appunti di pedagogia (2)

Appunti di pedagogia di Giulio Barberis (1847-1927)

Il sacerdote salesiano Giulio Barberis entra nella cerchia dei discepoli e collaboratori di don Bosco, riconosciuti come figure chiave per...

Raccolta di Ricerche Storiche Salesiane

Ricerche Storiche Salesiane vol68 2017 A036 n1

ANNO XXXVI – N. 1 (68) GENNAIO-GIUGNO 2017 SCARICA L’INDICE DEL FASCICOLO RSS vol68 2017 A036 n1 indice    ...

ciammaruconi 3

Un clero per la «città nuova»

PREFAZIONE di Augusto D’Angelo   Littoria, dal punto di vista storico, rappresenta un osservatorio interessante per molti motivi. È il...

Atti-ACSSA2015

Percezione della figura di don Bosco all’esterno dell’opera salesiana (SDB e FMA) dal 1879 al 1965

VI Convegno internazionale di studi organizzato dall’Associazione dei Cultori di Storia Salesiana (ACSSA), in collaborazione con l’Istituto Storico Salesiano; si terrà...

Raccolta di Ricerche Storiche Salesiane

Ricerche Storiche Salesiane vol67 2016 A035 n2

ANNO XXXV – N. 2 (67) LUGLIO-DICEMBRE 2016 SCARICA L’INDICE DEL FASCICOLO RSS vol67 2016 A035 n2 indice    ...

ACSSA19052016

Riunita la nuova Presidenza ACSSA

Il 19 maggio presso la sede dell’Istituto Storico Salesiano nella casa generalizia di Roma si è riunita la nuova Presidenza...

Mogliano Veneto 2016

Il servizio dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice durante la Grande Guerra

Si è  svolto a Mogliano Veneto (Treviso, Italia) con soddisfazione di tutti i numerosissimi partecipanti, il convegno nazionale di studio...

POZZO Vittorio

I salesiani di don Bosco nel paese dei cedri

Un nuovo volume di Vittorio Pozzo SDB. *** L’Istituto Storico Salesiano, l’Ambasciata del Libano presso la Santa Sede, la Casa Editrice...

Epistolario, (Don Bosco) vol. VII (1880-1881).

Epistolario, (Don Bosco) vol. VII (1880-1881)

È arrivato in libreria un nuovo volume dell’edizione critica delle lettere del santo. Lo ha curato, come i precedenti, don...

acssa02112015-DSCN4927

Percezione della figura di don Bosco all’esterno dell’opera salesiana (SDB e FMA) dal 1879 al 1965

VI Convegno internazionale di studi organizzato dall’Associazione dei Cultori di Storia Salesiana (ACSSA), in collaborazione con l’Istituto Storico Salesiano; si terrà...

BENEDIKTBEUERN GERMANIA 31 OTTOBRE – 4 NOVEMBRE 2012a

Benediktbeuern (Germania) Lo stato della storiografia salesiana nella regione

SEMINARIO EUROPEO Lo stato della storiografia salesiana nella regione. Conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale Benediktbeuern 31 ottobre – 4 novembre 2012 http://www.seminarioeuropeoacssa.altervista.org/...

CACHOEIRA DO CAMPO BRASILE 17-20 MARZO 2012

Cachoeira do Campo (Brasile) Lo stato della storiografia salesiana nella regione. Conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale

Seminario americano di storia salesiana. L’appuntamento avrà luogo in Brasile a “Retiro das Rosas” – Rodovia dos Inconfidentes, Km 75...

Kenia_Karen_Convegno14102011

Storia dell’Opera Salesiana in Africa-Madagascar

I Convegno Internazionale di Storia dell’Opera Salesiana in Africa-Madagascar  

testata50

Preparazione del 5° Convegno Internazionale dedicato al rettorato di don Michele Rua

All’inizio della riunione i Membri presenti della Presidenza hanno voluto ricordare il defunto don Ramón Alberdi, primo Presidente dell’ACSSA, il...

testata30

Ricerche in vista del 5° convegno internazionale su don Michele Rua

Al centro dei lavori è stata la valutazione dell’andamento delle ricerche in vista del 5° convegno internazionale su don Michele...

< >

Statuto

1. STATUTO DELL’ISTITUTO STORICO SALESIANO (ISS)

(aggiornato l’11 luglio 2017)

Titolo I. FINI E ATTIVITÀ

Art. 1. Fini
In conformità con la delibera del CG21, Atti n. 105 c, i fini dell’ISS sono:
1° Mettere a disposizione nelle forme scientificamente valide i documenti del ricco patrimonio spirituale lasciato da Don Bosco e sviluppato dai suoi continuatori.
2° Promuoverne lo studio, l’illustrazione e la diffusione.

Art. 2. Attività
Tali finalità vengono perseguite principalmente mediante tre tipi di lavoro:
1° L’edizione critica delle fonti significative, a cominciare dagli scritti di Don Bosco e dalle più importanti testimonianze coeve.
2° L’elaborazione di studi scientifici sulla storia di Don Bosco e salesiana.
3° La raccolta e valutazione critica della bibliografia concernente Don Bosco e la storia salesiana.
4. L’organizzazione, la promozione di convegni di studio inerenti alla storia salesiana.

Art. 3. Sezioni
Le attività di ricerca e di studio vertono intorno a tre fondamentali settori, ai quali corrispondono altrettante sezioni dell’Istituto.
1° Don Bosco
2° La storia salesiana
3° Le “Missioni salesiane”

Art. 4. Pubblicazioni
1° La produzione scientifica viene diffusa attraverso le seguenti modalità:
1.1. Collana – Fonti
1.2. Collana – Studi
1.3. Collana – Bibliografie
1.4. Collana – Piccola Biblioteca dell’ISS
1.5. Rivista periodica “Ricerche Storiche Salesiane”
1.5. Sito online
2° Si aggiunge una pubblicazione periodica, Ricerche Storiche Salesiane, che funge anche da organo di informazione dell’ISS e dell’ASC (Archivio Salesiano Centrale).

Titolo II. DIREZIONE E MEMBRI

Art. 5. Direttore
1° L’immediato governo dell’ISS è affidato a un direttore, nominato dal Rettor Maggiore udito il suo Consiglio.
2° Il direttore ha il compito di promuovere e coordinare le attività di ricerca e di studio di quanti operano nell’Istituto o vi sono formalmente associati, e di assicurare il consenso collegiale su ciò che viene pubblicato.

Art. 6. Consiglio direttivo
Il direttore dell’ISS è affiancato da un Consiglio, che risulta così composto:
il direttore dell’ISS, che lo presiede; i responsabili delle tre sezioni dell’ISS; il segretario di coordinamento; il responsabile dell’ASC sull’invito del direttore dell’ISS.

Art. 7. Membri
1° Gruppo stabile di lavoro a tempo pieno
A svolgere le attività previste dai compiti istituzionali dell’ISS (cfr. St. art. 1, 2, 3, 4) è deputato un gruppo di salesiani, che vi lavorano in modo stabile e permanente.
2° Associati
Con il gruppo stabile di lavoro possono collaborare in forme permanenti, parziali e temporanee gli «associati»; le modalità di collaborazione saranno esplicitamente concordate con il Consiglio Direttivo dell’ISS.
3°. Assemblea
Il Gruppo stabile di lavoro e i membri associati formano l’assemblea.

Titolo III. STRUMENTI E SUSSIDI DI LAVORO

Art. 8. Strumenti e biblioteca
1° Nel proprio lavoro l’ISS si vale degli strumenti e delle biblioteche esistenti a Roma, in particolare della Biblioteca Centrale Salesiana (BCS) in dotazione alla Casa Generalizia, di quelle dell’UPS e dei suoi Istituti e Centri.
2° L’ISS, inoltre, dispone di una sua biblioteca, selezionata in rapporto alla metodologia storica e ai campi specifici di indagine, in grado di agevolare l’impegno di ricerca e di studio di quanti vi operano.

Art. 9. Segreteria tecnica
I sussidi indispensabili per un’attività funzionale e produttiva vengono assicurati da un’apposita segreteria tecnica.

2. REGOLAMENTO

Per l’attuazione dello Statuto l’Istituto Storico Salesiano (ISS) segue il seguente Regolamento approvato dal Rettor Maggiore.

ARTICOLI GENERALI

1. In forza dei fini specifici, l’ISS è, per sé, istituto scientifico e non di divulgazione; ad essa peraltro può offrire materiali, informazioni e orientamenti validi. Perciò lo studio, l’illustrazione e la diffusione del patrimonio salesiano di cui tratta l’art. 1 dello Statuto, vanno intesi e attuati secondo i metodi propri della scienza storica.

2. L’ISS è un servizio scientifico organizzato dalla Società Salesiana per scopi ben definiti, con l’immediata dipendenza dal Rettor Maggiore e il massimo impegno di obiettività nello studio e nella ricerca, condotti secondo principi e metodi idonei.

3. La diretta responsabilità del Rettor Maggiore con il suo Consiglio nei riguardi dell’ISS sorge anche da esigenze di funzionalità; poiché l’ISS sussiste e si sviluppa in forza del costante impegno dell’intera Congregazione, chiamata a sostenerlo con soggetti capaci, mezzi finanziari adeguati, le indispensabili strutture, l’opera di traduzione e la divulgazione attraverso centri di studio e di formazione.

4. L’ISS deve considerarsi l’unico centro salesiano ufficiale in rapporto ai fini per cui è costituito.
Ciò non comporta il monopolio dell’attività di studio e di approfondimento della storia salesiana, per esempio a livello accademico, e delle iniziative di divulgazione, che sono estranee ai suoi compiti.

5. L’ISS in quanto tale è garante dell’attendibilità storico-scientifica e della validità dottrinale e salesiana soltanto della produzione espressa dalle proprie collane Fonti, Studi, Bibliografie, Piccola biblioteca dell’ISS, dalla rivista “Ricerche Storiche Salesiane” e Sito online.

6. L’ISS cura relazioni e interscambi con l’intera Famiglia Salesiana e specialmente con la Congregazione dei SDB, tra l’altro mantenendo vivo l’interesse per gli studi storici su Don Bosco e la vita salesiana, sollecitando l’apporto di informazioni e di libri, ricercando forme di sostegno di ogni genere, compreso quello finanziario.

7. L’ISS, inoltre, promuove integrazioni positive delle proprie attività, specialmente nei modi seguenti, fermo restando l’art. 2:
a) istituendo o riconoscendo sezioni o centri distaccati, dipendenti o strettamente collegati, che condividono l’identica disciplina scientifica, confluiscono ad attuare gli stessi piani di studio e di ricerca, pubblicano nelle collane e nella rivista comune;
b) assicurando il costante rapporto con l’Associazione Cultori di Storia Salesiana (ACSSA), istituita dall’ISS, a norma dello statuto dell’ACSSA (art. 5; art. 8.1).
c) intensificando gli scambi culturali con Centri salesiani di studio, di ricerca e di spiritualità, ed anzitutto con l’UPS (Centro Studi Don Bosco – CSDB), e le sue riviste “Salesianum” e “Orientamenti Pedagogici”, con la Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione Auxilium (Centro Studi sulle Figlie di Maria Ausiliatrice – CSFMA), mediante informazioni, comunicazione di bibliografie e di altre esperienze scientifiche e collaborazioni reciprocamente fruttuose;
d) rendendosi disponibile a collegamenti istituzionalizzati con identici Istituti Storici, che venissero promossi da altri gruppi della Famiglia Salesiana; su loro richiesta e mediante opportune convenzioni possono anche venir realizzate forme di collaborazione di altro tipo, con formule strutturate diverse.

8. Per un proficuo collegamento con le singole opere della Società Salesiana, Ispettorie, Case, ecc., e singoli membri di essa, l’ISS, per quanto è consentito opererà in stretta unione con la Segreteria Generale della Società stessa, la quale, d’intesa con il Rettor Maggiore, potrà pubblicare sugli Atti del Consiglio Superiore informazioni di particolare interesse per l’intera Congregazione.

Tit. I. FINI E ATTIVITÀ
(Statuto, art. 1-4)

Cap. I. Struttura dell’ISS

9. Le sezioni dell’ISS sono intese e attuate non come compartimenti incomunicabili, ma come settori di attenzione prevalente, che cercano di ricomporre, in ogni momento della ricerca, l’unità dell’esperienza storica di Don Bosco e salesiana.

10. La continuità e l’organicità delle diverse iniziative di studio sono garantite da un piano globale, elaborato dal Gruppo di lavoro, con le previsioni di attuazione a breve, medio e lungo termine. A questo piano, approvato dal Rettor Maggiore, vanno riferiti gli impegni e le collaborazioni scientifiche, che si andranno man mano definendo.

Cap. II. Attività e pubblicazioni

11. L’ISS, avendo il compito di promuovere lo studio scientifico della storia di Don Bosco e delle istituzioni da lui volute, si volgerà con impegno prioritario all’edizione critica delle fonti originali, affiancandola con studi di sicura attendibilità. E, inoltre, s’impegna a organizzare e promuovere convegni di studio inerenti alla storia salesiana (St. art. 2.4). È pure aperto a pubblicare nelle proprie collane, previo accordo con Consiglio direttivo, contributi di autori esterni all’ISS.

12. La rivista Ricerche Storiche Salesiane è espressione scientifica e operativa dell’ISS, aperta a contributi informativi sull’Archivio Salesiano Centrale.

13. La RSS è pubblicata sotto la diretta ed esclusiva responsabilità dell’ISS. Essa è edita presso la LAS con due fascicoli all’anno.

14. Ogni fascicolo delle RSS è composto da varie sezioni, quali:
Studi e ricerche
Testi inediti rari, di particolare interesse e di non grande estensione
Note, brevi studi, profili biografici
Rassegna bibliografica su Don Bosco e sull’Opera salesiana
Documentazioni e testimonianze su esperienze salesiane
storicamente significative
Recensioni e segnalazioni di scritti di storia riguardanti Don Bosco e
la vita salesiana
Cronache attinenti l’ISS e l’ASC o fatti connessi con la loro attività.

15. La conduzione della rivista è affidata a un Consiglio di Redazione, formato dal direttore dell’ISS, dai tre responsabili di sezione, dal segretario di coordinamento e dal capo-redattore.
a) I compiti del capo-redattore
– raccogliere il materiale dal Direttore dell’ISS
– organizzare la composizione del numero di rivista
– verificare l’esattezza di applicazione delle norme editoriali

16. Tutti gli scritti pubblicati nelle collane dell’ISS e nella rivista Ricerche Storiche Salesiane, prima di esser dati alle stampe, devono essere approvati da due studiosi di sicura competenza scelti dal Direttore, tra una lista di esperti compilata annualmente dal Gruppo stabile di lavoro.

17. Per le proprie pubblicazioni — le collane e la rivista Ricerche Storiche Salesiane — l’ISS si avvale come editrice della Libreria Ateneo Salesiano (LAS).
I rapporti tra l’ISS e l’editrice LAS sono regolati da apposita convenzione.

Tit. II. DIREZIONE E MEMBRI DELL’ISS
(Statuto, art. 5-7)

Cap. I. Le persone

18. Nell’ambito dell’ISS sono previste le seguenti categorie di operatori: stabili, associati, gli addetti alla Segreteria tecnica.
a) Sono considerati stabili i Salesiani destinati dai Superiori a lavorare nell’ISS con piena disponibilità e in modo continuativo (Statuto art. 7.1).
b) Sono considerati membri associati quanti concordano con la direzione precisi temi di studio e di ricerca e ragionevoli scadenze, insieme all’impegno formale di attenersi alla disciplina scientifica e dottrinale seguita dall’ISS e di destinare i risultati alle collane o alla rivista dell’ISS (Statuto art. 7.2).
c) Gli addetti alla Segreteria tecnica si fanno carico dell’esecuzione delle diverse attività e servizi che garantiscono la funzionalità dell’ISS, compresa la biblioteca, sito online e l’insieme dei sussidi.

19. I membri stabili dell’ISS sono nominati dal Rettor Maggiore, udito il Consiglio direttivo dell’ISS; rimangono tali fino al cambio di obbedienza.

20. I membri associati, a norma dell’art. 18.b., diventano tali in seguito al parere del Gruppo stabile di lavoro e avuto il consenso del Rettor Maggiore e, se necessario, del rispettivo Superiore ecclesiastico o religioso.

21. Il parere favorevole circa l’ammissione di un membro stabile oppure associato è subordinato, tra l’altro, ad un giudizio positivo circa la sua competenza nella metodologia storica e negli studi salesiani, l’idoneità alla ricerca e la disponibilità alla collaborazione scientifica.

22. Alla ricerca è riconosciuta la libertà che le è propria. Tuttavia quanto al tempo e alle forme di pubblicazione dei suoi risultati si seguiranno criteri di equilibrio e di saggezza, che tengano conto, fra l’altro, dell’indispensabile integrazione dei diversi contributi (fonti e studi) e dell’opportunità circa il tempo e i modi, ferme restando le prescrizioni ecclesiastiche e quelle salesiane.

23. I membri dell’ISS, proporzionalmente all’appartenenza alle diverse categorie, descritte nell’art. 18, a-b, avranno cura di attendere con assiduo lavoro al loro compito di ricerca e non potranno assumere impegni o uffici che li distolgano dai loro obblighi scientifici. Il loro impegno in favore dell’ACSSA non deve tornare a detrimento dell’attività dell’ISS.

24. L’assunzione di impegni parziali e temporanei al di fuori dell’ambito dell’ISS da parte dei membri stabili, come docenze, collaborazioni a pubblicazioni, attività pastorali di una certa consistenza è condizionata a un’intesa con il Direttore dell’ISS e all’assenso del Gruppo di lavoro.

Cap. II. Preparazione del personale

25. Per contribuire, in parte, alla preparazione di eventuali stabili o associati l’ISS potrà invitare a lavorare nella propria sede per periodi determinati di tempo salesiani particolarmente interessati agli studi promossi dall’ISS e disposti a condividerne la disciplina scientifica e a pubblicare nelle collane dell’ISS e sulla rivista Ricerche Storiche Salesiane.

26. L’impegno con gli invitati è assunto direttamente dal Direttore dell’ISS, d’accordo con il responsabile della sezione interessata, e l’autorizzazione del Rettor Maggiore e del rispettivo Ispettore salesiano.
L’invito è condizionato a una precisa definizione del lavoro da compiere, degli obiettivi da raggiungere e del tempo di permanenza presso l’ISS, con esclusione di altri impegni.

27. Il compito specifico di studio degli invitati potrà venire integrato dalla partecipazione a qualche seminario su temi di metodologia storica, di storia dei secoli XIX, XX e contemporanea , su specifici argomenti di storia salesiana.

28. L’invito potrà essere rivolto a salesiani in possesso della consueta cultura di base e di un’iniziazione almeno elementare alla metodologia storica, con qualità (età, energie fisiche, doti intellettuali e morali), da far sperare per il futuro in un fruttuoso impegno negli studi specifici o presso l’ISS o in Centri Salesiani di studio o nelle proprie Ispettorie.

Cap. III. Il Direttore

29. Il Direttore è responsabile di fronte al Rettor Maggiore della regolare attività dell’ISS nei vari aspetti: coerenza tra i fini e le iniziative concrete, impegno del personale addetto, validità scientifica, sicurezza dottrinale, senso di responsabilità nei confronti della Chiesa, della Società Salesiana e della Famiglia Salesiana.

30. Il Direttore è nominato dal Rettor Maggiore, udito il suo Consiglio, tra una terna designata dall’Assemblea dell’ISS, e dura in carica ad nutum Superioris.

31. La designazione della terna dovrà orientarsi su un confratello fornito delle doti necessarie e potrà comprendere soci salesiani che non appartengono all’ISS.

32. I compiti principali del Direttore sono:
a) Curare l’esatta osservanza dello Statuto e del Regolamento dell’ISS.
b) Promuovere e coordinare le attività dell’ISS e intrattenere positive relazioni con quanti vi operano ed anzitutto con i responsabili delle sezioni e il Segretario coordinatore.
c) Convocare e presiedere le riunioni del Consiglio Direttivo, del Consiglio di Redazione delle RSS, del Gruppo stabile di lavoro e dell’Assemblea.
d) Garantire la massima efficienza della Segreteria.
e) Rappresentare l’ISS presso Enti e Istituti scientifici.
f) Tenere costantemente informato il Rettor Maggiore del lavoro dell’ISS e dei problemi man mano emergenti.
g) Redigere una relazione annuale sulla vita dell’ISS da presentare al Rettor Maggiore. Tra l’altro, tale relazione conterrà un resoconto delle attività svolte e il piano di quelle previste entro l’anno.
h) Portare la responsabilità immediata della rivista RSS, in collaborazione con Consiglio di Redazione e il capo-redattore.
i) Mantenere costanti contatti con il Rettor Maggiore e con l’Economato Generale per quanto riguarda la gestione finanziaria e amministrativa dell’ISS, presentando annualmente il preventivo e il consuntivo delle spese.
j) Contribuire come membro di diritto all’azione della Presidenza ACSSA (vedi Statuto ACSSA, art. 8.1.)

Cap. IV. I responsabili delle sezioni

33. I responsabili delle sezioni hanno il compito di promuovere, assistere e coordinare sul piano esecutivo, insieme ai membri delle singole sezioni, gli studi e le ricerche attinenti il rispettivo settore, curando che trovino organica collocazione nel piano globale dell’ISS.

34. I responsabili delle sezioni, d’accordo con i rispettivi collaboratori, potranno proporre all’Assemblea variazioni ai piani previsti, nominativi di ricercatori da preparare o da inserire nel Gruppo stabile di lavoro o fra Membri associati dell’ISS e tutto ciò che può favorire le attività della propria sezione e dell’ISS nel suo insieme.

Cap. V. Il Segretario coordinatore

35. Il Segretario coordinatore collabora strettamente col Direttore nell’intera attività dell’ISS.
In particolare:
a) Sostituisce il Direttore assente o impedito.
b) Sorveglia il funzionamento della sezione ISS della Biblioteca Centrale Salesiana (BCS).
c) Redige i verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea dell’ISS.
d) Cura la cronaca dell’ISS per RSS.
e) Collabora con il Direttore nella redazione della relazione annuale, di cui all’art. 32 g.

36. Il Segretario coordinatore è eletto dall’Assemblea tra due nomi proposti dal Direttore. L’elezione deve essere confermata dal Rettor Maggiore.

Cap. VI. Il Consiglio direttivo

37. Al Consiglio direttivo spetta, in stretta unione con il Direttore:
a) Risolvere i problemi inerenti all’attuazione della programmazione o dei progetti.
b) Studiare i modi più opportuni per arricchire di nuovi apporti le collane dell’ISS.
c) Designare il capo-redattore della rivista.
d) Curare lo sviluppo della Biblioteca.
e) Controllare e, per quanto è possibile, accrescere le disponibilità finanziarie dell’ISS.
f) Dare il consenso a convenzioni e accordi e vigilarne l’osservanza.

38. La presenza del responsabile dell’ASC nel Consiglio direttivo dell’ISS non include alcun rapporto istituzionale tra i due Enti, che rimangono reciprocamente autonomi, in spirito di larga disponibilità.

Cap. VII. Il Gruppo stabile di lavoro e L’Assemblea

39. Il Gruppo stabile di lavoro e i membri associati sono destinati alle attività di studio e di ricerca presso l’ISS, a norma dell’art. 1.2.3.4 dello Statuto.

40. Il Gruppo stabile di lavoro e l’Assemblea sono convocate dal Direttore ogni qualvolta è necessario o opportuno per il corretto funzionamento dell’ISS; in ogni caso, non meno di quattro volte all’anno.

41. Il compito principale del Gruppo stabile di lavoro è assistere il Direttore nella gestione ordinaria dell’ISS, in particolare circa l’attività nella propria sede e i suoi strumenti di lavoro.

42. Compiti principali dell’Assemblea sono:
a) Svolgere le attività previste dai compiti istituzionali dell’ISS.
b) Approvare annualmente i piani di lavoro complessivi dell’ISS e delle singole sezioni.
c) Verificare periodicamente l’esecuzione dei piani programmati.
d) Fornire indicazioni e orientamenti al Consiglio direttivo e, tramite esso, al Rettor Maggiore circa le persone più idonee a svolgere attività promozionali nell’ISS: Direttore, Responsabile di sezione, Segretario coordinatore, ecc.
e) Trattare della cooptazione di altri membri stabili, della collaborazione di membri associati, dell’aggregazione temporanea degli invitati.
f) Stabilire l’appartenenza dei membri alle rispettive sezioni.
g) Offrire al Consiglio direttivo indicazioni per la preparazione dei bilanci.

Tit. III. STRUMENTI E SUSSIDI
(Statuto, art. 8-9)

Cap. I. Biblioteca

43. La biblioteca disporrà di locali sufficienti e adeguatamente attrezzati, in modo che libri, riviste, microfilms, microschede vengano conservati con cura, siano agevolmente accessibili a quanti operano nell’ISS, risultino disponibili a studiosi qualificati e autorizzati.

44. Per l’uso dei libri e del materiale custodito nella biblioteca sarà elaborato un regolamento particolare.

45. Annualmente si farà un piano per l’acquisto di libri in modo da rendere la biblioteca sempre meglio specializzata. Saranno curati in particolare i seguenti settori:
a) Metodologia e bibliografia storica con particolare attenzione ai più recenti orientamenti storiografici.
b) Opere fondamentali di storia civile e religiosa universale, continentale, nazionale e regionale.
c) Opere significative sui secoli XIX, XX e contemporanea dal punto di vista sociale, politico, educativo, religioso, e in particolare sul Risorgimento italiano.
d) Fonti e studi relativi a Istituti religiosi consacrati all’educazione e all’insegnamento.
e) Pubblicazioni su Don Bosco, la storia della Società Salesiana, le Missioni salesiane, l’Istituto delle FMA, i Salesiani Cooperatori, gli ex-allievi, e i gruppi della Famiglia Salesiana.

Cap. II. Segreteria tecnica

46. Sarà compito della Segreteria tecnica, in dipendenza dal Direttore dell’ISS, curare il lavoro relativo alla corrispondenza, alle registrazioni e al protocollo, alla manutenzione degli strumenti tecnici indispensabili alla ricerca e svolgere tutte le altre attività esecutive richieste dalla realizzazione delle collane dell’ISS e dalla regolare pubblicazione della rivista Ricerche Storiche Salesiane.

Disposizioni finali

47. Il Rettor Maggiore eserciterà il suo potere sull’ISS personalmente o per mezzo di un delegato.

48. Il presente Statuto e Regolamento è stato approvato dal Rettor Maggiore della Società di San Francesco di Sales, don Ángel Fernández Artime, l’11 luglio 2017.

Roma, 11 luglio 2017

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
[Top]