Di Alberto López Herrero (Misiones Salesianas)

Augusta Ngombu aveva solo 23 anni. Nonostante la sua giovinezza, ha avuto il tempo di realizzare il suo sogno: orfana da bambina, sfruttata e maltrattata da un parente è scappata di casa per sopravvivere in strada, vendendo il suo corpo per mangiare. I salesiani gli hanno salvato la vita, pagato per i suoi studi e le hanno permesso di avviare la propria azienda alimentare. Augusta è deceduta domenica 7 giugno, vittima dell'AIDS (HIV) e indirettamente del coronavirus: la paura di contrarlo in ospedale l’ha portata a smettere di assumere retrovirali per la sua malattia. La sua salute è peggiorata negli ultimi mesi fino alla sua morte.

Nonostante tutto il suo sorriso non è mai svanito e centinaia di messaggi e fotografie la ricordano sui social network ringraziandola per il suo lavoro nel programma di Don Bosco Fambul per aver salvato molti i minori nella prostituzione.

Rimasta orfana dall'età di 12 anni, la vera sofferenza di Augusta è arrivata quando un parente decise di prendersi cura di lei. La costringeva a vendere cibo per strada e, se non ne vendeva abbastanza, la picchiava. In questa situazione decise di fuggire di casa e iniziò a sopravvivere per strada. Lì non ebbe altra scelta che vendere il proprio corpo per mangiare. È stata sfruttata, maltrattata, picchiata, derubata e si è ammalata.

All'età di 16 anni la sua vita cambiò quando un missionario salesiano le si avvicinò e le offrì la possibilità di lasciare la strada. Tornò a scuola, finì il liceo, studiò cucina, fece uno stage in un ristorante "Voleva riuscire a pagarsi i suoi studi", ricorda il salesiano Jorge Crisafulli, direttore di Don Bosco Fambul. Quando nel 2016 il programma Girls Os + ha iniziato a salvare i minori prostituiti dalle strade, Augusta era già un esempio di successo e ha iniziato a dare lezioni di cucina a quelle ragazze che avevano vissuto la sua stessa situazione.

Ha partecipato alle riprese del documentario Love, in cui ha dichiarato: “Sono felice. Nessuno ride di me e non mi usa più. Faccio il mio lavoro, guadagno i miei soldi per questo e adoro quello che faccio. " Augusta ha sempre mostrato grandi capacità culinarie e un ristorante l'ha assunta dopo il suo internato. Nel 2018, da Missiones Salesianas abbiamo cercato di ottenere il suo visto per poter viaggiare a Ginevra e partecipare alla 38a sessione dei diritti umani, presso il Palazzo delle Nazioni Unite, ma il vincolo di tempo ha reso impossibile. La first lady della Sierra Leone ha partecipato all'evento e Augusta ha offerto la sua testimonianza in un messaggio registrato.

Nel febbraio 2019, Augusta ha anche subito discriminazioni come donna, giovane e povera quando le autorità hanno rifiutato il visto per recarsi in Europa per partecipare a vari eventi nelle istituzioni europee. Il motivo del diniego, nonostante le lettere di invito ufficiali, era che sarebbe potuta rimanere in Europa come migrante irregolare. Tuttavia, l'intermediazione dell'ambasciata spagnola ad Abidjan le ha permesso di ottenere il visto e viaggiare. Grazie a Missiones Salesianas e Don Bosco International (DBI), in due settimane ha partecipato a vari incontri e ha emozionato tutti coloro che l'hanno ascoltata con la sua testimonianza: a Bruxelles è stata accolta dall'allora presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, e ha partecipato insieme al ora il cardinale Michael Czerny in una riunione del COMECE (Conferenza episcopale dinanzi all'Unione europea) sull'azione della Chiesa cattolica contro la tratta di esseri umani.

A Malta ha partecipato all'evento europeo “Lost in Migration” con il documentario Love e al tavolo sulla “Protezione dei minori sulla rotta migratoria: origine, transito e accoglienza”. Inoltre, e stata ricevuta al palazzo del Gran Maestro a La Valletta dall'allora presidente del paese, Marie-Louise Coleiro Pricaff, che le diede il suo numero di telefono personale e le disse: "D'ora in poi ho un'altra figlia con te in Sierra Leone".

Augusta in breve tempo è diventata la persona della Sierra Leone che ha visitato la maggior parte delle istituzioni europee. A Roma, grazie all'interesse personale della giornalista di Vatican News Patricia Ynestroza, Augusta ha partecipato a un'udienza di Papa Francesco in Piazza San Pietro le parole della giovane Sierra Leonese sono state: "E’ stato il giorno più felice della mia vita". Gli ha dato la testimonianza delle ragazze di Don Bosco Fambul che vogliono abbandonare la prostituzione e ha chiesto la benedizione per tutte loro. Papa Francesco, con grande vicinanza, dopo aver saputo che era una cuoca gli chiese se cucinava bene. A Torino ha avuto l'opportunità di incontrare il Rettor Maggiore dei Salesiani, Don Ángel Fernández Artime, che le ha donato una piccola statua di Don Bosco che da quel momento in poi la accompagnava sempre.  

Il documentario Love e Augusta con le loro testimonianze sono riusciti a cambiare la vita di molti minori in Sierra Leone. Il governo del paese ha finalmente iniziato a vedere questi minori come le vittime di un sistema e di abusi promuovendo nuove leggi che impediscono loro di essere detenuti dalla polizia.

Al suo ritorno a Freetown, Augusta ha realizzato il suo sogno di aprire un ristorante ed esporre tutte le foto delle personalità che aveva incontrato in Europa. Nelle parole del direttore di Don Bosco Fambul, che l'ha sempre accompagnata, il ricordo di Augusta: “La morte l'ha presa nel momento migliore della sua vita. Ha potuto realizzare il suo sogno e ci lascia un messaggio molto chiaro: che c'è sempre una seconda possibilità nella vita. Lei lo ha fatto ed è un modello per tante ragazze che potranno seguire le sue orme. Ci lascia un grande testimonianza di vita ", afferma Jorge Crisafulli.  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo