivendo, conoscendo e difendendo gli indigeni Shuar, costruendo ponti tra la Chiesa e gli indigeni, e aprendo strade verso una nuova comprensione del significato della missione evangelizzatrice tra i popoli indigeni, anticipando una “Chiesa in uscita” con un “volto e un cuore indigeni”.

“Juan Bottasso è stato il mio grande ispiratore nel processo di rinnovamento missionario e nello studio delle culture”, ha commentato il missionario della Consolata Julio Caldeira, nuovo responsabile della comunicazione della Rete Ecclesiale Pan-Amazzonica (REPAM), che ha approfondito l’eredità culturale e apostolica di don Bottasso nello sviluppo del suo master in comunicazione. “Il suo lavoro con gli Shuar, ma soprattutto nella fondazione dell’Università Politecnica Salesiana (UPS) di Quito e nell’editrice Abya-Yala, mi ha aiutato molto a capire il nuovo modello missionario” continua Caldeira.

Come teologo e antropologo, padre Bottasso è stato un pioniere nella formazione del movimento indigeno in Amazzonia nel 1964, sostenendo “una presenza missionaria rispettosa delle culture e solidale con le rivendicazioni territoriali degli indigeni, la lingua e l’educazione interculturale”, come affermano coloro che conoscevano la sua abilità e preparazione intellettuale, nella direzione della casa editrice Mundo Shuar, da lui creata nel 1975, che in seguito avrebbe dato vita a quello che oggi sono l’Abya-Yala Cultural Center, la casa editrice Abya-Yala e il Museo Abya-Yala.

Indubbiamente, il suo dinamismo illuminato nel mondo editoriale e accademico, ha aperto strade in difesa delle culture originarie del Paese.

“Il suo insegnamento, la sua dedizione e il suo lavoro per i poveri, insieme all’immenso dono della persona che è stato rimangono con noi per sempre”, ha dichiarato con enorme cordoglio l’UPS di Quito, di cui don Botasso è stato vicerettore dal 1995 al 1999. (La notizia è stata presa dall’ANS).

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

ASSEMBLEA ACSSA POLONIA: 23 NOVEMBRE 2019

Polonia 2

Il 23 novembre 2019, nella sede dell’Ispettoria San Stanislao Kostka a Varsavia, si è svolto l’incontro dei membri della Sezione Polacca ACSSA. Erano presenti nove su quattordici membri; le assenze sono state causate, per la maggior parte dei casi, da importanti impegni sopravvenuti, o da situazione di salute.

Polonia 1

I presenti sono stati salutati dal nuovo superiore dell’Ispettoria San Stanislao Kostka di Varsavia, don Tadeusz Jarecki, il quale ha garantito il suo pieno appoggio alle iniziative e specialmente al grande progetto dell’Enciclopedia salesiana. Ha ringraziato i membri dell’ACSSA per l’organizzazione dei vari convegni dedicati alle opere, o figure salesiane e per le pubblicazioni sulle opere salesiane, nonché sui singoli salesiani. A suo parere ciò è un lavoro di notevole valore e, senza dubbio contribuisce alla conoscenza delle attività storiche della Congregazione non solo nei nostri ambienti, ma viene percepito e apprezzato anche in ambito ecclesiastico e civile.

Dopo il saluto si è svolto un atto insolito, cioè la consegna del Diploma di Membro Onorario dell’Associazione Cultori di Storia Salesiana; tale titolo è stato conferito al prof. don Jan Krawiec, emerito docente nello studentato di teologia a Cracovia. A tenere una succinta laudatio in suo onore, è stato il prof. don Stanisław Wilk, Presidente della sezione polacca dell’ACSSA. Invece il segretario generale don Stanisław Zimniak ha esposto il percorso di tale nomina e i motivi fondamentali e i motivi che l’hanno determinata. Già nel corso della riunione svoltasi l’11 maggio 2019 a Roma, la Presidenza Mondiale dell’ACSSA aveva preso la delibera di nominarlo Membro Onorario dell’ACSSA. In primo luogo ha evidenziato il suo valido compito di promotore di numerose tesi sulla storia salesiana in Polonia, e di autore di tante pubblicazioni scientifiche e divulgative a carattere storico; inoltre è stato un ricercato collaboratore in veste di esperto in varie cause di beatificazione e canonizzazione di soci della Società Salesiana. Dunque questo atto è stato un segno concreto di riconoscimento per tutto ciò che ha fatto in favore della promozione della cultura storica salesiana.

Di seguito il Presidente Wilk ha reso conto di ciò che è stato realizzato dopo la precedente riunione, svoltasi il 27 aprile a. c. Ha evidenziato alcune questioni che rendono un po’ faticosa la realizzazione dell’importante progetto dell’Enciclopedia salesiana.

Il segretario generale dell’ACSSA, don Stanisław Zimniak, ha ripercorso il lavoro di preparazione al 7° Congresso mondiale dell’ACSSA, cioè i cinque seminari continentali realizzati dalla Presidenza ACSSA nell’arco degli anni 2018-2019. Tutti i cinque seminari hanno trattato lo stesso argomento: Figure salesiane rilevanti fra il XIX e XX secolo. Ovviamente si è tenuto conto delle esigenze locali, cioè sono stati anche proposti temi piuttosto di taglio metodologico, oppure legati alla conservazione del patrimonio salesiano. Egli ha ribadito che tutti questi seminari sono stati trattati come una specie di “laboratorio” di preparazione al 7° Congresso mondiale ACSSA. Ciò vuol dire che ora dovranno essere presentati i lavori definitivi. Quindi ha invitato i relatori polacchi a rispondere alle indicazioni che sono state impartite nel corso del seminario europeo e riconfermate nella lettera del Presidente ACSSA, don F. Motto, del 24 giugno 2019. Inoltre ha detto che sarebbe conveniente un maggior numero di relazioni di autori polacchi. Ha fatto notare che i membri italiani hanno proposto 16 relazioni!

Egli ha detto che l’Associazione conta attualmente 208 membri (FMA, SDB, CDB e altri gruppi della Famiglia Salesiana), tra cui un buon numero è formato da storici professionisti, anche se prevalgono quelli definiti come cultori. Una cosa degna di nota è il fatto che sta crescendo il numero dei ricercatori e cultori laici. Si tratta di un lavoro che richiede tanto impegno e attenzione, per dare ulteriore rinvigorimento e assicurare l’aggiornamento nel campo delle scienze storiche a questo “movimento”, nato per iniziativa dell’ISS e approvato dal Rettore Maggiore dei Salesiani. Quindi la corresponsabilità viene condivisa con i membri dell’ISS. Infine il segretario generale ha reso conto delle ultime pubblicazioni dell’ISS e dei Membri ACSSA. Ha invitato i presenti a comunicargli le nuove pubblicazioni e a usufruire del sito ISS-ACSSA, che viene puntualmente aggiornato e costituisce uno strumento credibile di scambio e di comunicazione a livello mondiale.

Polonia 3

Al centro dei lavori, tuttavia, è stata la verifica dell’andamento dello studio per il progetto dell’Enciclopedia Salesiana. Il Presidente ha ricordato che alla base dei lavori stanno le voci proposte ed individuate da don Jarosław Wąsowicz. Tuttavia dovranno essere ancora revisionate e precisate alcune voci: sia quelle biografiche sia quelle riguardanti le opere salesiane e le strutture di governo e di animazione della Società Salesiana e dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. In una parola il lavoro dovrà rispecchiare una possibilmente precisa fisionomia salesiana per quello che riguarda la Polonia. Si tratta di una iniziativa che ha visto indispensabile il coinvolgimento di altri ricercatori e studiosi salesiani, che non fanno parte dell’ACSSA polacca. Il coinvolgimento dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, preso nell’anno passato, è stato valutato positivamente. Attualmente sono coinvolte solo due suore: Bernadete Lewek e Małgorzata Łukawska. Questa verifica di voci sarà ancora una volta sottoposta alla valutazione nella prossima programmata seduta della Sezione ACSSA in Polonia, cioè il 25 aprile 2020. Il Presidente ha detto che la dinamica dei lavori si differenzia da una all’altra Ispettoria. È soddisfatto del progresso che hanno compiuto le due Ispettorie del Nord della Polonia, quella di Piła e di Varsavia. Sta pure progredendo la raccolta, a dire di don Jacek Bielski, dei dati da parte dell’Ispettoria di San Giovanni Bosco di Wrocław. Permangono ancora le difficoltà con l’Ispettoria di San Giacinto di Cracovia che Don Wilk ha provato a rimuovere. Il suo contatto con don Józef Marszałek, purtroppo, non è servito, perché la sua raccolta di dati biografici si basa su principi quasi incompatibili con quelli fissati dalla redazione dell’Enciclopedia. Ha cercato di mettersi a contatto con don Waldemar Żurek, ma per il momento non ha fruttato niente di concreto.  Però, a sorpresa, è venuto in aiuto, appunto, don Jan Krawiec, il quale si è obbligato a realizzare alcune voci su singole opere salesiane riguardanti questa ispettoria.

È stato chiesto al Presidente di comunicare a tutti gli Ispettori e alle Ispettrici informazioni sui lavori che si stanno facendo, a che punto siamo e quali difficoltà si riscontrano in vista di giungere ad una conclusione di questo progetto.

Infine i Membri presenti hanno brevemente informato su ciò che attualmente stanno portando avanti. Alcuni di loro sono impegnati in pubblicazioni sui singoli salesiani, oppure sulle presenze salesiane. Quasi tutti, anche se in maniera diversa, sono coinvolti in organizzazioni di seminari o giornate di studio per festeggiare vari anniversari salesiani. I presenti sono stati informati che don Waldemar Żurek, sta portando avanti le edizioni critiche delle fonti salesiane. Invece don Jarosław Wąsowicz ha raccontato che, tra varie altre iniziative, sta per ultimare la ricerca sul salesiano Antoni Baraniak SDB (1904-1977), che fu prima segretario del Primate di Polonia August Hlond, poi arcivescovo di Poznań.  Di questo salesiano è stato avviato il processo per la canonizzazione. Si tratta di un personaggio di capitale importanza per la storia della Chiesa Cattolica e della società civile in Polonia durante il regime comunista.

La data del prossimo incontro è stata fissata al 25 aprile 2020. L’assemblea si è conclusa con i ringraziamenti per la squisita ospitalità e con la preghiera.

A cura di don Stanisław Zimniak

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

ACSSA ARGENTINA EN LA INAUGURACIÓN DEL ARCHIVO HISTORICO SALESIANO EN ARGENTINA SUR – 7 NOVEMBRE 2019

El día 7 se inauguró el Archivo Histórico Salesiano de Argentina Sur (ARS), sede ciudad de Buenos Aires. Un sueño esperado por muchos historiadores e historiadoras especializados en historia de la iglesia, historia de la patagonia y de las misiones salesianas en la Argentina. Gracias al aporte, el interes y la perspectiva de futuro, del Rector Mayor Ángel Fernández Artime hizo realidad el trabajo de remodelación de las instalaciones, la restauración de documentos y contratación de personal.

Varios socios de ACSSA-A (Asociación Cultores de Historia Salesiana. Argentina) estuve presente en este acontecimiento significativo. Entre los socios, estuvieron presentes el P. Alejandro Ángel León sdb, Coordinador General del Archivo. Leon, afirmó en sus palabras de presentación que “Es realmente un sueño esperado por muchos salesianos, el conservar la historia y nuestro pasado”.

Ademas estuvieron presentes el Dr. Ivan Ariel Fresia sdb y Dra. Maria Andrea Nicoletti quienes tuvieron a cargo las conferencias sobre el valor de los archivos para la historia, en general y para la historia salesiana en particular. La exposición de Fresia se tituló “Arqueología del archivo y genealogia de las practicas del historiador” y la de Nicoletti “El archivo y los archivos salesianos: preservar la memoria y resignificar sus historias en la Historia”. Además estuvo presente Dra. Ana Maria Fernandez fma, secretaria de ACSSA-A y Lic. Pamela Alarcon, directora de la sede Bahia Blanca del Archivo Historico.

El archivo inaugurado por el Rector Mayor Ángel Fernández Artime, Rector Mayor, que da impulso, hace realidad guarda la historia y abre los archivos salesianos a la consulta de especialistas. Tambien fue ocasión para presentar el primer libro de la colección “figuras” donde se publicaran textos de socios ACSSA-A. El primero de ellos “Ceferino Namuncurá. Representaciones de una figura historica” de María Andrea Nicoletti fue obsequiado al Rector Mayor.

Argentina1

Argentina2

Argentina3

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

[Top]

ENCONTRO ANUAL ACSSA BRASIL – Brasília, 10 e 11 de setembro de 2019

BRASILIA

 

Nos dias 10 e 11 de setembro 2019, alguns membros da ACSSA Brasil e Secretários Inspetoriais – SDB FMA, reuniram-se com o objetivo deverificar a eficácia do planejamento elaborado até 2020, em vista da continuidade das ações conjuntas para melhor qualificação da pesquisa e do cuidado do patrimônio histórico salesiano.

Deu-se início ao encontro com a oração, animada com a 1ª Carta de São João. Após a acolhida dirigida a todos pela coordenadora, Ir. Edneth, Pe. Pessinatti ofereceu a cada um, a obra “Os Salesianos em Cruzeiro, a cem anos de história do Oratório/INSA”, produzida pela Inspetoria de São Paulo.

As iniciativas são muito valorizadas, pois há um movimento de esforço de registrar a história, não obstante a ausência de historiadores hoje. como num passado recente, por exemplo: Antônio Ferreira da Silva, Riolando Azzi, Luis Marcigaglia e outros. Atualmente, no campo da pesquisa histórica, com exceção de alguns estudos direcionados à salesianidade, há apenas o padre Antenor Andrade e Silva (BRE) na pesquisa histórica, portanto, é urgente que a ACSSA dê passos, contribuindo no suscitar novos pesquisadores e colaborar na formação dos mesmos.

A presença dos Secretários na ACSSA Brasil é de grande significatividade, como responsáveis primeiros do arquivo e da documentação. Alia sua tarefa à finalidade da ACSSA para juntos trabalhar para o Cultivo da história salesiana. Essa participação definida em Assembleia e aprovada pelos Inspetores/RSB é uma grande conquista, pois abre caminho de atuação e visibilidade à ACSSA, bem como favorece colaboração recíproca, ACSSA e Secretário.

Ir. Célia Parintins (BMA), apresentou alguns dados sobre o Seminário Continental, realizado em março, na Argentina. Constatamos a queda da participação do Brasil, em confronto ao Seminário de 2012. A participação foi muito reduzida, inclusive do Brasil, o que causou certo constrangimento. Nesse encontro a equipe ACSSA Brasil se questionou a esse respeito para uma medida necessária.

O encontro teve como finalidade também a apresentação de pesquisas e ações realizadas nas Inspetorias: 1. “A figura de Pe. Carlos Leôncio da Silva” (1887-1969) Pe. Antenor Andrade, apresentado por Pe. Pessinatti. Pe. Leôncio foi um grande pesquisador e educador salesiano. Realizou grande serviço na Europa, levando para a academia a pedagogia salesiana; homem visionário, de grande intuição pedagógica, contribuiu enormemente para o conhecimento da ação preventiva de Dom Bosco. 2. “Um jovem protagonista de seu sonho” Pe. João Mendonça. Publicado pela EDEBÊ no Clube de Leitura da Família Salesiana, o livro retrata o período de 10 anos que Dom Bosco viveu em Chieri até sua ordenação presbiteral a partir da resiliência. Querendo assim estimular, sobretudo os adolescentes e jovens que perdem o sentido da vida na sociedade líquida atual, a ver em Dom Bosco uma pessoa que soube superar crises e conflitos com uma grande capacidade de ressignificar suas escolhas e nunca perder o foco na meta desejada. Já está em andamento a continuação do livro que mostrará o jovem padre Bosco, dos 26 aos 44 anos, na sua intenção atividade evangelizadora enfrentando os conflitos, perdas e êxitos, sempre guiado por atos concretos e uma fé inquebrantável. 3. “Elas tiveram coragem” Ir. Célia Parintins. História da Inspetoria Laura Vicuña – Manaus. Será publicado pela EDEBÊ (Editora Salesiana/RSB) 4. “Nos caminhos de Deus, Ir. Anna Maria Ortelli – 90 anos de pura lucidez” – Ir. Maria Helena Corrêa. FMA missionária italiana que deixou marca de transformação em Minas Novas, no Vale do Jequitinhonha MG, apresentado por Ir. Maria Imaculada. 5. Dicionário Biográfico dos salesianos da Espanha de 1886-2018 – apresentado por Pe. Nivaldo Luiz Pessinatti. Uma iniciativa que mantém viva a memória de todos os salesianos falecidos. Foi apresentado no intuito de propor que a ACSSA coordene a elaboração de um Dicionário para o Brasil salesiano, aproveitando do vasto material que já existe nas Inspetorias, por exemplo, o livro tombo elaborado pelo Pe. Paulo Andrade (BRE); a coleção de Dom Miguel D´Aversa (BMA) Heróis autênticos; cinco lustres da Inspetoria de São Paulo, etc. Uma minuta da proposta será enviada aos Inspetores e Inspetoras com o parecer da ACSSA. Em 2020 será feito um levantamento de nomes em cada inspetoria e 2021, a elaboração do texto.

Ir. Maria Imaculada, como membro da Presidência ACSSA Mundial insistiu na necessidade de definir critérios de participação do maior número possível de pessoas no Congresso Internacional, de 28 de outubro a 3 de novembro de 2020, em Lisboa (Portugal). Foi feita uma proposta concreta que viabilize a participação de alguns membros, apoiados financeiramente pela RSB e outros participantes incentivados pelas Inspetorias.

O arquivo da ACSSA em seu histórico desde 2012, está na Plataforma da Rede, disponível a todos pelo Dropbox, bem como os documentos físicos, estão na sede da RSB, onde a ACSSA também é sediada oficialmente, não só como espaço físico, mas como ação apoiada pela Rede.

Em 2016, o CSF (Centro Salesiano de Formação) propôs a criação de uma Sala Virtual da ACSSA, onde serão veiculados conteúdos vários; serão estabelecidos diálogos virtuais, também processos formativos e outros. Esse espaço virtual será efetivado agora. Discutiu-se sobre a importância e urgência de saber gerir com eficiência a documentação digital. Para isso, busca-se o diálogo entre Comunicação/RSB e ACSSA/RSB. A Coordenadora do CSF, Ana Paula Costa e Silva, presente em um momento do encontro sugeriu também que os membros da ACSSA incentivem e aproveitem dos cursos disponíveis em EAD.

A retomada da ideia que se tornou uma moção apresentada pela ACSSA em 2016, de transferência do CSDP (Centro Salesiano de Documentação e Pesquisa) sediado em Barbacena MG para Brasília DF, devido ao clima favorável a centralidade territorial, dependerá da decisão da Inspetoria São João Bosco – Belo Horizonte MG. Por outro lado, debateu-se também sobre a facilidade de acesso online dos dados por meio do sistema elaborado com muita competência por Pe. Ilário Zandonade, diretor do Centro. Pe. José Paulino de Godoy, Secretário Inspetorial – BBH, apresentou o sistema de arquivo do CSDP-Barbacena que agrega tanto o patrimônio físico como digital. A plataforma chamada PHL está pronta para receber todas informações salesianas. Para tanto, será agendado um curso de cinco dias para Secretários Inspetoriais, leigos que trabalham nos arquivos e outros setores, dos SDB, também disponível às FMA e membros da ACSSA.

É importante destacar que a digitalização dos arquivos é uma garantia a mais para evitar a perda dos arquivos com o passar do tempo.

A Nova Configuração das Inspetorias das FMA no Brasil (se oficializará em 2021), precisa nesse momento, ter cuidado quanto à avaliação e organização dos arquivos.

O compartilhamento de ações realizadas nas Inspetorias foi muito significativo. A proposta projetada na Inspetoria FMA/BBH, a partir das propostas nacionais, foi apresentada, tendo como núcleos principais: a Formação, sobretudo para gerir documentos e arquivos, formar novos pesquisadores; Gestão de Arquivos e Documentos e a Pesquisa, propriamente dita.

A professora Dra. Maria Augusta de Castilho (BCG) falou sobre o tema “O patrimônio no contexto da memória e identidade de Dom Bosco e de Nossa Senhora Auxiliadora”. Apresentou critérios de valorização dos monumentos históricos, arquivo fotográfico, quadros; todo o patrimônio imaterial que diz respeito a missão salesiana como crenças, músicas, lendas, orações, devoções, etc e patrimônio cultural, como entrevistas, personalidades, etc. Frisou que em todo esse trabalho é necessário ter muito claro o conceito de cultura, de memória e de patrimônio arquitetônico para o melhor entendimento da história.

Por fim, Pe. Pessinatti encaminhou a avaliação do Plano de Ação da ACSSA. O mesmo ficou resumido a dois projetos:

Projeto 01   – Gestão de Arquivos e Documentos

AÇÕES

  • – Promover formação e a capacitação para a atualização da plataforma PHL, Barbacena, CSDP.

                Como: Agendando com CSDP

                Quem: secretário (a) inspetorial, leigo (a), membro da ACSSA

  • Mapear os acervos e os arquivos inspetoriais e locais

                Como: recolhendo e organizando os documentos existentes

                Quem: secretários e adjuntos

  • – Alimentar digitalmente a plataforma PHL – CSDP – Barbacena

                Como: após o treinamento, planejar e executar esta ação

                Quem: secretário (a), ACSSA e leigos

Projeto 2 – Pesquisa e Publicação

AÇÕES

2.1 – Identificar pesquisadores, produções em história salesiana, Brasil, para promover sinergia e articulação, em vista do fortalecimento e ampliação da ACSSA, mediante parcerias (IUS/ ISS)

                Como: identificando, apoiando e articulando os pesquisadores a partir do banco de dados da plataforma PHL,

                Quem: membros da ACSSA, secretarias (os)

2.2 – Despertar habilidades e capacitar pesquisadores e historiadores, tendo a reunião da ACSSA como fórum de debate, aprofundamento e divulgação.

                Como: pautando na reunião da ACSSA

                Quem: coordenadores da ACSSA

2.3 – Incentivar e subsidiar cursos e pesquisas com foco na história salesiana para os membros da FS, para lideranças da PJ e para a formação inicial

                Como: subsidiando o CSF

                Quem: Coordenadores ACSSA e coordenação do CSF

ENCAMINHAMENTOS  2020

Encontro anual

Data: 10 a 12 setembro 2020

Local: Sede RSB – Brasília DF

VII Congresso Internacional de História da Obra Salesiana.Lisboa (Portugal), de 28/10 a 3/11/2020.

Sugestão: cada inspetoria poderá enviar os participantes que desejar.

Solicitação: apoio financeiro da RSB para 3 FMA e 3 SDB, com as passagens. Cada Inspetoria assume a taxa.

PARTICIPANTES DO ENCONTRO ANUAL

Da esquerda para a direita

Atrás

  1. Nivaldo Luiz Pessinatti – Inspetor BRE Referente ACSSA
  2. João da Silva Mendonça Filho – ACSSA BMA
  3. Narciso Ferreira – Secretário BSP
  4. Sirlene Girardi – ACSSA BRJ
  5. Célia Parintins de Campos – ACSSA BMA
  6. Maria Augusta de Castilho – Palestrante Associada ACSSA/Roma
  7. Maria Edneth Brandão – ACSSA BRE
  8. Maria Imaculada da Silva – ACSSA BBH
  9. Geraldo Adair da Silva – ACSSA BBH
  10. José Paulino de Godoy Júnior – Secretário BBH
  11. Claudete Ferreira – Secretária BPA
  12. Maria Zelina Zobelle – Secretária BRJ

Frente

  1. Leonéia Ferreira Furtado – Secretária BMA
  2. Osmar Orotides de Rezende – ACSSA BCG
  3. Dilza Maria Moreira – ACSSA BCG

 

 

Brasília, 11 de setembro de 2019

Sede da RSB – Sede Salesiana Brasil

Ir. Maria Imaculada da Silva

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Giornata di studio – Opera Salesiana di Varsavia 1919-2019: Basilica-Parrocchia-Attività Educativa

Plakat - druk zwykły_page-0001 jpg

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

BREVE RIASSUNTO DEL VERBALE DELLA RIUNIONE DI ACSSA-ESPAÑA SVOLTASI A MADRID IL 29 giugno 2019

El día 29 de junio de 2019, a las 11 de la mañana, en la Casa de Carabanchel de Madrid, se celebró la reunión de la sección española de la Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA-E) convocada y presidida por Jesús-Graciliano González, con el orden del día propuesto con anterioridad. Tras la aprobación del acta anterior y las palabras de saludo del presidente, se pasó a tratar los puntos del orden del día: 1. Informes sobre los seminarios continentales de ACSSA. 2. Presentación de varios proyectos para facilitar la consulta de Boletín Salesiano escaneado. 3. Programación de las próximas actividades de ACSSA: se señalaron especialmente las siguientes a) Continuar con la historia de la presencia salesiana en España, que está en manos de la correspondiente comisión, a la que se pide que acelere los trabajos; b) Breve historia de todas las casas salesianas en España desde la primera de Utrera en 1881 hasta hoy, incluidas las que a lo largo de los años han sido cerradas; c) Editar una revista digital de la asociación: el presidente presentó el borrador del primer número. Le iniciativa fue aprobada por todos. En ella se incluirán, entre otras secciones, las fichas de todos los salesianos que vayan falleciendo desde la última publicación; 4. Algunas propuestas: a) hacer un modelo de carta mortuoria para facilitar que las cartas mortuorias de los salesianos se hagan lo más pronto posible; b) organizar cuanto antes una reunión de los archiveros de las casas; c) hacer unas fichas de los escritores salesianos españoles, en la que consten sus publicaciones y los lugares donde se encuentran sus obras. 5. Se informó sobre el próximo Congreso internacional de ACSSA, que tendrá lugar en Lisboa en 2020. 6. Se estudió la petición de admisión del exalumno Antonio José Juan Guil, de Villena y visto que cumplía todos los requisitos exigidos por los estatutos tanto general como el ACSSA España, fue admitida por unanimidad.

Con algunas informaciones sobre la actividad particular de algunos miembros, se cerró la sesión.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Incontro tra Ispettori, ISS e ACSSA

ispettori

Giovedì, 20 giugno 2019 – L’incontro dei nuovi Ispettori con il Direttore dell’Istituto Storico Salesiano (ISS), don Thomas Anchukandam, e il Presidente dell’Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA), don Francesco Motto e don Stanisław Zimniak, segretario di coordinamento dell’ISS e segretario-tesoriere dell’ACSSA, avvenuto nella sede dell’Università Pontificia Salesiana – Roma. I nuovi superiori sono stati informati sulla attività di queste due importanti istanze di studio e di ricerca per la custodia della memoria storica e in generale per la cura del patrimonio culturale. Hanno potuto essere informati sui lavori in cantiere e su futuri progetti, nonché delle problematiche da affrontare per rispondere al meglio alle nuove sfide emergenti dalla nuova mentalità moderna. Si tratta di fare il possibile perché non solo rimanga una traccia di passaggio di Cristo nella storia umana, ma offrire i nuovi strumenti di altro livello culturale di avvicinamento alla memoria umana, in caso concreto quella salesiana, perché non vadano perse le nostre radici, senza le quali non c’è una continuità fruttuosa e duratura della nostra missione per il bene del mondo giovanile.

 

Lista dei nuovi Ispettori:

Regione: Africa e Madagascar : Pierre Célestin NGOBOKA – AGL – Africa Grandi Laghi

Regione: America Cono Sud : Mario VILLALBA – PAR – Paraguay

Regione: Asia Est e Oceania :

Timothy CHOI (Won Chol) – KOR – Korea

Jacob Hideaki HAMAGUCHI – GIA – Giappone

Chi-Yuen Joseph NG – CIN – Cina

Andrew WONG – INA – Indonesia

Regione: Asia Sud : Jose KURUVACHIRA – IND – India Dimapur

Regione: Interamerica : Ignacio OCAMPO URIBE – MEM – México México

Regione: Mediterranea :

Stefano ASPETTATI – ICC – Italia Centrale

José Aníbal      MENDONÇA – POR – Portogallo

Angelo SANTORSOLA – IME – Italia Meridionale

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

NOMINA A MEMBRO ONORARIO DELL’ASSOCIAZIONE CULTORI DI STORIA SALESIANA DELL’ARCIVESCOVO EMERITO DI SALISBURGO DR. ALOIS KOTHGASSER SDB

16 giugno 2019 - Baumkirchen - 1-1-1

 

Il 16 giugno 2019, a Baumkirchen (Austria), il segretario dell’Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA) don Stanisław Zimniak ha consegnato il diploma della nomina a Membro Onorario all’Arcivescovo Emerito di Salisburgo, Mons. Alois Kothgasser che la Presidenza Mondiale dell’ACSSA ha conferito nel corso della sua riunione, svoltasi l’11 maggio 2019 a Roma. Con questo atto la Presidenza riconobbe il suo interesse e il suo sostegno alla ricerca storica in ambito salesiano, come pure la condivisione delle finalità della medesima Associazione.

 

arcivescovo_page-0001

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Seduta della Presidenza Mondiale ACSSA – 11 maggio 2019

11 maggio 2019 - 1

 

Sabato 11 maggio 2019 all’Università Pontificia Salesiana (UPS) si è svolta la riunione della Presidenza mondiale dell’ACSSA. Erano presenti: don Thomas Anchukandam SDB, signor Iván Ariel Fresia SDB, suor Grazia Loparco FMA, don Francesco Motto SDB, Presidente, suor Maria Rohrer FMA, don Joaquín Torres SDB e don Stanisław Zimniak SDB, segretario-tesoriere. Assenti giustificati: don Mathew Kapplikunnel SDB, suor Imaculada da Silva FMA, don Germain Kivungila SDB e don Nestor Impelido SDB.

Dopo la preghiera e i saluti da parte del Presidente, è stato approvato il Verbale della riunione del 28 aprile 2018. È seguita una breve relazione da parte dei rispettivi responsabili dei cinque Seminari Continentali svolti negli anni 2018-2019. Il tema è stato uguale per tutti i cinque seminari, con qualche modifica, dovuta alla sensibilità locale e un bisogno particolare.

A nome degli organizzatori del Seminario per l’Asia Sud (India-Sir Lanka) (don Mathew Kapplikunnel e suor Philomene Dousa) ha riferito con un resoconto don Thomas Anchukandam, Direttore dell’ISS. Questo appuntamento ha avuto come titolo: Incisive and Innovative Salesian Personalities of India; si è svolto dal 22 al 24 giugno 2018 nella casa ispettoriale di Hyderabad (India). Vi hanno partecipato 7 SDB e 9 FMA e sono state presentate le sette relazioni.

Suor Grazia Loparco e don Francesco Motto hanno riferito sul Seminario per l’Europa, svoltosi a Bratislava (Slovacchia) dal 31 ottobre al 4 novembre 2018. Ha avuto il seguente titolo: Figure salesiane rilevanti fra il XIX e XX secolo in Europa”. Sono state presentate 34 relazioni da parte di 17 Salesiani, 12 Figlie di Maria Ausiliatrice, 2 membri di altri gruppi della Famiglia Salesiana e 3 laici. Vi hanno partecipato 47 persone.

Sul terzo Seminario per l’East Asia-Oceania a nome dell’organizzatore don Nestor Impelido, ha riferito don Stanisław Zimniak. Questo evento storico ha avuto per il titolo: Relevant Salesian Figures of the 20th Century in East Asia. Esso è stato realizzato a Sam Phran, Thailandia, dal 10 al 15 febbraio 2019. All’evento, in corso dal 10 al 15 di febbraio 2019 presso la casa per ritiri delle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) a Sampran, hanno partecipato 47 persone, in rappresentanza di otto diversi gruppi della Famiglia Salesiana e di 10 circoscrizioni. In totale sono state esposte 18 relazioni tra cui 14 sulle figure di santità della regione; le rimanenti furono di carattere metodologico ad opera dei responsabili centrali dell’ACSSA.

Sul Seminario per l’Africa e Madagascar, realizzato dal 4 al 9 marzo 2019, presso il centro salesiano “Don Bosco Youth Educational Services” di Nairobi, ha riferito l’organizzatrice suor Maria Rohrer. Il tema di quest’assise è stato: Sulle orme dei nostri pionieri nella missione salesiana. Vi hanno partecipato 21 persone: 10 Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) e 11 Salesiani di Don Bosco (SDB).

Dell’ultimo Seminario per le Americhe ha parlato il sig. Ariel Fresia SDB, che è stato il principale organizzatore di questo evento. Il seminario si è svolto nei giorni 18-22 marzo 2019, nella casa “Domingo Savio” (Ramos Mejía, Buenos Aires, Argentina) e ha trattato il tema: Figuras Salesianas innovadoras y significativas en el siglo XX. Vi hanno partecipato 25 persone e sono state esposte 15 ricerche sui personaggi salesiani (SDB, FMA) e 5 relazioni sulle tematiche generali.

Dei cinque seminari continentali il materiale è consultabile nel sito ISS-ACSSA (www.sdb.org).

Per il seminario europeo si rimanda a: https://acssaeuropa.wixsite.com/acssaeuropa2018;

per quello dell’Asia East a: http://www.fma.or.th/20190211_ACSSAeao/;

e per il seminario americano a: https://donboscosur.wixsite.com/acssa.

Questi seminari sono stati una specie del laboratorio di preparazione del 7° Congresso mondiale ACSSA, programmato per l’autunno 2020. In tutti questi cinque seminari continentali si è notata una crescente corresponsabilità per una elaborazione sempre più valida dal punto di vista scientifico.

Dopo questo resoconto sui seminari continentali si è soffermato concisamente sull’attività delle Sezioni Nazionali dell’ACSSA. Suor Grazia Loparco e don Francesco Motto hanno riferito su ciò che ha fatto l’ACSSA Italia e circa le difficoltà nel campo archivistico, che permane piuttosto preoccupante. Hanno parlato di un nuovo ambizioso progetto, cioè di comporre una specie di schedario di tutte le opere sia della FMA sia dei SDB. Un’impresa che viene vista come un primo passo per una ulteriore indagine sulla storia salesiana in Italia. Don Joaquin Torres ha riferito sull’operato dell’ACSSA Spagna, soffermandosi sulla recente importante opera e cioè Diccionario Biográfico Salesiano de España. Questo prezioso volume è frutto di collaborazione di tutti i membri spagnoli che sono stati coordinati da don Graciliano González. Attualmente questa sezione spagnola sta portando avanti la storia salesiana in Spagna. Il lavoro è assai avanzato. Don Stanisław Zimniak ha presentato l’attività dell’ACSSA Polonia. Il lavoro più impegnativo su cui si concentra l’attenzione è il progetto dell’Enciclopedia Salesiana. Gli studiosi coinvolti hanno cercato di analizzare le voci che sono state proposte ed individuate da don Jarosław Wąsowicz. Ciò è stato uno sforzo metodologico molto delicato, perché si trattava di decidere sulle voci proposte in vista di una fisionomia salesiana ben precisa, contemplata nella futura enciclopedia, e che rispecchiasse e descrivesse, attraverso le voci scelte la realtà della Congregazione salesiana e dell’Istituto di Figlie di Maria Ausiliatrice in Polonia. Ha riferito su altre iniziative in corso, cioè l’organizzazione dei convegni sulle singole opere salesiane o sui singoli personaggi; infine, sono stati presentati vari studi di recente pubblicazione, realizzati dai membri polacchi.

Signor Ariel Fresia ha riferito ciò che sta facendo l’ACSSA Argentina che si incontra una volta all’anno. Il prossimo incontro è programmato per settembre. È attualmente in corso una serie di pubblicazioni minori che faranno parte della collezione “Figure storiche” in Ediciones Don Bosco Argentina. Si tratta di far uscire alcune ricerche realizzate per mezzo di alcuni membri dell’ACSSA-A (Walter Parigi sul Milanesio e Lazara su Vespignani). Due membri stanno completando gli studi di dottorato (Nicolás Moretti) e la laurea (Sergio Gauna). Alcuni membri fanno parte della squadra ispettoriale ARS per i beni storici e culturali (Alejandro León e Pamela Alarcón). Maria Andrea Nicoletti ha raggiunto il più alto grado di ricercatore (ricercatore senior) nel sistema di ricerca nazionale dell’Argentina (Conicet).

Don Thomas Anchukandam ha riferito sulla ACSSA India. Alcuni membri hanno contribuito al seminario continentale svoltosi l’anno scorso; attualmente la presidenza locale sta preparando il suo incontro programmato per il giugno 2020. Ci sono alcune problematiche da affrontare, specie in campo di conservazione della memoria salesiana. L’interesse per lo studio di storia salesiana, a suo avviso, è accresciuto; ne è riprova il fatto che alcuni SDB sono stati mandati a Roma per studiare la storia ecclesiastica alla Pontificia Università Gregoriana.

Per motivi di salute suor Imaculada da Silva non ha potuto fornire i dati inerenti all’attività dell’ACSSA Brasile.

Il Presidente, don Motto, ha parlato dell’aspetto logistico di preparazione del 7° Convegno internazionale ACSSA. Insieme si è riflettuto sulla data più opportuna per i SDB e le FMA, tenendo conto del fatto che le Figlie di Maria Ausiliatrice saranno impegnate nel loro Capitolo generale che finirà nei primi giorni del novembre 2020. La data concordata, anche se non in modo definitivo, è stata indicata nei giorni dal 30 ottobre al 2 novembre 2020. Si tratta di avere tre giorni riservati alla presentazione degli interventi dei convegnisti. Una giornata è stata prevista per la dimensione culturale e religiosa. Don Motto ha proposto come luogo la capitale del Portogallo: Lisbona. In realtà si tratta di studiare attentamente anche una eventualità di svolgimento del convengo a Fatima. Don Torres ha preso anche in considerazione lo svolgimento nella casa salesiana Estoril. Si è studiato la questione dei criteri di redazione definitiva dei contributi e la data di consegna dei contributi alla Presidenza (in tempo per la valutazione, la loro selezione in due o più sezioni) e l’organizzazione delle giornate. Il Presidente è stato incaricato di preparare una specie di lettera circolare da spedire a tutti i relatori, compresi i partecipanti, entro giugno o al più tardi nei primi giorni di luglio 2019.

I presenti hanno scambiato i pareri inerenti il futuro dell’ACSSA, che è cresciuta notevolmente in questi ultimi anni; quindi richiede un ripensamento serio sull’impostazione futura delle attività da pianificare e realizzare. È stata presa in considerazione pure la redazione di un “Pro Memoria” da consegnare ai partecipanti dei prossimi Capitoli generali sia dei SDB (febbraio-aprile 2020) sia delle FMA (settembre-novembre 2020).

Sono state esaminate le domande di ammissione e anche la proposta di nomina a Membro Onorario di monsignor Alois Kothgasser SDB, Arcivescovo emerito di Salzburg (Salisburgo).

Ecco la lista dei nuovi Membri ammessi dalla Presidenza Mondiale ACSSA l’11 maggio 2019:

  1. Mahimai Dass ANTHONY, SDB – India (INK)
  2. Thomas LOUIS, SDB – India (INT)
  3. Molly KANIAMPADY, FMA – India (ING)
  4. Anna THEKKANAL, FMA – India (ING)
  5. Mathew EMPRAYIL, SDB – India (INH)
  6. Sudhakar BELLAMKONDA, SDB – India (INH)
  7. Godugunuru CHINNAPPA, SDB – India (INH)
  8. Jerish KOCHUPARAMBIL, SDB – India (UPS)
  9. John Rozario LOURDUSAMY, SDB – India (INM)
  10. María BENITO MATEO, FMA – Spagna (SPA)
  11. Salvatore CIRILLO laico – Cile
  12. Florita DIMAYUGA, FMA – Filippine (FIL)
  13. Jozef LUSCOŇ, SDB – Slovacchia (SLK)
  14. Milan URBANČOK, SDB – Slovacchia (SLK)
  15. Lucia UEHARA JUNKO, FMA – Giappone (GIA)
  16. João da SILVA MENDONÇA FILHO, SDB – Brasile (BMA)
  17. Hendry Dominic SELVARAJ, SDB – India (INM)
  18. Didace KATELE WA KATELE, SDB – Congo (AFC)

L’Associazione conta attualmente 211 membri (FMA, SDB, CDB e altri Rami della Famiglia Salesiana) oltre ad un buon numero di ricercatori e cultori laici. Questo fatto richiederà tanto impegno e attenzione per assicurare a questo gruppo un ulteriore rinvigorimento e aggiornamento nel campo delle scienze storiche e archivistiche. Si tratta di un “movimento” nato per l’iniziativa dell’ISS e approvato dal Rettore Maggiore dei Salesiani.

Il tesoriere, don Zimniak, ha presentato la situazione economica dell’ACSSA. I soldi in gran parte provengono dalla tassa annuale d’iscrizione dei membri stessi. L’ACSSA ha potuto offrire l’aiuto finanziario in varie occasioni, specie per coprire alcune spese dovute alla realizzazione dei cinque seminari continentali. Per esempio, il tesoriere ha detto che, è stato possibile coprire le spese di soggiorno per tutti i partecipanti al seminario Africa-Madagascar. Per il momento il conto dell’ACSSA è in positivo. Ha detto che in questi anni non si è chiesto l’aiuto al Rettor Maggiore, anche se lui ha dimostrato tale disponibilità.

Brevemente è stato riferito sul funzionamento del sito ISS-ACSSA che risulta aggiornato, però permane ancora la questione di come valorizzarlo ancora meglio e farlo conoscere in vari ambiti di studio e di cultura.

La Presidenza ha valutato due proposte di pubblicazioni. La prima ricerca è di don Marcel Verhulst, « Demain sera plus beau ». Biographie du P. René-Marie Picron (1906-1991). Sulla prima proposta il segretario ha presentato le valutazioni dei recensori, che sono risultati piuttosto positivi. La proposta è stata accettata. La seconda ricerca è di suor Inácia E. Chaquisse, Mãos agraciadas auxiliando vidas: memórias, desafios e perspectivas das Filhas de Maria Auxiliadora em Moçambique de 1952 a 2012. Nel secondo caso, prima di prendere la decisione vincolante, la Presidenza ha chiesto di presentare almeno due pareri di recensori competenti in materia.

Prima dei ringraziamenti e della preghiera da parte del Presidente, è stata fissata la data della prossima seduta della Presidenza, durante la quale si dovrà studiare l’andamento di preparazione del 7° Convegno internazionale e, soprattutto, il programma di attività per gli anni dopo il convegno.

A cura di don Stanisław Zimniak – segretario ACSSA

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Assemblea ACSSA Polonia: 27 aprile 2019

Il 27 aprile 2019, nella sede dell’Ispettoria San Stanislao Kostka a Varsavia, si è svolto l’incontro dei membri della Sezione Polacca ACSSA. Erano presenti sei su quattordici membri; le assenze sono state dovute per la maggior parte dei casi ad impegni d’importanza improvvisi o a situazione di salute.

I presenti sono stati salutati dall’Ispettore, don Andrzej Wujek, il quale ha garantito il suo pieno appoggio alle iniziative e specialmente al grande progetto dell’Enciclopedia salesiana e ha ringraziato i membri ACSSA per l’organizzazione dei vari convegni dedicati alle opere o figure salesiane. A suo parere ciò è un lavoro di notevole valore e, senza dubbio, contribuisce alla conoscenza delle attività storiche della Congregazione non solo nei nostri ambienti, ma viene percepito e apprezzato anche in ambienti ecclesiastici e civili.

Quindi ha preso la parola il Presidente don Stanisław Wilk, il quale brevemente ha reso conto della situazione attuale in cui si trova l’attività dell’ACSSA Polonia.

Il segretario generale dell’ACSSA, don Stanisław Zimniak, ha presentato in sintesi i cinque seminari continentali realizzati dalla Presidenza ACSSA. Il tema è stato uguale per tutti i cinque seminari, con qualche modifica, dovuta alla sensibilità locale e a un bisogno particolare. Il primo, per l’Asia Sud (India-Sir Lanka), aveva come titolo: Personalità salesiane incisive e innovative dell’India. Si è svolto dal 22 al 24 giugno 2018, nella casa ispettoriale di Hyderabad (India). Il seminario per l’Europa, svoltosi a Bratislava (Slovacchia), dal 31 ottobre al 4 novembre 2018, ha avuto il seguente titolo: Figure salesiane rilevanti fra il XIX e XX secolo in Europa”. Il terzo seminario per l’East Asia-Oceania era intitolato: Relevant Salesian Figures of the 20th Century in East Asia. Esso è stato realizzato a Sam Phran, Thailandia, dal 10 al 15 febbraio 2019. Invece il seminario per l’Africa e Madagascar, realizzato dal 4 al 9 marzo 2019, a Nairobi, ha avuto per tema: Sulle orme dei nostri pionieri nella missione salesiana. L’ultimo seminario si è svolto nei giorni 18-22 marzo 2019, nella casa “Domingo Savio” (Ramos Mejía, Buenos Aires/Argentina) e ha trattatto il tema: Figuras Salesianas innovadoras y significativas en el siglo XX. Questi seminari sono stati una specie di “laboratorio” di preparazione del 7° Congresso mondiale ACSSA, programmato per l’autunno 2020.

Un’osservazione rilevante su tutti questi cinque seminari continentali è la seguente: si è notata una crescente corresponsabilità per una elaborazione del nostro passato, sempre più valida dal punto di vista scientifico. L’Associazione conta attualmente 197 membri (FMA, SDB, CDB e altri Rami della Famiglia Salesiana), tra cui sono un buon numero di storici professionisti, anche se prevalgono quelli definiti come cultori. Una cosa degna di nota è il fatto che sta crescendo il numero dei ricercatori e cultori laici. Si tratta di un lavoro che richiede tanto impegno e attenzione per dare a questo gruppo un ulteriore rinvigorimento e assicurare l’aggiornamento nel campo delle scienze storiche a questo “movimento”, nato per iniziativa dell’ISS e approvato dal Rettore Maggiore dei Salesiani. Quindi la corresponsabilità viene condivisa con i membri dell’ISS. Si pensa di redigere una specie di “Pro Memoria” da consegnare alle Ispettrici e agli Ispettori, per dimostrare i lavori già realizzati e le problematiche riscontrate nel corso dei cinque seminari continentali, specie quelle relative alla conservazione della documentazione prodotta dagli strumenti moderni elettronici che ormai sembra sia fin troppo trascurata, dato che non ci sono ancora prescrizioni formali al riguardo. Senza dubbio tutto questo richiede interventi concreti dai capi “politici” dei nostri vertici; occorre inoltre che le prescrizioni date siano attuate da loro stessi e periodicamente vengano anche verificate. Infine il segretario generale ha reso conto delle ultime pubblicazioni dell’ISS. Ha invitato i presenti a comunicare le nuove pubblicazioni e usufruire del sito ISS-ACSSA che viene puntualmente aggiornato e costituisce uno strumento credibile di scambio e di comunicazione.

Il lavoro più impegnativo di questo incontro è stata la verifica dell’andamento dello studio per il progetto dell’Enciclopedia Salesiana. I presenti hanno cercato di analizzare le voci che sono state proposte ed individuate da don Jarosław Wąsowicz. Ciò è stato uno sforzo metodologico molto delicato, perchè si trattava di decidere sulle voci proposte in vista di una fisionomia salesiana ben precisa, contemplata nella futura enciclopedia, e che rispecchiasse e descrivesse, attraverso le voci scelte la realtà della Congregazione salesiana e dell’Istituto di Figlie di Maria Ausiliatrice in Polonia. Perciò per questa iniziativa si è visto indispensabile il coinvolgimento altri ricercatori e studiosi salesiani che non fanno parte dell’ACSSA polacca. La decisione di coinvolgere l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, presa nell’anno passato, è stata valutata positivamente, però non priva di una certa preoccupazione. Questa si spiega con il fatto che le FMA dal punto storiografico sono piuttosto deboli e non dispongono di tante persone professionalmente preparate. Per il momento sono coinvolte solo due suore: Bernadete Lewek e Małgorzata Łukawska. Quindi dovranno portare una ricerca assai vasta e impegnativa che dovrebbe essere conclusa in un arco di tempo piuttosto breve. Questa verifica di voci sarà ancora una volta sottoposta alla valutazione nella prossima programmata seduta della Sezione ACSSA in Polonia. Sono state presentate le voci biografiche e le voci sulle opere, già realizzate. La dinamica dei lavori si differenzia da una all’altra Ispettoria. Per quanto riguarda le due Ispettorie del Nord della Polonia, don Jan Pietrzykowski ha riferito che la ricerca è quasi terminata. Invece per l’Ispettoria di San Giovanni Bosco di Wrocław, come ha riferito don Jacek Bielski, si sta per concludere la raccolta delle voci biografiche, per poi passare alle voci sulle opere. Rimane problematica la situazione dell’Ispettoria di San Giacinto di Cracovia; su questo caso un po’ specifico è stato chiesto di chiarire la situazione al presidente prof. don S. Wilk. Il gruppo redazionale ha notificato e richiamato all’osservanza dei criteri proposti, al fine di assicurare una indispensabile serietà scientifica e una certa uniformità nella redazione delle singole voci. Malgrado i numerosi difficoltà si è deciso di portare avanti questo ambizioso e atteso progetto culturale, senza però pronunciarsi sulla data di pubblicazione, anche se si è inclini a non andare oltre il 2021.

I membri presenti hanno informato su ciò che attualmente stanno portando avanti. Don Jan Pietrzykowski sta preparando un convegno sulla parrocchia salesiana di Sacro Cuore di Gesù, situata in quartiere una volta molto periferico di Varsavia. Grazie all’impegno della Congregazione salesiana questa parrocchia divenne un forte e influente centro di azione pastorale ed educativa in favore dei giovani del quartiere. Il convegno si svolgerà il 5 ottobre 2019. Tra i numerosi interventi degli studiosi salesiani sono anche programmati varie relazioni di studiosi di altri centri culturali e universitari. Invece don Jarosław Wąsowicz, tra tanti lavori, sta per concludere una ricerca molto importante sul salesiano Antoni Baraniak SDB (1904-1977), segretario del Primate di Polonia, August Hlond prima, arcivescovo di Poznań dopo. Una figura chiave per la storia della Chiesa Cattolica in Polonia durante il regime comunista. Un altro membro dell’ACSSA in Polonia, don Waldemar Żurek, è riuscito di recente a pubblicare tre volumi di edizione critica inerenti le opere salesiane in Polonia. Eccone l’elenco: Kronika Salezjańskiego Instytutu Filozoficznego w Marszałkach 1935-1939. [Cronaca dell’Istituto Salesiano di Filosofia a Marszałki 1935-1939]. ( = Biblioteka Salezjańskiej Inspektorii św. Jacka w Krakowie, 9). Lublin 2018; Salezjanie na lubelskiej «Kalinie» 1927-1951. Kronika [I Salesiani di Lublin ‘Kalina’ 1927-1951. Cronaca]. ( = Biblioteka Salezjańskiej Inspektorii św. Jacka w Krakowie, 11). Lublin, Drukarnia Gaudium 2018; Salezjańskie szkoły rzemieślnicze w Oświęcimiu 1914-1971 [Scuole salesiane professionali a Oświęcim 1914-1971]. ( = Biblioteka Salezjańskiej Inspektorii św. Jacka w Krakowie, 10). Lublin, Drukarnia Gaudium 2018. La prossima assemblea è fissata per il 23 novembre 2019.

A cura di don Stanisław Zimniak

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Don Mario Leonardo Peresson Tonelli, SDB, Membro ACSSA 27.11.1940 – 30.04.2019

peresson

Nelle prime ore del mattino del 30 aprile la Provincia San Pedro Claver di Bogotá pubblicava: “con dolore e speranza,” vi comunichiamo la morte di Don Mario Tonelli Leonardo Peresson “grande salesiano, padre e amico.”

Ore dopo è stata annunciata la veglia nel Santuario di Nostra Signora del Carmen accanto al Collegio Leone XIII, dove lui è stato rettore, ubicato nel centro di Bogotá –  dalle 08:00 di questo 1 maggio.

Per la scuola cattolica, la vita religiosa e la Chiesa colombiana, in generale, la sua partenza lascia un vuoto di grandi proporzioni, a giudicare dalle tante espressioni di condoglianze e le diverse testimonianze che sono stati pubblicati attraverso le reti sociali e i gruppi di WhatsApp.

Apostolo della pedagogia cristiana

“Padre Mario era un apostolo dell’educazione cristiana, un vero maestro della scuola cattolica in America”, ha detto a Vida Nueva il Segretario Generale della Confederazione Interamericana dell’Educazione Cattolica (CIEC), Oscar Perez Sayago, ricordando il tributo reso a lui con motivo del 25 ° Congresso Interamericano nel mese di gennaio del 2018 a Bogotá, dove li è stato conferito il premio “Gesù Maestro”.

“Con le sue ricerche, opere e scritti ha contribuito all’identità dell’educazione cattolica nel XXI secolo”, ha riconosciuto Pérez Sayago.

Tra le sue numerose pubblicazioni, “AL ASCOLTO DEL MAESTRO” (2012), pubblicato insieme con la CIEC, la CLARC e la PPC, è stato uno dei lavori che fanno sintesi della pedagogia cristiana e di maggior impatto nel continente americano negli ultimi anni

Educatore e accademico

Nei suoi 78 anni di vita, completati il ​​27 novembre, Mario ha trasceso come educatore, teologo e pastore in molteplici scenari.

Con i salesiani è stato ispettore (provinciale) e ha diretto vari progetti educativi e catechistici, oltre a coordinare diverse ricerche per analizzare la realtà giovanile in Colombia.

Ha lavorato come insegnante e ricercatore presso la Facoltà di Teologia dell’Università Pontificia Javeriana di Bogotá, soprattutto nelle aree di patristica e mariologia, dopo i suoi studi a Parigi e Roma, dove è stato testimone del Maggio del 68 Francese e il Concilio Vaticano II.

Alla fine degli anni ’70, con il trionfo della rivoluzione sandinista, fu invitato come assessore della crociata di alfabetizzazione del Nicaragua.

L’educatore popolare

“Mi sono lasciato coinvolgere dalla domanda sulla responsabilità sociale” sono state le sue parole per spiegare come è stato il suo camino per riconoscere e accettare progressivamente l’opzione per i poveri, la teologia della liberazione e l’educazione popolare. Il suo contributo è stato ampiamente riconosciuto in Colombia in queste tre aree.

“A Mario è piaciuto che tutti lo chiamassimo con il suo nome: Mario, suscitava così la vicinanza, la fiducia, l’accettazione, l’accoglienza e l’affetto. Il suo atteggiamento è stato sempre di insegnante e fratello, alla maniera di Gesù con il cuore di Don Bosco “, ricorda il suo amico Fernando Torres Millán, consultato per Vida Nueva. Insieme hanno condiviso ricerche e progetti nella rivista Dimensiòn Educativa, prima e dopo in KairEd.

“Ha amato la vita e l’ha seminata in abbondanza nelle sue molte opere, parole, riflessioni e scritti. La sua vita è stata una testimonianza d’amore attraverso il suo sorriso, la sua grazia, le sue parole, la sua saggezza, la sua generosità “, aggiunge Torres Millán, evocando la sua memoria nel campo dell’istruzione popolare. “La sua vita è stata anzitutto una bella storia di fede impegnata nell’educazione trasformatrice in cui i poveri e i giovani sono protagonisti della costruzione di un mondo migliore”, conclude.

“Vida Nueva” – digital – España: 01.05.2019.

 

Le sue principali pubblicazione:

  • La iniciación cristiana en el pensamiento de San Ambrosio, 1969.
  • La misión educativa de la vida religiosa en América Latina y El Caribe a la luz de la pedagogía de Jesús, 1970.
  • Educación Popular y alfabetización en América Latina, 1983
  • Análisis de estructura, análisis de coyuntura: metodología, 1989.
  • La educación para la Liberación en Colombia: Balance y perspectivas (1960 – 1990), 1991.
  • Haciendo nuevos tejidos: fe – culturas – educación popular: segundo curso Latinoamericano de CELADEC para educadores cristianos y educadores populares, 1997.
  • Misión profética de la Educación Católica en los umbrales del Tercer Milenio, 1998.
  • Educar para la solidaridad planetaria. Enfoque teológico Pastoral, 1999.
  • Ven y Sígueme. Confirmemos nuestra fe. Itinerario catequístico de preparación al sacramento de la confirmación, 2002.
  • Seguir a Jesucristo tras las huellas de Don Bosco. Aproximación a la Espiritualidad Salesiana, 2006.
  • Educar con el corazón de Don Bosco. El proyecto Educativo – Pastoral Salesiano inspirado en el Sistema Preventivo de Don Bosco, 2010.
  • A la escucha del Maestro, 2012.

A cura di don Jaime González SDB.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]

Assemblea ACSSA Italia – Roma, 30 marzo 2019

Il 30 marzo scorso si è tenuta a Roma, presso la casa ispettoriale delle FMA, l’assemblea ordinaria di ACSSA Italia. Per i numerosi convenuti in cantiere un nutrito ordine del giorno.

Molti hanno manifestato piena soddisfazione per il seminario europeo che si è svolto a Bratislava (31/10 – 04/11-2018): ottime l’accoglienza e l’organizzazione dell’insieme, le visite a luoghi straordinari; curati gli incontri con testimoni significativi; l’excursus storico ha permesso di conoscere la giovane nazione e l’opera salesiana in Slovacchia, ecc. Le giornate sono state impegnative per il consistente numero di relazioni, tanto che alcuni hanno messo in risalto la propria difficoltà a seguirle tutte. Nonostante ciò, gli interventi sono serviti a far apprezzare numerose figure di salesiani/e “minori” e “sconosciuti”, oltre che a far risaltare un sensibile miglioramento nella qualità delle esposizioni e nella metodologia di ricerca. Al ritorno, in varie comunità è stato possibile valorizzare l’esperienza, con buona notte, approfondimenti, ulteriori ricerche, e persino una commemorazione civica di una consorella oggetto di studio.

La maggior parte dei partecipanti al seminario formativo per segretarie/i ispettoriali, realizzato da ACSSA Italia nel febbraio 2017 in collaborazione con esperti della CEI, hanno lasciato il loro incarico. Inoltre, sulla base di informazioni ricevute, solo limitatamente sono avvenuti dei sensibili miglioramenti. La discussione si polarizza attorno a due possibili proposte da perorare presso gli organismi di governo delle due congregazioni: rendere usufruibili ed efficienti gli archivi storici ispettoriali italiani, aderendo al progetto CEI, oppure riordinare tutti gli archivi storici ispettoriali del mondo salesiano secondo un modello unico e collegarli in rete mediante programmi informatici idonei e compatibili. Gli interventi si susseguono a favore ora dell’una ora dell’altra proposta, sulla base di bisogni, esperienze e convinzioni personali. Tutti concordano sul fatto che da troppo tempo si dibatte il problema e qualsiasi proposta avanzata deve trovare riscontro e volontà politica di soluzione negli organismi competenti. Nel frattempo cresce la perdita inesorabile di “memorie” e l’accessibilità problematica di molti di essi per gli studiosi.

Al momento si ritiene molto difficoltoso e poco proficuo proseguire nell’opera di redigere facsimili di regolamenti e titolari per le diverse tipologie di case, come pure per i centri ispettoriali. Si rischia di produrre documenti, fornire procedure e indicazioni che rimarranno purtroppo lettera morta, per una pregiudiziale convinzione della loro inutilità. Il tema in sé presenta molti aspetti problematici e implica vari livelli decisionali, oltre che una condivisa coscienza della sua importanza ed ineludibilità. Pertanto, si ritiene indispensabile in forma provvisoria sulla conservazione del materiale documentale prodotto. Per questo, si è stabilito di presentare ad ispettori ed ispettrici un promemoria che indichi la documentazione che assolutamente va conservata e di conseguenza nei centri ispettoriali e nelle singole case non deve essere gettata al macero, oltre a quanto è già previsto dalle leggi civili, scolastiche ed ecclesiali. Inoltre si chiede di poter visionare tutti i titolari tuttora in uso presso gli archivi storici ispettoriali d’Italia, per un’analisi dei criteri con cui sino al momento i documenti sono stati selezionati e raccolti.

La sezione italiana ha pensato bene di redigere e pubblicare un volume che illustri, in forma ad un tempo sintetica e scrupolosa, tutte le case che nel corso di questi centocinquanta anni sono state fondate nelle diverse regioni d’Italia. Ai singoli referenti ispettoriali sarà fornita una scheda guida, con i campi d’analisi previsti. Duplice è lo scopo che si vuol conseguire: mappare la presenza salesiana in Italia e fornire un primo strumento per una futura storia salesiana nazionale.

L’ultimo lasso di tempo viene impiegato a presentare: (1) le novità bibliografiche (sei volumi); (2) le iniziative messe in atto nei diversi contesti ispettoriali (pomeriggio di studio, ricerche formative, lavoro teatrale, commemorazioni, rievocazioni storiche, pellegrinaggio, libretti divulgativi, dizionario biografico, preparazione di futuri convegni, pubblicazioni divulgative e scientifiche in cantiere, tesi dottorali); (3) le migliorie da apportare sia nel sito ACSSA Italia che in quello mondiale; (4) l’allarme per la conservazione e valorizzazione di alcune preziose biblioteche “storiche” e di una raccolta di libretti teatrali e di partiture musicale estremamente ricca; (5) la preoccupazione e cura nel raccogliere romanzi e racconti composti da 73 scrittori salesiani nell’arco di un cinquantennio.

A cura di don Rodolfo Bogotto

 acssa1

acssa2

ACSSA Italia 30032019

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

[Top]

CRÓNICA DEL SEMINARIO CONTINENTAL AMERICANO ACSSA 2019

LUNES 18

En la casa de Retiro “Domingo Savio” (Ramos Mejía, Buenos Aires/Argentina), nos reunimos los participantes del Seminario Continental Americano ACCSA “Figuras Salesianas innovadoras y significativas en el siglo XX”. Todas las participaciones se encuentran en la página web: https://donboscosur.wixsite.com/acssa.

El seminario se inicia con las palabras de bienvenida del Inspector Honorio Caucaman de la Inspectoría “Ceferino Namuncurá”, quien nos invita a tomar conciencia de la historia de las Congregaciones Salesianos e Hijas de María Auxiliadora en la nuestra tierra. Señala que ha sido desde instituciones civiles donde se ha señalado y dado relevancia a la historia salesiana dentro de las historias nacionales. Celebra que este seminario se constituya como un espacio de sabiduría para recuperar la memoria y a partir de allí reflexionar sobre nuestras raíces.

foto 1

Inspector Honorio Caucaman

A continuación se leen las Palabras del Rector Mayor de los Salesianos Ángel Fernández Artime, la Madre General de las Hijas de María Auxiliadora Yvonne Reunguat y el presidente del ACCSA Don Francesco Motto

 https://donboscosur.wixsite.com/acssa/discursos-y-mensajes

foto 2

Ana María Fernández, fma. Comisión organizadora

El seminario se inicia con una introducción sobre la dinámica general. Estos seminarios son instancias preliminares de exposición del trabajo de investigación que se presentará en el Congreso Mundial en el 2020. Su temática se enfoca en el rico legado del carisma salesiano y de sus figuras significativas. Como su naturaleza lo indica, un seminario constituye una instancia académica especializada para estudiar en profundidad la temática que proponemos. Su dinámica permite una participación interactiva entre especialistas y/o conferencistas y los participantes que acercan y exponen una propuesta de trabajo. Por ello, las conferencias están programadas para la reflexión de aspectos teóricos y metodológicos que iluminen distintos aspectos de la investigación de una figura significativa. Tras la exposición del trabajo en forma de ponencia, los participantes recibirán una devolución crítica por parte del coordinador de su mesa y preguntas del auditorio en el momento del debate abierto. Esta instancia de aprendizaje activo y colaboración recíproca permitirá a cada ponente reflexionar sobre su proceso y resultados preliminares de investigación para profundizar y reelaborar su trabajo en pos del Congreso 2020.

Tratándose de una reunión caracterizada por el hacer colaborativo, todos los participantes están invitados a escuchar y participaren todos los debates generados en el seminario, por ello su presencia es indispensable en cada una de las instancias. De esta manera, la modalidad del seminario resulta un trabajo continuado que enlaza momentos y espacios diversos: 1) un trabajo previo de escritura y presentación, 2) la presencia en las conferencias como espacios de aprendizaje 3) la exposición del trabajo en las mesas, 4) la recepción de la devolución del comentarista y las respuestas a las inquietudes de los participantes en los debates y 5) la reelaboración del trabajo con las sugerencias recogidas en las instancias previas en pos de la ponencia del Congreso Mundial del 2020.

En la primera conferencia general, Don Francesco Motto, sdb nos habló sobre conservar la memoria para escribir nuestra propia historia y construir la identidad. Es indispensable, señala Don Motto, lo que dice el Papa Francisco: para tener identidad hacer memoria y escribir la historia Menciona una cuestión fundamental: la historia se hace con fuentes documentales. Don Bosco ha insistido especialmente de las casas a través de las crónicas y la conservación de los documentos y presenta después Don Motto el aporte de los distintos rectores mayores a este hábito de “conservar la memoria”.

Finalmente señala la importancia de hacer histórica con sentido crítico y de forma científica, estudiando las teorías, metodologías y contextos locales. El problema, señala, es encontrar personas dentro de la congregación que se dediquen a la historia.

Se abrió un interesante debate sobre cómo de construir las historias hagiográficas y la conservación y toma de consciencia muy reciente sobre los archivos y el patrimonio histórico de las Congregaciones. Se concluye la necesidad de una política cultural de la Congregación en sintonía con los laicos y la sociedad civil.

https://donboscosur.wixsite.com/acssa/conferencias-generales

Tras un intervalo se abre la primera mesa “Mujeres significativas en el campo de las misiones que coordinó la Hermana Ana María Fernández. Expusieron las Hermanas Jenny Cruzat, fma de Perú sobre “Sor María Victoria Orihuela (1859-1911) y la Hermana Gloria García Pereira en nombre de la Hermana Vilma Parra sobre “Sor María Concepción Posada Posada (1903-1996).

Tras la exposición de ambas ponencias, la Hermana Ana María Fernández, comenta los rasgos sobresalientes de cada estudio y resalta la importancia de ser fieles a la consigna de la innovación de las figuras, más allá de la búsqueda de santidad.

En el debate se señala la importancia de documentar con fuentes históricas las aseveraciones para que no sean trabajos retóricos sino históricos. También se sugiere tener en cuenta la diversidad territorial en la vida de las misioneras interrelacionada con el tiempo histórico y la posibilidad de pensar estas historias desde la historia de las mujeres.

https://donboscosur.wixsite.com/acssa/mesas-y-ponencias

Finalmente se realiza la presentación de libros sobre figuras significativas

Libros sobre figuras significativas

BAFFUNDO, María, De generación en generación. Presencia significativa en la historia de las FMA en Uruguay. Hna Martina Petrini, Uruguay.

RAMÍREZ, Jorge Atarama, Monseñor Octavio Ortiz Arrieta. El obispo de los Andes Amazónicos. Lima: Editorial Salesiana, 2012. (Presenta David Franco Córdova)

GARCIA PEREIRA, Gloria Elena, Mujeres que hacen Historia. Hacia la Construcción de una Memoria Histórica de las FMA de América Latina. Provincia María Auxiliadora Medellín, Colombia, Colombia, 2002.

MARTINIC, Mateo, Monseñor Giacomini, paladín de magallanidad. (Presenta Salvatore Cirillo)

MARTINIC, Mateo y CIRILLO, Salvatore, En homenaje a monseñor José Fagnano en el centenario de su fallecimiento. (Presenta Salvatore Cirillo)

foto 3

Seminario Continental ACSSA Ramos Mejia /Argentina

MARTES 19

Se da comienzo a la segunda jornada del seminario con la lectura de una oración. Se leen mensajes de buenos augurios de la Presidenta de ACSSA Brasil y de la Hna. Marta Richoli de Bahía Blanca.
La Dra. Laura Mombello pronuncia la conferencia titulada “Las huellas del presente en las historias de vida”. Modera María A Nicoletti.

https://donboscosur.wixsite.com/acssa/conferencias-generales

Se habilita un espacio de preguntas. Surge la inquietud por las herramientas de la antropología para el uso del historiador en la reconstrucción histórica. En ese sentido, si hay una primera persona con quien dialogar, puede reconstruirse esas experiencias de vida a través de documentos. Se plantea que en todo trabajo con fuentes documentales interviene la interpretación del historiador. Asimismo se subraya también la diferencia entre el trabajo con personas que con documentos. Se expone la problemática del descarte de documentación en la actualidad. También la dificultad de la recreación, que no es necesariamente ficción. En el trabajo con las entrevistas hay que tener presente cuales son las preguntas del entrevistado, que suelen ser más importantes que las propias del entrevistador. También circulan inquietudes con respecto a la objetividad de la historia en la reconstrucción de estas experiencias, a través del uso de técnicas.

foto 4

Participantes del seminario continental ACSSA con la conferencista Dra. Laura Mombello

Luego de la conferencia se da inicio a la mesa 2, “Mujeres significativas en el campo de la educación y la escuela”, coordinada por Nicolas Moretti, con las ponencias de Martha Franco, fma y María Baffundo, fma (Uruguay) “Martina Petrini Prado, fma” (1874-1965); Gloria Elena García Pereira, fma (Bogotá) “Sor Isabel Moreno (1890-1962)”; Sandra Vitalia Armijos Salazar (Ecuador) “Sor Anna María Coppa fundadora y rostro del primer Normal Católico de Ecuador de 1940 a 1965”.

https://donboscosur.wixsite.com/acssa/mesas-y-ponencias

Luego de las exposiciones y la devolución por parte del coordinador se abre un espacio de preguntas. Allí se destaca la contextualización histórica de las figuras salesianas que se estudian. También surge la inquietud compartida por varios miembros de ACSSA de encarar un estudio acerca del rol de las religiosas en perspectiva de género, ya que han padecido la invisibilización por parte de la comunidad de historiadores y aun de la misma congregación.

Por la tarde se abre la mesa 3, “Figuras públicas salesianas: la interacción con la sociedad civil”, coordinada por Walter Paris. Se exponen los siguientes trabajos: Francesco Mottosdb (Italia), “Don Raffaele Piperni, Il padre spirituale della comunità italiana del nord California (1897-1930)”; Iván Ariel Fresia sdb (Argentina), “Círculos de obreros, redes parroquiales y participación política. Carlos Conci, un actor social invisibilizado, 1915-1925”; María Andrea Nicoletti (Argentina), “Monseñor Jaime de Nevares: ´Don Jaime’, Pastor de Neuquén” (1915-1995); Salvatore Cirillo (Chile), “Giacomini y Magallanes. El florecer de una obediencia”.

Tras las presentaciones y los comentarios del coordinador, se abre un espacio de preguntas a los expositores. Se destaca la invisibilización de Conci por parte de la historiografía nacional, aun cuando ha tenido una participación activa con otros referentes del catolicismo social que sí han sido rescatados. Al mismo tiempo, se indaga en la acción apostólica de Monseñor De Nevares comprometido con el apostolado social y los Derechos Humanos.

Luego de la pausa de merienda se procede a la presentación de los siguientes libros:

. David Franco Córdova, La basílica de María Auxiliadora de Lima. Cronología (1916-2016), Lima: Editorial Salesiana, 2016.

. David Franco Córdova, La Cripta del Perpetuo Sufragio: Un siglo de arquitectura y arte funerario en Lima (1917-2017), Lima, Editorial Salesiana, 2017.

. Iván Ariel Fresia, María A. Nicoletti y Juan Picca (Comp.), Iglesia y Estado en la Patagonia. Repensando las misiones salesianas. 1880 – 1916, Pro historia, Rosario, 2016. (Presenta María A. Nicoletti)

.  María A. Nicoletti, Misionar en la Patagonia. La figura de Ceferino Namuncurá, AbyaYala, Quito, 2015.

. Ana María Fernández, Con letra de mujer. La crónica de las Hijas de María Auxiliadora en la Misión Nuestra Señora de la Candelaria. Periodo de los orígenes. 1895-1916, Didascalia, Don Bosco, Buenos Aires, 2014.

. Simón Kuzmanich, Cuatro pueblos y un destino (Presenta Salvatore Cirillo)

. Mateo Martinic, Trascendencia de la acción en Magallanes en el centenario 1887-1987. (Presenta Salvatore Cirillo)

Luego de la cena, el padre Stanislaw Zimniak sdb presenta la página web del Istituto Storico Salesiano, el ACSSA general y los distintos ACSSA regionales.

foto 5

Participantes del Seminario Continental ACCSA Ramos Mejia/Argentina

 

Miércoles 20

Se inicia la mañana con la oración de un salmo en todos los idiomas.
Luego, la superiora de las Hijas de María Auxiliadora dirige unas palabras.
A continuación, la doctora Marta Ruffini (Argentina) dicta la Conferencia General “Metodología de la Investigación y contextosocio-histórico. La construcción de las biografías enla perspectiva actual de las Ciencias Sociales”.

https://donboscosur.wixsite.com/acssa/conferencias-generales

A continuación se abre un interesante espacio de debate poniendo en relación los trabajos personales con las consideraciones metodológicas de la exposición.

Luego de la pausa-café, se da inicio a la mesa 4 “Figuras salesianas, cuidado del patrimonio cultural y arquitectónico”, coordinada por Francesco Motto. Participan los siguientes expositores: Juan Antonio Lázara (Argentina)“Florencio Martinez, sucesor de Ernesto Vespignani: iglesias salesianas de exportación”; David Franco Córdova (Perú), “RP Carlos Paness (1856-1923)”. Mónica Jiménez (Colombia), “Giovanni Buscaglione: coadjutor insigne de laOficina de Arquitectura e Ingeniería del ColegioSalesiano de León XIII”.

https://donboscosur.wixsite.com/acssa/mesas-y-ponencias

A la tarde, con posterioridad al almuerzo, se emprende el viaje a Capital Federal para visitar sitios salesianos de interés histórico en el barrio de Almagro.

En primer lugar, se visita la primera basílica dedicada a María Auxiliadora en América, en el colegio de las Hijas de María Auxiliadora. En la misma casa se visita el Centro de Espiritualidad Misionera, donde se encuentra un museo acerca de las misiones de la congregación en la Patagonia argentina.

De allí visitamos el Archivo Central Salesiano de la Inspectoría Sur, con la explicación a cargo del P. León. Se recorre el archivo y se atiende a las explicaciones de las encargadas del mismo.

Luego de una merienda en la cantina del Colegio Pio IX, se hace una visita guiada a la basílica de María Auxiliadora con explicaciones de arte religioso a cargo de Juan A. Lázara.

  foto 6

Jueves 21

Se inicia la jornada con la presentación de la página web “Memoria histórica” de la Inspectoría de Bogotá: http://www.salesianosbogota.org/index.php/memoria-historica. Se pueden bajar los documentos de trabajo que ayuden al rescate de la memoria de las historias locales, inspectoriales, etc.

Posteriormente se abre la mesa 4: “Figuras de salesianos misioneros y en el campo social, entre el pensar y el hacer”. Coordinadora: María A Nicoletti

Expone en primer lugar el P. Walter Paris (Argentina), con el trabajo “Domingo Milanesio: humanismo cristiano en conflicto con la ideología y la praxis dominante (Fines de S XIX e inicios del XX)”. Este trabajo profusamente documentado busca desmitificar la figura del “misionero universal”, a través de sus intervenciones y relaciones políticas con los gobernadores, los superiores, las autoridades eclesiástica. También de su trabajo en favor de los indígenas de la Patagonia y de sus inquietudes intelectuales por el desarrollo económico y educativo del territorio.

Nicolás Moretti (Argentina), expuso el trabajo: “´Un soldado en el campo de batalla´. Pedro Tantardini y la obra salesiana en Córdoba. 1905 – 1929”. Este sólido trabajo de investigación recorre la figura de Tantardini desde su “invisible militancia” educativa y formativa para combatir el laicismo de la época.

Diego Solano (Colombia), nos dio a conocer la figura de “Remigio Rizzardi: el Padre de la apicultura en Colombia”. Este salesiano fue decisivo en el desarrollo de la apicultura colombiana y especialmente reconocido por el Estado colombiano.

Finalmente el salesiano Antenor Da Silva, sdb (Brasil), puso a consideración la desconocida figura de el “P. Carlos Leôncio da Silva, um salesiano do século XX, cuja açãofoi incisiva e innovadora”, acercándonos el pensamiento de un filósofo y pedagogo de la educación de su época y del sistema preventivo.

La coordinadora resalta la solidez documental de los trabajos y las similitudes e hilos conductores históricos de estas cuatro figuras: Una excesivamente visibilizada mitificada al punto de crear un mito (Milanesio), otra que busca la invisibilización para actuar ideológicamente entre bambalinas (Tantardini), una tercera que es invisible hacia adentro de la Congregación pero sumamente reconocida por la sociedad civil y el Estado en su país (Riggiardi) y finalmente un pensador invisibilizado hacia adentro y hacia afuera de la Congregación (Leoncio da Silva).

Las intervenciones y preguntas buscan conocer los motivos de las excesivas o nulas visibilizaciones e invisibilizaciones.

Posteriormente se da inicio a  la conferencia de Joaquín Torres sdb (España) sobre “Gaspar Mestre y la escuela salesianade escultura en madera”. Luego de la interesante presentación sobre las esculturas en madera realizadas en Sarria (Barcelona), se abre un espacio de debate y preguntas.

Luego del almuerzo, se emprende rumbo a Capital Federal para visitar la parroquia salesiana de La Boca (primera parroquia salesiana en el mundo), donde nos recibe el Padre Director. El Padre Alejandro León hace la visita guiada y relata la historia del templo. A su término, y luego de una breve visita a la Plaza de Mayo y la catedral Metropolitana, se visita el museo de la Iglesia Mater Misericordiae o Iglesia de los italianos, destino de los primeros salesianos que arribaron a América en 1875.

 foto 7

Centro espiritual misionero. Hijas de María Auxiliadora (Almagro/Buenos Aires)

 foto 8

Iglesia San Juan Evangelista (La Boca/Buenos Aires)

 

 Viernes 22

Después de la misa con el P. Inspector se inician las actividades de la última jornada. Don Zimniak expone una síntesis histórica acerca del desarrollo del Istituto Storico Salesiano y del ACSSA con el título: “Associazione cultori di storia salesiana” al servicio della promozione della ricerca storica sulla realtà salesiana nel mondo”. file:///G:/Congresos%202019/Seminario%20americano%20Salesiano%202019/
Zinmiak%20ASSOCIAZIONE%20>CULTORI%20DI%20STORIA%20SALESIANA-definitivo-33.pdf

 

foto 9

Don Franceso Motto ha preparado una intervención orientativa para la ponencia del Congreso Mundial 2020, con algunos criterios fundamentales.

foto 10

  1. Criterios Generales
  1. Determinar bien el título o subtítulo asignado a su personaje.
  2. Justificar la elección en la introducción
  3. Reducir los datos biográficos a lo esencial
  4. El texto del informe debe contener eventos, reflexiones, juicios con base histórica que estén documentados y sean documentables: a) contextualización exclusivamente necesaria para explicar la figura b) Fuentes variadas y de distintos archivos c)el impacto de la acción del protagonista en la comunidad salesiana, eclesial, civil c) la existencia de otras opiniones sobre el tema (bibliografía) d) Emitir un juicio crítico sobre el conjunto de opiniones.
  5. Tener en cuenta al lector que no pertenece necesariamente a la Familia salesiana.
  6. Tener en cuenta el carácter del personaje y su acción para indicar los límites y aspectos problemáticos o valores teniendo en cuenta el conjunto social, por ejemplo la comunidad donde vivía.
  7. El lenguaje medido, coherente y controlado siempre basado en la documentación, tratando de evitar el lenguaje “religioso”.
  8. No abusar de las citas entre comillas con frecuencias
  9. Sacar breves conclusiones
  10. Texto final de no más de 60.000 caracteres con espacios y bibliografía incluida.
  1. Para un acercamiento crítico a las Fuentes Salesianas de nuestro trabajo

 

  1. Los textos literarios como fuente histórica
  2. Fuentes salesianas
  3. Fiabilidad y tipología de las fuentes salesianas (crónicas de la casa, recuerdos personales, autobiografías, diario de un hermano/hermana/correspondencia personal, reconocimiento en la vida y elogios funerarios/fuentes orales/audiovisuales)
  4. Por qué siempre indique las fuentes de su investigación (manuscritas o impresas)
  5. Localización de las fuentes salesianas

Tras la intervención de Don Motto se abre el espacio de comentarios y preguntas.

Después del café Don Francesco Motto hace la evaluación del seminario. Marca la falta de personas de distintos países de América. Alrededor de 100 personas han participado contando todos los seminarios continentales. El nivel de las ponencias en Argentina ha sido bueno y todos han podido participar e intervenir. Hay un óptimo nivel de interés. Agradecer las visitas que hemos hecho a los lugares históricos salesianos. Han sido un interesantísimo complemento para nuestros trabajos.

Hay que pensar en el futuro del ACCSA, no sólo de los Congresos y Seminarios. Es importante el rol de los Inspectores que permitan y estimulen para la dedicación a la Historia por ello hay que crear una opinión común, una política cultural de la Congregación. Cada miembro puede propagar personalmente en sus casas sobre la experiencia de estos seminarios y de la historia salesiana.

Se abre el debate y la participación de todos para la valoración y evaluación del encuentro.

A cura di Dra.María Andrea Nicoletti Navarro y Nicolás Moretti

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]